login  Login  
Password dimenticata?
Facebook   Twitter   YouTube   Feed RSS
 
 

aree tematiche

 

Noi per te

 

App My Adiconsum

 

Servizio civile nazionale

 

Ti vuoi informare

 

Centro di prevenzione usura

 

Centro Europeo Consumatori Italia

 

 

comunicati rss stampa


ricerca

 

18 dicembre 2012
 

 


SPORTELLO FAMIGLIA 2012

 

31,4% di chiamate da over 65; aumentate le richieste telefoniche e via mail


Adiconsum ha presentato nel corso del Convegno “Sottoindebitiamoci-Nuovi poveri: anatomia della crisi” la relazione sull’attività svolta dal proprio “Sportello Famiglia” nei primi 10 mesi del 2012.

Adiconsum – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum - svolge attività di assistenza e tutela alle famiglie in condizioni di disagio economico e di emarginazione sociale da oltre un decennio. L’attività dello “Sportello Famiglia” che si concretizza sia attraverso un’assistenza online che telefonica, negli ultimi due anni (2011-2012) è stata garantita grazie anche al contributo di Poste Italiane S.p.A.. 

Solo nei primi 10 mesi del 2012 – prosegue Giordano – le richieste di assistenza online hanno registrato un aumento del +7,65% rispetto al 2011 e quelle di assistenza telefonica di un +15,8%. Da evidenziare il dato del 31,4% di chiamate da parte di persone over 65.

Gli over 65 con cui siamo venuti in contatto merita una riflessione – continua Giordano – perché si tratta di persone che a causa dell’età incontrano difficoltà nell’accesso al credito, sono spesso vittime di truffe, vivono sole e in condizioni abitative scarse, hanno problemi di salute, e versano in condizioni di disagio psicologico.

Dal 1988 Adiconsum è anche l’unica associazione consumatori ad aver ottenuto il riconoscimento del Ministero dell’Economia e delle Finanze a svolgere attività di prevenzione del sovraindebitamento e dell’usura verso le famiglie.  Il 13% delle persone che si sono rivolte allo Sportello Famiglia con gravi difficoltà di tipo economico, con impossibilità di accesso al credito legale attraverso i normali canali bancari, sono state indirizzate al Fondo di prevenzione usura. 
Nei primi 10 mesi del 2012 le domande di accesso al Fondo sono state 267. Il 62,50% delle domande è stato presentato da soggetti: di sesso maschile con età media di 48 anni; con un numero medio di componenti del nucleo famigliare di 2,5; con un reddito netto medio dichiarato di circa 1.700 euro; un debito complessivo intorno ai 50.000 euro; con una spesa media mensile di 1.600 euro.

Al riguardo – continua Giordano -  i dati da segnalare sono la percentuale di separati/divorziati (19,50%) che si rivolge al Fondo, subito dopo i coniugati e a brevissima distanza dai single (21%); il basso numero dei figli (il 46.80% dichiara di non averne); i lavoratori con contratto di lavoro a tempo indeterminato (55,10%), seguiti dai pensionati (23,20%).

Ma meritano una particolare attenzione - prosegue ancora Giordano - i dati relativi alle motivazioni che hanno portato le famiglie a sovraindebitarsi, e quindi a rivolgersi al Fondo, perché accanto alla diminuzione del reddito, seguito dalle difficoltà nel sostentamento e alla sopravvalutazione/errata valutazione degli introiti, si fa strada anche un preoccupante 2,60% di soggetti sovraindebitati a causa del gioco.

Risulta più che chiaro che la crisi – conclude Giordano - ha colpito particolarmente le fasce più deboli della società, troppo spesso senza protezione adeguata e sempre più esposte ad un vecchio welfare che non riesce più a coprire complessivamente lo stato di emergenza che stanno vivendo gli anziani i separati/divorziati e chi, alla ricerca di un colpo di fortuna, è diventato gioco-dipendente. La strada giusta è quella di un welfare sociale che, così come fa il Fondo di prevenzione usura di Adiconsum, riesca a lenire le forti emergenze che rischiano di disgregare la nostra società.

Sportello Famiglia Adiconsum

 


Share |

 


 
 

Archivio >>