• INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Dal 15 ottobre via libera all’accensione dei riscaldamenti nei Comuni della fascia E. L’accensione per quelli della fascia D è prevista per il 1° novembre

Dal 15 ottobre via libera all’accensione dei riscaldamenti nei Comuni della fascia E. L’accensione per quelli della fascia D è prevista per il 1° novembre

16 Ottobre 2020

Chi vive in un palazzo con il riscaldamento centralizzato e non ha quindi la libertà di accendere i propri termosifoni quando vuole come chi ha l’impianto autonomo (la c.d. caldaietta) è tenuto ad osservare periodi e tempi di accensione dei termosifoni, a seconda della zona climatica di appartenenza.

L’Italia è, infatti, suddivisa in 6 zone climatiche (per conoscere qual è la tua, clicca qui)

Dal 15 ottobre, possono cominciare ad accendere i riscaldamenti i consumatori residenti nei Comuni della fascia E.

Nella tabella sottostante, durata e orari per l’accensione dei termosifoni.

IMPORTANTE: Sebbene la durata e la data di accensione dipendano dalla zona climatica assegnata ai Comuni, i sindaci hanno la facoltà di estenderla o ridurla con apposita ordinanza. Inoltre, gli amministratori di condominio possono decidere di accenderli o spegnerli nei mesi non regolari, ma per un massimo di 7 ore al giorno. Nessuna limitazione di orari e di date è invece specificata per la zona climatica F, quella ritenuta più fredda.

Come si gestiscono le temperature

Durante l’inverno, la temperatura massima consentita dalla legge è pari a 20 gradi con un margine di tolleranza di 2 gradi. Potresti pensare che due gradi di differenza non siano un granché; in realtà ogni grado di temperatura in più corrisponde ad un aumento dei consumi tra il 5 e il 7%.

È importante ricordare che non tutti gli ambienti necessitano delle stesse temperature: saper trovare il giusto mix di riscaldamento tra stanze permette di risparmiare e passare l’inverno nel migliore dei modi senza sorprese per il portafogli.

  • Nelle camere da letto sarebbe opportuno ridurre la temperatura per questioni legate alla digestione
  • In cucina conviene ridurre il riscaldamento, perché gli elettrodomestici emanano già del calore (es fornelli, forno etc..)
  • In soggiorno e luoghi dove studiamo la temperatura corretta è 20-21 gradi
  • Nei corridoi e negli spazi che non utilizziamo spesso converrebbe ridurre le temperature.

Accorgimenti da adottare per non disperdere il calore

  • Chiudi bene le finestre
  • Esegui un check up termico dell’appartamento: controlla gli spifferi sotto la porta e sotto le finestre che portano aria fredda all’interno di casa
  • Copri gli spifferi utilizzando gli isolati termici che puoi comprare dal ferramenta o, se preferisci le soluzioni più “rustiche”, puoi realizzare un “salame” paraspifferi utilizzando un calzino e vecchi fogli di giornale.

Adiconsum è membro di:

  • CNCU
  • Consumer's Forum

Adiconsum è affiliato di:

  • BEUC

Adiconsum è socio di:

  • Forum Terzo Settore
  • ASVIS
  • Motus-E
  • E-Mob
  • Coordinamento Free
  • PCN Italia
  • Osservatorio Imprese e Consumatori (OIC)
  • Forum Unirec

Adiconsum è aderente a:

  • SACERT
  • CIG
  • Forum Ania Consumatori
  • Alleanza contro la povertà
  • NEXT
  • SAFE
ItalianoEnglishEspañolFrançaisDeutsch

Sede nazionale
Largo Alessandro Vessella 31
00199 Roma

Top