login  Login  
Password dimenticata?
Facebook   Twitter   YouTube   Feed RSS
 
 
 

aree tematiche

 

Noi per te

 

App My Adiconsum

 

Servizio civile nazionale

 

Ti vuoi informare

 

Centro di prevenzione usura

 

Centro Europeo Consumatori Italia

 

 

trasporti / turismo > auto / moto

CROLLA PREZZO DEL PETROLIO, MA NON ALLA POMPA, SCOPRI PERCHÉ!
CROLLA PREZZO DEL PETROLIO, MA NON ALLA POMPA, SCOPRI PERCHÉ!
La “colpa” è delle accise… nel frattempo proviamo a risparmiare rifornendoci alla pompa e “guidando” con accortezza
19 gennaio 2016

Da giorni assistiamo al crollo del prezzo del petrolio, al quale, a rigor di logica, sarebbe dovuta seguire una drastica riduzione dei prezzi della benzina alla pompa. Ma così, purtroppo, non è stato.


Perché?

Il motivo è semplice: la forte tassazione (70%) applicata dallo Stato ai carburanti attraverso le accise e il pagamento dell’Iva sulle accise stesse.

Le accise sono tasse che il Governo applica sui carburanti per poter far fronte ad una serie di eventi, alcuni di origine calamitosa come il disastro del Vajont o i vari terremoti, altri riferiti ad emergenze sociali come il rinnovo di contratti, gli immigrati, ecc..

Ecco l’elenco delle accise che paghiamo quando facciamo il pieno al distributore:

  • Guerra in Abissinia del 1935 (1,90 lire)
  • Crisi di Suez del 1956 (14 lire)
  • Disastro del Vajont del 1963 (10 lire)
  • Alluvione di Firenze del 1966 (10 lire)
  • Terremoto del Belice del 1968 (10 lire)
  • Terremoto del Friuli del 1976 (99 lire)
  • Terremoto in Irpinia del 1980 (75 lire)
  • Missione in Libano del 1983 (205 lire)
  • Missione in Bosnia del 1996 (22 lire)
  • Rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004 (0,020 euro, ossia 39 lire)
  • Acquisto autobus ecologici nel 2005 (0.005 euro)
  • Fondo Unico spettacolo 2011 (da 0,0071 a 0,0055 euro)
  • Emergenza immigrati dovuta alla crisi libica del 2011 (0,040 euro)
  • Alluvione in Liguria ed in Toscana 2011 (0,0089 euro)
  • Decreto “Salva Italia” (0,112 euro su diesel e 0,082 euro su benzina
  • Terremoti dell’Emilia del 2012 (0,02 euro)
  • “Decreto del fare” del 2013 (0,24 euro)

In merito alle accise, Adiconsum ha chiesto più volte al Governo di abolire le accise adottate per far fronte ad eventi calamitosi ormai esauriti e di abrogare l’Iva sulle accise.

L’auto non è un bene di lusso, ma un mezzo per raggiungere il proprio posto di lavoro, alla luce anche di una condizione fortemente critica del trasporto pubblico locale.


Rifornirsi alla pompa, risparmiando

Prediligere la modalità self-service. Costa di meno rispetto al “servito”

 

·         collegarsi al sito prezzibenzina.it oppure scaricare sul proprio smartphone la app omonima  che permette di  conoscere il prezzo alla pompa nei vari distributori dislocati in  Italia e in quelli vicini a dove ci si trova

 

·         di solito i prezzi alla pompa applicati dalle insegne “no logo” (le c.d. pompe bianche) o quelli applicati dai distributori delle Catene della Grande Distribuzione Organizzata, sono più convenienti rispetto alle compagnie petrolifere tradizionali. Conviene approfittarne

 

·         calcolare la convenienza se fare o meno il pieno. Se i prezzi sono convenienti la scelta migliore è senz'altro quella di fare il pieno, ancor più se il distributore è lontano da dove ci si trova, ma magari si sa che applica prezzi più bassi.

 

Guidare, risparmiando

 

·         Evitare frenate o accelerazioni brusche, mantenere una velocità costante

 

·         evitare l’uso dell’auto per tragitti brevi

 

·         utilizzare le marce alte

 

·         non scaldare il motore a veicolo fermo

 

·         spegnere il motore in caso di fermate superiori a 2 minuti

 

·         controllare la pressione delle gomme

 

·         usare correttamente l’aria condizionata (far controllare periodicamente l’impianto, non azionare subito l’aria condizionata, non mettere la temperatura troppo bassa, spegnere il condizionatore un po’ prima di scendere dalla macchina)

 

·         mantenere una velocità moderata in autostrada

 

·         non utilizzare accessori che penalizzino l’aerodinamica

 

evitare i carichi superflui

 

Share |
 

 

contenuti correlati

  • in primo piano
  • eventi
  • video
PNEUMATICI INVERNALI/CATENE DA NEVE: OCCHIO ALLE...
In molti Comuni dal 15 novembre scatta l’obbligo di montare gli pneumatici invernali o comunque di avere a bordo le catene da neve.   Non dotarsi di tali dispositivi può farti...
 
ASSICURAZIONI: ATTENZIONE ALLE TRUFFE
Sei in procinto di assicurare la tua nuova macchina oppure sei alla ricerca di una compagnia assicurativa più conveniente? Occhio alle possibili truffe da parte di false compagnie di...
 
ADICONSUM E CEC ITALIA A ECOMONDO, STAND D7/195,...
ADICONSUM, socio del Coordinamento Free , e Centro Europeo Consumatori Italia (CEC Italia),      punto di contatto nazionale dell’European...
 
Archivio >>
20 maggio 2015 | spese famiglia
MERCOLEDI' 20 MAGGIO
Adiconsum a Radio Città Futura Mercoledì 20 maggio, dalle ore 10.30, Adiconsum interverrà alla trasmissione "Le strade di Roma" di Radio Città Futura per parlare di...

02 febbraio 2015 | spese famiglia
LUNEDI' 2 FEBBRAIO
Adiconsum a Isoradio (FM 103.3)             Lunedì 2 febbraio, dalle ore 16.15, Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum,...

19 gennaio 2015 | auto / moto
LUNEDI' 19 GENNAIO
Adiconsum a UnoMattina             Lunedì 19 gennaio, alle ore 7.30, Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum,...

Archivio >>
07 aprile 2014 | assicurazioni
RC EASY

07 dicembre 2012 | auto / moto
BOLLINO BLU. TEMPI COSTI SANZIONI
Novità per il bollino blu. Niente più tagliando adesivo né certificato. Con l'entrata in vigore del decreto legge semplificazioni, infatti, i controlli obbligatori dei gas di...

24 agosto 2012 | carburanti
COME GUIDARE PER RISPARMIARE CARBURANTE
Una corretta guida della propria auto può consentire di consumare meno carburante. Seguite questi semplici suggerimenti: • Evitate frenate o accelerazioni brusche e mantenete per quanto...

Archivio >>