login  Login  
Password dimenticata?
Facebook   Twitter   YouTube   Feed RSS
 
 
 

aree tematiche

 

Noi per te

 

App My Adiconsum

 

Servizio civile nazionale

 

Ti vuoi informare

 

Centro di prevenzione usura

 

Centro Europeo Consumatori Italia

 

 

alimentazione > mangiare corretto

PASTA E BURRO ASSOLTI, NON FANNO INGRASSARE, ANZI…
PASTA E BURRO ASSOLTI, NON FANNO INGRASSARE, ANZI…
Lo dicono uno studio italiano e uno statunitense
05 luglio 2016

Buone notizie per gli amanti della pasta al burro. Due distinte ricerche assolvono questi alimenti tanto amati dagli italiani.


Chi ha bandito la pasta pensando che faccia ingrassare può ripensare questa scelta alimentare: secondo uno studio italiano condotto presso il Dipartimento di Epidemiologia dell'IRCCS Neuromed di Pozzilli (Isernia) chi consuma in media 50 grammi di pasta al dì, o comunque una quantità equivalente al 10% delle calorie giornaliere totali, tende a essere più "magro" di chi invece ne limita il consumo.

La pasta è infatti una fonte di carboidrati (zuccheri complessi) a “indice glicemico” moderato.

 

Per indice glicemico si intende la velocità con cui l'alimento viene trasformato in zucchero semplice (glucosio) dall'organismo.

Minore è la velocità, più salubre è l'alimento.

 

Basti pensare che se assumiamo una bibita zuccherata o  uno snack confezionato,  ricchi di zuccheri, quindi con un indice glicemico elevato subiamo un picco glicemico (cioè la quantità di zuccheri nel sangue si impenna repentinamente). La pasta, invece, ha un indice moderato, anche più basso di riso, pane, patate.

 

Nel caso del burro, accusato per anni di essere causa di malattie cardiovascolari e per questo motivo eliminato da ogni dieta,  secondo una ricerca ricerca condotta dalla Friedman School of Nutrition Science and Policydella Tufts University (Usa) su oltre 635mila persone e pubblicata sulla rivista Plos One, questo alimento non solo non fa ingrassare ma, addirittura, previene il diabete. Tutto in virtù dell’eccessiva quantità di grasso di latte presente durante la lavorazione.

Colpevole di causare malattie cardiovascolari non è quindi il burro, ma lo stile di vita di chi assume questo alimento.

Ci stiamo allontanando dalle posizioni rigide e intransigenti che costringevano i consumatori a diete severe e fortemente penalizzanti e quindi controproducenti.  Come in tutte le cose la differenza la fa la quantità. Uno stile di vita sano che elimina gli eccessi è la risposta giusta.

 

Share |
 

 

contenuti correlati

  • in primo piano
  • eventi
  • video
L’ITALIA È TRA I PAESI EUROPEI DOVE SI MANGIA...
Secondo i dati Eurostat più di un terzo degli europei sopra i 15 anni (34,4%) non mangia nemmeno un frutto o verdura al giorno, ma  il nostro Paese si posiziona quarto tra i Paesi...
 
IL SALE? NÉ TROPPO NÉ TROPPO POCO
Demonizzarlo non serve, ma assumerne la giusta quantità sì. Stiamo parlando del sale da tavola, il cloruro di sodio. È in stretto rapporto con il potassio, nei confronti del quale...
 
SPRECHI ALIMENTARI, FINALMENTE LA LEGGE
Il nostro Pese si è finalmente dotato di  una normativa contro gli sprechi alimentari con la legge 166/2016 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il 30 agosto scorso. Finalità del...
 
Archivio >>
11 novembre 2015 | mangiare corretto
MERCOLEDI' 11 NOVEMBRE
Adiconsum a Tgcom24 Mercoledì 11 novembre dalle ore 16, Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum, interverrà in diretta a Tgcom24 per parlare di LATTE

07 luglio 2014 | mangiare corretto
LUNEDÌ 7 LUGLIO
Adiconsum Convegno Agroalimentare Lunedì 7 luglio 2014 - ore 9.00 CNEL - Sala del Parlamentino Roma – Viale David Lubin, 2                ...

26 marzo 2014 | mangiare corretto
MERCOLEDI' 26 MARZO
Adiconsum  UnoMattina Mercoledì 26 marzo, Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum, parteciperà in diretta dalle ore 7.30 alla trasmissione di UnoMattina, per parlare di...

Archivio >>
12 giugno 2012 | mangiare corretto
GUIDA AI DISTRIBUTORI AUTOMATICI
L'uso dei distributori automatici di alimenti e bevande fa ormai parte dei nostri gesti quotidiani. Per questo Adiconsum ha realizzato insieme con Confida, l'associazione della distribuzione...

04 aprile 2012 | mangiare corretto
Come riconoscere la Colomba di qualità
Perché la colomba, dolce tipico pasquale, sia di qualità deve rispettare alcune condizioni: la lievitazione naturale, la presenza obbligatoria ed esclusiva di burro e le uova...

04 aprile 2012 | sicurezza degli alimenti
La sorpresa delle uova di cioccolato
Ancora per quest'anno sulla confezione di molte uova di Pasqua troveremo etichette con la dicitura "cioccolato puro". La Corte di giustizia UE ha, infatti, giudicato fuorviante questa nozione...

Archivio >>
Informazioni e Tutele

 

Progetti & Iniziative

 nessun progetto presente