TASSE UNIVERSITARIE

10 Ottobre 2012

Anche 4.000 euro per un anno di studio    

L’indagine condotta da Adiconsum ha rilevato che la maggior parte della spesa per le tasse universitarie viene sostenuta ora. È infatti tra la metà di ottobre e la metà di novembre che gli atenei fanno cassa con le iscrizioni.

Adiconsum ha studiato il complesso sistema di tassazione universitaria, che quest’anno registra le novità del D.lgs 68/2012 sul Diritto allo Studio e della Spending Review che ha dato il via agli aumenti delle tasse applicate ai fuori corso.

Il quadro che emerge dall’indagine – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum – è quello di una giungla di distinzioni, differenziazioni e parametri che cercano di graduare il costo di tasse, contributi e spese ulteriori in base a criteri di reddito, merito, consistenza del nucleo familiare, condizione sociale e lavorativa, distanza dell’abitazione, regime di iscrizione part-time o fuori corso ed altri ancora.Un dato emerge su tutti – prosegue Giordano – e cioè che il costo dell’Università è un ulteriore stangata per le famiglie.

L’indagine di Adiconsum – continua Giordano – ha messo in luce come il sistema della tassazione universitaria al di là delle barriere di accesso del numero chiuso, non garantisce pari opportunità di studio a tutti gli aventi diritto, tagliando fuori studenti fuori sede, studenti con reddito basso, studenti lavoratori.

Occorre – conclude Giordano – un sistema di tassazione più uniforme ed equo. Non ci può essere un futuro di sviluppo del Paese se non sappiamo evolvere e migliorare il nostro sistema educativo e formativo.

Città ed Ateneo

Tasse minimo

Tasse massimo

Tasse con ISEE 20.000 €  **

Variazioni x  fuori corso

Bologna –  Alma Mater Studiorum

157

3983

2.160

Non differenziato

Firenze –
Università degli Studi di Firenze

1.417*

(367)

3.654

2.336*

(618)

Non differenziato

L’Aquila –
università degli Studi dell’Aquila

155

155

155

Non differenziato

Roma – Università
La Sapienza

387

2.328

789

Maggiorazione 50% a partire dal 3° anno
f.c.

Napoli –
Università Federico II

559

1.658

971

Non differenziato

Reggio Calabria –
Università Mediterranea

550

2.310

810

Contributo fisso: 3° anno f.c. 150€, dal
4° anno 250€

Cagliari –
Università degli Studi di Cagliari

367

2.891

558

Maggiorazione su tassa base del 5% 1°
anno, 15% 2° anno e 30% dal 3° anno

Fonte: rilevazione Adiconsum sui siti degli Atenei

Nota:I valori minimi fanno riferimento al corso di studio con la contribuzione più elevata per ciascun Ateneo – si veda il Rapporto di ricerca integrale per le debite distinzioni e specificazioni.

* Incluso contributo per laboratorio nei corsi di studio che lo prevedono.
**L’ISEE è l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, un indice che si ottiene dalla valutazione ponderata di reddito, patrimonio e consistenza del nucleo familiare. L’ISEE si può far calcolare da un CAF gratuitamente presentando la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU).

Adiconsum è membro di:

  • CNCU
  • Consumer's Forum

Adiconsum è affiliato di:

  • BEUC

Adiconsum è socio di:

  • Motus-E
  • PCN Italia
  • E-Mob
  • Osservatorio Imprese e Consumatori (OIC)
  • ASVIS
  • Coordinamento Free
  • Forum Unirec

Adiconsum è aderente a:

  • SACERT
  • CIG
  • Forum Ania Consumatori
  • Alleanza contro la povertà
  • NEXT
  • SAFE

Sede nazionale
Largo Alessandro Vessella 31
00199 Roma

Top