login  Login  
Password dimenticata?
Facebook   Twitter   YouTube   Feed RSS
 
 

aree tematiche

 

Noi per te

 

App My Adiconsum

 

Servizio civile nazionale

 

Ti vuoi informare

 

Centro di prevenzione usura

 

Centro Europeo Consumatori Italia

 

 

eventi rss stampa


ricerca

 

14 settembre 2012
 

 


CRISI: IL 18 SETTEMBRE A PIAZZA MONTECITORIO PRESIDIO DELLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI (ADICONSUM, ADOC, ADUSBEF, CITTADINANZATTIVA, FEDERCONSUMATORI E MOVIMENTO CONSUMATORI) CONTRO IL CARO VITA E PER RIVENDICARE MISURE PER LO SVILUPPO.

 

La situazione economica che il Paese e le famiglie stanno affrontando è rischia di divenire insostenibile: è pertanto indispensabile individuare soluzioni che portino da subito ad una decisa ripresa dell’economia nazionale.

Speculazioni sui prezzi, aumento incredibile della tassazione e delle tariffe, costo dei carburanti livelli da record: sono solo alcuni dei problemi che le famiglie e i cittadini devono affrontare quotidianamente. Il blocco dei consumi, la disoccupazione e la mancanza di aspettative per il futuro impediscono ogni rilancio dell’economia

Per questo, il 18 settembre Adiconsum, Adoc, Adusbef, Cittadinanzattiva, Federconsumatori, Movimento Consumatori organizzeranno un presidio davanti al Parlamento per richiedere al Governo l’attuazione immediata di alcune misure ormai inevitabili:

- Una lotta all’evasione fiscale senza mezze misure destinando l’extra gettito a ridurre la tassazione per famiglie, cittadini e imprese;

- La realizzazione dell’accisa mobile, uno strumento in grado di riequilibrare la tassazione attraverso una diminuzione dell’accisa quando aumenta l’IVA sul prezzo industriale della benzina, a causa dell’andamento del costo del petrolio;

- Efficace vigilanza sull’andamento dei prezzi e delle tariffe, e immediata emanazione della legge annuale sulla Concorrenza;

- L’introduzione anche nel settore dei servizi pubblici locali di misure a favore delle fasce reddituali più deboli mediante il sistema delle tariffe sociali;

- Detassazione dei costi del lavoro, a vantaggio dei lavoratori e del loro potere d’acquisto al fine di rilanciare i consumi.

 


Share |

 


 
 

Archivio >>