login  Login  
Password dimenticata?
Facebook   Twitter   YouTube   Feed RSS
 
 
 

aree tematiche

 

Noi per te

 

App My Adiconsum

 

Servizio civile nazionale

 

Ti vuoi informare

 

Centro di prevenzione usura

 

Centro Europeo Consumatori Italia

 

 

spese / soldi > spese famiglia

CALDAIA: 5 BUONI MOTIVI PER MANUTERLA
CALDAIA: 5 BUONI MOTIVI PER MANUTERLA
Una guida ad hoc con gli ultimi aggiornamenti in tema di riscaldamenti
29 novembre 2016

Le previsioni di questi giorni parlano di un arrivo delle basse temperature nel nostro Paese e quindi se in tante zone finora è stato possibile non accendere i riscaldamenti, ora è arrivato il momento di rispolverare le caldaie e di aggiornarsi sulle ultime normative in tema di termosifoni.

 

Caldaiette

Manutenere il proprio impianto termico non è un vezzo e non deve essere considerata una spesa inutile.

 

Se hai un impianto di riscaldamento autonomo, puoi trovare un valido aiuto nella Guida realizzata dall’Enea, col contributo del Ministero dello Sviluppo Economico, in collaborazione con alcune Associazioni Consumatori dal titolo “La climatizzazione degli ambienti-Guida per l’esercizio, controlli e manutenzione degli impianti termici”.


Manutere il proprio impianto non è comunque solo un obbligo di legge, ma esistono dei validi motivi per farlo:

 

5 buoni motivi per manutere correttamente l’impianto termico:

1.   per una maggiore sicurezza per gli utenti

2.   per una maggiore tutela della salute

3.   per una riduzione dei consumi energetici

4.   per un risparmio economico

5.   per minori emissioni e minore inquinamento.


Così come sono importantissimi i controlli:

2 sono i controlli cui bisogna sottoporre l’impianto termico:

1.   il controllo di sicurezza (manutenzione periodica)

2.   il controllo dell’efficienza energetica


Periodicità dei controlli:

·      di solito annuale per la manutenzione o comunque come prescritto dalla ditta installatrice o dal costruttore

·      di solito ogni 4 anni per il controllo dell’efficienza energetica, ma dipende dal tipo di impianto (come si evince dalla seguente tabella)


Che cosa succede se non si rispettano le norme?

Sanzioni

·      In caso di non rispetto dei controlli la sanzione amministrativa va dai 500 ai 3000 euro.


Impianti soggetti alle ispezioni

Non sono soggetti gli impianti per il riscaldamento con potenza termica utile nominale inferiore a 10 kW e di climatizzazione estiva inferiore ai 12 kW.

·      Per impianti di climatizzazione invernale con potenza tra 10 e 100 kW e quelli estivi compresa tra 12 e 100kW:

Ø  l’ispezione è sostituita dal controllo documentale, cioè dal rapporto di controllo di efficienza energetica redatto dal manutentore

Ø  Solo se il rapporto presenta delle criticità viene predisposta l’ispezione sul campo, che invece avviene per tutti gli altri tipi di impianti.

 

Ricordiamo inoltre che:

Ø  dal 15 ottobre 2014 è in vigore un nuovo libretto di manutenzione dell’impianto

Ø  da fine settembre 2015 è in vigore una nuova etichetta energetica:

Ø  da A+ a G per gli apparecchi di riscaldamento

Ø  da A a G per gli apparecchi per la produzione di acqua calda sanitaria

·      da fine settembre 2015 potranno essere prodotte solo caldaie a condensazione (a parte un tipo di caldaia “a camera aperta” laddove esistono problemi tecnici)

 

IMPORTANTE: Per maggiori info consulta la Guida integrale sugli impianti termici e per assistenza rivolgiti alle sedi territoriali Adiconsum e ai nostri sportelli del progetto “Energia: diritti a viva voce”, il progetto finanziato dalla Cassa conguaglio per il settore elettrico su disposizione dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas, per rendere i consumatori più informati e più consapevoli in materia di energia e gas.




 

Share |
 

 

contenuti correlati

  • in primo piano
  • eventi
  • video
BONIFICI ACCREDITATI IN 10 SECONDI: ORA SI PUÒ,...
Si chiamano bonifici istantanei e sono l’ultima frontiera in fatto di instant payments. Da martedì 21 novembre in tutti i Paesi dell’area SEPA (34 in tutto) potranno essere fatti...
 
TASSA RIFIUTI: ADICONSUM CATANZARO SCRIVE AL...
Catanzaro è uno dei tanti Comuni investiti dalla vicenda TARI gonfiata. Adiconsum Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia ritiene che la situazione confusa e caotica debba essere affrontata con...
 
TASSA RIFIUTI GONFIATA: COSA FARE SE È CAPITATO...
Non c’è pace per i consumatori. Stavolta per un errore di interpretazione dei Comuni, moltissimi cittadini hanno pagato un salasso non dovuto di tassa dei rifiuti, la famigerata TARI. ...
 
Archivio >>
27 ottobre 2017 | spese famiglia
27 OTTOBRE
Venerdì 27 ottobre dalle ore 10.30 Adiconsum parteciperà, con il Presidente Carlo De Masi, a attesissimo evento  #Ccresce ,  Il CoLAP Cresce e Rilancia:  E...

17 ottobre 2017 | bollette
17 OTTOBRE 2017
Locandina  Mercato elettrico e del gas: fine della     tutela e benefici delle liberalizzazioni

06 ottobre 2017 | spese famiglia
6 OTTOBRE
Adiconsum a Radio Roma Capitale Adiconsum In diretta dalle 13.30 ai microfoni della trasmissione “Ma che parlate a fa" in onda su Radio Roma Capitale,  parlare della vicenda pacchi...

Archivio >>
14 giugno 2017 | spese famiglia
Walter Meazza - VII Congresso Adiconsum
Per visualizzare il Video in HD clicca qui


16 novembre 2016 | spese famiglia
Difendi i tuoi diritti. Iscriviti ad Adiconsum
Iscriversi ad Adiconsum è semplice: puoi farlo da pc o tramite la app Adiconsum Reclami 2.0. Scopri i vantaggi di diventare Socio Adiconsum!

Archivio >>