fbpx

Bollette: luce e gas alle stelle anche nel 2022

5 Gennaio 2022

Una vera e propria mannaia si è abbattuta sulle famiglie italiane. L’Autorità di Regolazione per Reti Energia e Ambiente (ARERA) ha infatti reso note le tariffe di luce e gas in vigore nel I trimestre dell’anno 2022: +55% per la luce e +41,8% per il gas. Un vero e proprio salasso che andrà certamente ad aumentare il numero delle famiglie in povertà energetica. Per alleviare il problema del caro-bollette, in più occasioni e in più sedi Adiconsum ha presentato le proprie proposte. Eccole.

Caro-bollette: perché nuovi aumenti

ARERA ha comunicato che gli aumenti sono dovuti al rialzo dei prezzi dei prodotti energetici all’ingrosso e dei permessi di emissione della CO2.

Importo degli aumenti

L’intervento tampone del Governo ha contenuto gli aumenti che sarebbero stati del +65% per la luce e +59,2% per il gas, riducendoli a +55% e +41,8% rispettivamente.

La riduzione si è concretizzata annullando gli oneri generali di sistema, potenziando il bonus sociale e riducendo l’IVA del gas al 5%. Tutti interventi relativi al I trimestre 2022.

  • La spesa per la luce della famiglia tipo rispetto al I trimestre 2021 sarà di 823 euro, circa 334 euro/anno in più (+68%).
  • La spesa per il gas della famiglia tipo rispetto al I trimestre 2021 sarà di circa 1.560 euro, circa 610 euro/anno in più (+64%).

Le proposte di Adiconsum

Purtroppo finora inascoltate, abbiamo presentato più volte nelle varie sedi istituzionali (Camera, Senato, ARERA; Ministeri competenti) le nostre proposte che potrebbero essere adottate per dare un po’ di respiro alle famiglie prese nella morsa del caro-bollette. Si tratta di proposte che riguardano sia interventi strutturali che di contenimento delle tariffe.

Tra gli interventi strutturali che riteniamo debbano essere messi in campo citiamo:

  • creazione di un mercato dell’energia a livello europeo
  • la riforma della struttura tariffaria adeguandola alle scelte energetiche che il Paese si darà
  • la piena diffusione dell’elettrificazione in tutte le aree geografiche
  • la semplificazione delle procedure autorizzative per la massima diffusione delle energie rinnovabili
  • la revisione del decreto Bersani.

Tra le misure di contenimento del caro-bollette nell’immediato, riteniamo sia utile:

  • l’alleggerimento della bolletta eliminando le accise e tutte quelle voci non pertinenti al consumo delle famiglie
  • il trasferimento di alcuni oneri generali di sistema sulla fiscalità generale
  • il contenimento dell’IVA e della tassazione
  • l’aumento del bonus sociale e del tetto ISEE per accedervi
  • l’adozione di interventi per assicurare apparecchiature più efficienti per i disagiati economicamente
  • la creazione di un Fondo sociale per i consumatori vulnerabili
  • un Albo dei Venditori per il mercato libero con accesso consentito solo dietro garanzie fidejussorie.

Da tempo e più volte abbiamo anche chiesto ai Ministeri competenti l’apertura di un Tavolo con tutti gli stakeholder, comprese le Associazioni Consumatori aderenti al CNCU (Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti), come Adiconsum, per affrontare in maniera strutturale il problema del caro-bollette che ormai incide fortemente, insieme alla pandemia, sulla tenuta delle famiglie e delle imprese. A quando un incontro?

Adiconsum è membro di:

  • CNCU
  • Consumer's Forum

Adiconsum è affiliato di:

  • BEUC

Adiconsum è socio di:

  • Forum Terzo Settore
  • ASVIS
  • Motus-E
  • E-Mob
  • Coordinamento Free
  • PCN Italia
  • Osservatorio Imprese e Consumatori (OIC)
  • Forum Unirec

Adiconsum è aderente e/o collabora con:

  • NEXT
  • Alleanza contro la povertà
  • SAFE
  • Equalitas
  • Valoritalia
  • AIDR
  • Digital Trasformation Istitute
  • Anta Italia
  • Ambiente e Società
  • Forum Ania Consumatori
  • CIG
  • SACERT
ItalianoEnglish

Sede nazionale
Via Giovanni Maria Lancisi, 25
00161 Roma

Top