login  Login  
Password dimenticata?
Facebook   Twitter   YouTube   Feed RSS
 
 
 

aree tematiche

 

Noi per te

 

App My Adiconsum

 

Servizio civile nazionale

 

Ti vuoi informare

 

Centro di prevenzione usura

 

Centro Europeo Consumatori Italia

 

 

spese / soldi > bollette

BOLLETTE A 28 GG: FACCIAMO IL PUNTO
BOLLETTE A 28 GG: FACCIAMO IL PUNTO
Rimborsi e ricorso degli operatori al Tar del Lazio, le questioni ancora sul tavolo
09 febbraio 2018

Hanno tempo fino al 4 aprile 2018, gli operatori della telefonia fissa e mobile e delle paytv per abbandonare la fatturazione a 28 giorni e ritornare alla fatturazione su base mensile o su multipli mensili, pena il pagamento di un indennizzo forfettario di 50 euro ad ogni consumatore, maggiorato di 1 euro per ogni giorno di ritardo.

 

Il ritorno alla fatturazione mensile sta comportando, purtroppo, in molti casi, un aggravio di costi per i consumatori. Infatti, gli operatori, non essendo riportata alcuna indicazione in merito nella legge 172/2017, stanno ritornando sì alla fatturazione mensile, ma cambiando le condizioni contrattuali ed in particolare il rapporto costi/servizi.

 

Il diritto di recesso

L’unica arma in possesso dei consumatori contro un eventuale peggioramento delle condizioni del proprio contratto con l’operatore della telefonia o della paytv sta nell’esercitare il diritto di recesso.

Quanto tempo abbiamo per esercitarlo? 1 mese di tempo dal ricevimento della variazione comunicata dall’operatore.

 

Pertanto, il primo consiglio è quello di:

·      verificare se nel cambio d’offerta ne traiamo un vantaggio o uno svantaggio

·      nel caso ne discenda uno svantaggio, controllare la data di invio della comunicazione e quindi analizzare le proposte degli altri operatori alla ricerca di un’offerta che possa fare al caso nostro.

 

IMPORTANTE

Se il recesso viene fatto entro il termine di 1 mese, il passaggio ad altro operatore avverrà:

·      senza il pagamento di penali

·      senza il pagamento di costi di disattivazione

·      senza la restituzione di importi relativi a promozioni già godute.

 

 

I rimborsi

L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) ha anche intimato a Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb, di rimborsare ai consumatori le somme ingiustamente pagate dal 23 giugno 2017, stornandole dalla prima bolletta mensile. In merito a questi rimborsi, però, è tutto fermo. Le compagnie telefoniche, infatti, sono in attesa della decisione del Tar del Lazio che si dovrebbe pronunciare nei prossimi giorni sul ricorso da loro presentato contro la fatturazione a 28 gg. Insomma, non ci resta che attendere.


Per info e assistenza, contatta le sedi territoriali Adiconsum



 

Share |
 

 

contenuti correlati

  • in primo piano
  • eventi
  • video
BOLLETTE TELEFONICHE DA 28 GG A 1 MESE CON...
Ai sensi della Legge 172/2017 per i servizi di comunicazione elettronica e reti televisive, dal 25/03 i servizi e le eventuali promozioni attive sul tuo numero subiranno una modifica...
 
BOLLETTE LUCE E ONERI NON RISCOSSI: PERCHÉ A...
Siamo alle solite. Come sempre succede in questo Paese, quando c’è un problema e ci sono aziende che non rientrano dei propri profitti, si attinge sempre dalle tasche dei consumatori...
 
ACQUA: SUI CONGUAGLI REGOLATORI DI ABBANOA HA...
        ·      cessare subito ogni richiesta di pagamento ·      continare a riscuotere somme relative...
 
Archivio >>
17 gennaio 2018 | bollette
MERCOLEDI' 17 GENNAIO
Adiconsum al 1° Forum REGREENERATION Mercoledì 17 gennaio 2018, Adiconsum partecipa, in qualità di relatore, a Roma, presso l'Hotel Nazionale, al 1° Forum...

19 ottobre 2017 | bollette
19 OTTOBRE 2017
Riscaldamenti: Adiconsum partecipa a "Attenti al lupo" (TV2000) Giovedì 19 ottobre, Adiconsum partecipa in diretta, dalle ore 19.00, alla trasmissione “Attenti al lupo” su Tv 2000 per...

17 ottobre 2017 | bollette
17 OTTOBRE 2017
Locandina  Mercato elettrico e del gas: fine della     tutela e benefici delle liberalizzazioni

Archivio >>

13 luglio 2016 | bollette
VICENDA ABBANOA: UNA STORIA INFINITA
Tra pratiche scorrette e richieste di depositi cauzionali e di conguagli regolatori agli utenti sardi da parte del gestore idrico Abbanoa, l'impegno di Adiconsum Sardegna e Adiconsum Nazionale a...

11 novembre 2014 | benessere
Riscaldare casa

Archivio >>