login  Login  
Password dimenticata?
Facebook   Twitter   YouTube   Feed RSS
 
 
 

aree tematiche

 

Noi per te

 

App My Adiconsum

 

Servizio civile nazionale

 

difendi i tuoi diritti

 

Centro di prevenzione usura

 

Centro Europeo Consumatori Italia

 

 

trasporti / turismo > Auto Elettriche/E-mobility

SETTIMANA DELLA MOBILITÀ: LE RICHIESTE DI ADICONSUM
SETTIMANA DELLA MOBILITÀ: LE RICHIESTE DI ADICONSUM
Mobilità sostenibile significa migliore qualità della vita
19 settembre 2016

È iniziata il 16 settembre e terminerà il 22 la Settimana europea della mobilità,

 

Adiconsum è impegnata nella promozione e nello sviluppo di una mobilità sostenibile, ed in particolare della mobilità elettrica, quale risorsa per migliorare la qualità della vita e in termini ambientali ed energetici, sia all’economia del Paese. I veicoli elettrici, infatti, sono privi di emissioni inquinanti ed acustiche e sono energeticamente efficienti.

 

A tal proposito ha sottoscritto un protocollo sulla mobilità elettrica con il CEI-CIVES (la Commissione Italiana Veicoli Elettrici a batteria, ibridi e a Celle a combustibile del Comitato Elettrotecnico italiano).

 

Nell’ambito di tale protocollo:

·      ha attivato un servizio di domanda-risposta sui veicoli elettrici. Le domande possono essere inviate:

Ø  via mail all’indirizzo: autoelettriche@adiconsum.it

Ø  via facebook tramite le nostre pagine Adiconsum nazionale e Consumatori di macchine elettriche/E-mobility

Ø  via twitter tramite il nostro account @adiconsum

·      ha lanciato un questionario rivolto ai consumatori sulle possibili modalità di ricarica domestica presenti nelle abitazioni residenziali condominiali e loro pertinenze

Clicca qui per rispondere alle domande.

 

 

In occasione della Settimana Europea della Mobilità, Adiconsum vuole portare l’attenzione di istituzioni e dei consumatori sulla data del 18 novembre 2016, entro la quale gli Stati Ue e l’Italia dovranno recepire le norme della direttiva 2014/94/Ue del 28 ottobre 2014 (DAFI) adottando un quadro strategico nazionale per sviluppare il mercato dei combustibili alternativi nel settore trasporto e le rispettive infrastrutture. Essa, infatti, stabilisce i requisiti per la costruzione di infrastrutture e relative modalità di accesso validi in tutta Europa e per tutti i combustibili alternativi: elettricità; idrogeno; biocarburanti; combustibili sintetici e paraffinici; biometano; gas naturale compresso (GNC) e liquefatto (GNL) e il gas di petrolio liquefatto (GPL).

 

Nell’analisi della bozza del decreto di recepimento della direttiva, abbiamo constatato, non senza sorpresa, che sono stati inseriti una serie di articoli aggiuntivi, come le agevolazioni riservate solo al GNL e al GNC, che non rispettano la neutralità di trattamento tra i combustibili alternativi, che rappresenta invece il cuore della direttiva europea. Citiamo , ad esempio, l’obbligo per le regioni di presentare un progetto per dotare gli impianti stradali situati in zone altamente inquinanti, di pompe per l’erogazione di GNC e GNL, e per le pubbliche amministrazioni di acquistare, in caso di sostituzione del proprio parco autovetture, autobus e mezzi della raccolta dei rifiuti urbani, almeno il 25% di veicoli a GNC e GNL e la penalizzazione subita dalla mobilità elettrica che vede la crescita delle stazioni di ricarica stradali per auto elettriche legata alle esigenze di mercato, mentre per quelle residenziali limitate ai fabbricati di almeno 50 unità abitative.

 

Adiconsum non è contraria allo sviluppo del gas naturale ed è favorevole allo sviluppo neutrale di tutti i combustibili alternativi, ma ritiene che sarebbe più opportuno incentivare chi garantisce ZERO emissioni di CO2 e particolato, come l’elettricità (prodotta da fonti rinnovabili) che nella bozza di decreto viene invece addirittura penalizzata, legando la crescita delle stazioni di ricarica stradali per auto elettriche alla esigenze di mercato e limitando gli adeguamenti edilizi per la ricarica residenziali ai fabbricati di almeno 50 unità abitative.

 

Il tema della mobilità sostenibile è un tema strategico per i consumatori italiani e per il Paese e non può essere affrontato, come fatto sinora, nelle “segrete” stanze del Ministero dello Sviluppo Economico. Auspichiamo che il testo venga modificato sulla base dei contributi forniti da tutti gli attori coinvolti, consumatori in primis. Per questo chiediamo al Governo di essere auditi quanto prima.

 

 

·      Direttiva DAFI

·      Bozza Decreto di recepimento



 

Share |
 

 

contenuti correlati

  • in primo piano
  • eventi
  • video
VEICOLI ELETTRICI, ARRIVANO LE COLONNINE DI...
La norma (prevista nel D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380), più volte procrastinata, è entrata effettivamente in vigore con l’inizio del nuovo anno e prospetta nuove opportunità...
 
ADICONSUM AL CONVEGNO “QUALE MOBILITÀ...
Martedì 12 dicembre 2017, presso l’Antica Biblioteca del Link Campus University, Adiconsum partecipa, in qualità di relatore, al convegno “ Quale mobilità sostenibile?...
 
ADICONSUM E CEC ITALIA A ECOMONDO, STAND D7/195,...
ADICONSUM, socio del Coordinamento Free , e Centro Europeo Consumatori Italia (CEC Italia),      punto di contatto nazionale dell’European...
 
Archivio >>
11 aprile 2018 | Auto Elettriche/E-mobility
VENERDI' 13 APRILE
Adiconsum partecipa a "Green Mobility - Verso gli Stati Generali della mobilità elettrica e sicura" Venerdì 13 aprile, alle...

12 dicembre 2017 | Auto Elettriche/E-mobility
MARTEDÌ 12 DICEMBRE
ADICONSUM AL CONVEGNO “QUALE MOBILITÀ SOSTENIBILE?”     Martedì 12 dicembre 2017, presso l’Antica Biblioteca del Link Campus University, Adiconsum partecipa, in...

13 giugno 2017 | ambiente
MARTEDI' 13 GIUGNO
"NUOVE TECNOLOGIE E NUOVE FONTI ENERGETICHE PER UN CONSUMO PIU' ECONOMICO, SOSTENIBILE E DI QUALITA' ".     ·      Scopriremo come...

Archivio >>

nessun video presente

Archivio >>