login  Login  
Password dimenticata?
Facebook   Twitter   YouTube   Feed RSS
 
 
 

aree tematiche

 

Noi per te

 

App My Adiconsum

 

Servizio civile nazionale

 

difendi i tuoi diritti

 

Centro di prevenzione usura

 

Centro Europeo Consumatori Italia

 

 

alimentazione > mangiare corretto

ENERGY DRINK: L’EUROPARLAMENTO DICE STOP AD USO INGANNEVOLE DELLE INDICAZIONI NUTRIZIONALI
ENERGY DRINK: L’EUROPARLAMENTO DICE STOP AD USO INGANNEVOLE DELLE INDICAZIONI NUTRIZIONALI
10 luglio 2016

È  scontro tra Commissione europea e Parlamento sull’opportunità o meno di fornire indicazioni nutrizionali –secondo il Parlamento europeo “ingannevoli”-  sugli Energy drink, le bevande tanto amate dai giovanissimi, il cui uso può comprometterne crescita e salute. 


In nome della tutela della crescita sana, il Parlamento europeo ha quindi bloccato la proposta di regolamento della Commissione Ue che intendeva promuovere le proprietà delle bevande sostenendone «la capacità di aumentare l’attenzione o la concentrazione».


Vietato decantarne le lodi, dunque, e sponsorizzare le proprietà di queste bevande che sono assunte regolarmente nella Ue dal 68% degli adolescenti e il 18% dei bambini, con un bambino di undici anni su tre in sovrappeso o obeso.


Nella risoluzione del Parlamento  si ricorda che una bibita energizzante da 250ml può contenere fino a 27 grammi di zucchero e 80 milligrammi di caffeina, e che il 25% degli adolescenti ne beve tre o più lattine al giorno.


Questo  nonostante le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) di non assumere più del 10% dell’apporto energetico giornaliero di zuccheri semplici.


La stessa Oms ricorda che un riduzione del 5% (circa 25 grammi al giorno) di glucosio fornirebbe benefici per la salute.


Infine le bibite energizzanti, si ricorda a Strasburgo, sono state associate a cefalea, disturbi del sonno e problemi comportamentali nei bambini e adolescenti che ne fanno regolarmente uso.


Ora l’Esecutivo comunitario non potrà adottare il testo, e sarà costretto a ritirarlo per presentarne una nuova versione.

 

Share |
 

 

contenuti correlati

  • in primo piano
  • eventi
  • video
L’ITALIA È TRA I PAESI EUROPEI DOVE SI MANGIA...
Secondo i dati Eurostat più di un terzo degli europei sopra i 15 anni (34,4%) non mangia nemmeno un frutto o verdura al giorno, ma  il nostro Paese si posiziona quarto tra i Paesi...
 
IL SALE? NÉ TROPPO NÉ TROPPO POCO
Demonizzarlo non serve, ma assumerne la giusta quantità sì. Stiamo parlando del sale da tavola, il cloruro di sodio. È in stretto rapporto con il potassio, nei confronti del quale...
 
SPRECHI ALIMENTARI, FINALMENTE LA LEGGE
Il nostro Pese si è finalmente dotato di  una normativa contro gli sprechi alimentari con la legge 166/2016 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il 30 agosto scorso. Finalità del...
 
Archivio >>
11 novembre 2015 | mangiare corretto
MERCOLEDI' 11 NOVEMBRE
Adiconsum a Tgcom24 Mercoledì 11 novembre dalle ore 16, Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum, interverrà in diretta a Tgcom24 per parlare di LATTE

07 luglio 2014 | mangiare corretto
LUNEDÌ 7 LUGLIO
Adiconsum Convegno Agroalimentare Lunedì 7 luglio 2014 - ore 9.00 CNEL - Sala del Parlamentino Roma – Viale David Lubin, 2                ...

26 marzo 2014 | mangiare corretto
MERCOLEDI' 26 MARZO
Adiconsum  UnoMattina Mercoledì 26 marzo, Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum, parteciperà in diretta dalle ore 7.30 alla trasmissione di UnoMattina, per parlare di...

Archivio >>
17 aprile 2018 | mangiare corretto
Sai cosa mangi?
SAI COSA MANGI? Adiconsum lancia un brevissimo sondaggio online rivolto ai ragazzi dai 14 ai 19 anni sulle abitudini alimentari, per incentivare un rapporto più consapevole e responsabile con...

12 giugno 2012 | mangiare corretto
GUIDA AI DISTRIBUTORI AUTOMATICI
L'uso dei distributori automatici di alimenti e bevande fa ormai parte dei nostri gesti quotidiani. Per questo Adiconsum ha realizzato insieme con Confida, l'associazione della distribuzione...

04 aprile 2012 | mangiare corretto
Come riconoscere la Colomba di qualità
Perché la colomba, dolce tipico pasquale, sia di qualità deve rispettare alcune condizioni: la lievitazione naturale, la presenza obbligatoria ed esclusiva di burro e le uova...

Archivio >>
Informazioni e Tutele

 

Progetti & Iniziative

 nessun progetto presente