login  Login  
Password dimenticata?
Facebook   Twitter   YouTube   Feed RSS
 
 
 

aree tematiche

 

Noi per te

 

App My Adiconsum

 

Servizio civile nazionale

 

Ti vuoi informare

 

Centro di prevenzione usura

 

Centro Europeo Consumatori Italia

 

 

telecomunicazioni / tecnologia > 

DI NOTTE I FARMACI SONO ANCORA PIÙ CARI? FACCIAMO CHIAREZZA!
DI NOTTE I FARMACI SONO ANCORA PIÙ CARI? FACCIAMO CHIAREZZA!
Ecco tutti i casi in cui si pagano!
13 dicembre 2017

Comprare i medicinali durante la notte sarà molto più caro. Dopo un blocco durato 24 anni, infatti, gli aumenti previsti dalla legge saranno ingenti.

 

I costi

Ecco come cambierà il sovrapprezzo per il turno notturno:

·      nelle farmacie urbane e rurali non sussidiate, il sovrapprezzo passerà da 3,87 a 7,50 euro;

·      negli esercizi sussidiati presenti nelle aree rurali, invece, il sovrapprezzo arriverà addirittura a 10 euro in spese extra sullo scontrino.

 

I nuovi prezzi riguardano tutti i farmaci: sia quelli per uso umano (preparati dalla farmacia o di produzione industriale) che i medicinali veterinari (anche in questo caso sia realizzati in farmacia che di produzione industriale).

 

IMPORTANTE: Le cifre aggiunte sullo scontrino derivano dai diritti addizionali del turno notturno di cui beneficia il farmacista, anche se ci sono alcune farmacie che hanno deciso di non applicare il sovrapprezzo.

 

Applicabilità

Come specificato da Federfarma, i sovrapprezzi NON saranno applicati in determinate situazioni:

·      se le ricette sono state prescritte dal medico di famiglia indicando il carattere di urgenza o se sono state scritte dalla guardia medica: in questi casi, il sovrapprezzo sarà a carico del Sistema sanitario nazionale.

·      nel caso delle farmacie aperte secondo l’orario stabilito dal proprietario.

 

Dovremmo pagare di più, dunque, solo nel caso di farmacie:

·      “a battenti chiusi” (quando la farmacia è chiusa con il farmacista di guardia presente nell’esercizio)

·      “a chiamata” (quando la farmacia è chiusa e il farmacista indica con chiarezza all’esterno il proprio indirizzo e il numero telefonico di reperibilità)

·      quando la farmacia viene aperta durante il turno notturno obbligatorio prescritto dalle autorità sanitarie.

 

Nel caso delle farmacie rurali sussidiate, tali costi saranno applicati anche nel caso dei turni di chiusura diurni (l’aggiornamento tariffario prevede 4 euro in più a scontrino).



 

Share |
 

 

arg non trovato