Debiti: come aderire al “saldo e stralcio” ed ottenere lo sconto

8 Gennaio 2019

C’è tempo fino al 30 aprile 2019 per presentare domanda per il “saldo e stralcio” delle cartelle esattoriali; se ti trovi in difficoltà economiche, questo servizio può aiutarti a ottenere uno “sconto” sui carichi affidati all’Agenzia delle Entrate-Riscossione dal primo gennaio del 2000 al 31 dicembre 2017. Lo stabilisce la legge di Bilancio 2019 (Legge 145/2018).

Validità

È possibile chiedere la riduzione solo per alcune tipologie di debiti affidati all’Agente della riscossione nel periodo di riferimento sopra indicato.

Le tipologie di debito che beneficiano del saldo e stralcio sono:

  • Omessi versamenti di imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali e dalle attività previste dall’articolo 36-bis del D.P.R. 600/1973 e dall’articolo 54-bis del D.P.R. 633/1972, a titolo di tributi e relativi interessi e sanzioni, con esclusione di quelli richiesti a seguito di accertamento
  • Omessi versamenti dei contributi dovuti dagli iscritti alle casse previdenziali professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi dell’INPS, con esclusione di quelli richiesti a seguito di accertamento
  • Mancati pagamenti delle rate di precedenti rottamazioni.

Requisiti

Il “saldo e stralcio” riguarda esclusivamente le persone fisiche; per quanto riguarda i requisiti reddituali, è necessario avere un ISEE del nucleo familiare non superiore a 20 mila euro.

Nello specifico, la quota da pagare viene calcolata in base a 3 scaglioni:

  • ISEE fino a 8.500 euro: – 16% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo
  • ISEE tra 8.500,01 e 12.500 euro: – 20% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo
  • ISEE tra 12.500,01 e 20.000 euro: – 35% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo.
  • Indipendentemente dal valore ISEE: -10% delle somme dovute in caso di contribuenti (solo persone fisiche) che alla data di presentazione della dichiarazione di adesione alla Definizione, sia stata aperta la procedura di liquidazione di cui all’articolo 14-ter della Legge, n. 3/2012 (Legge sul sovraindebitamento).

A queste cifre andranno poi aggiunte le somme maturate dall’Agenzia a titolo di aggio (corrisponde alla remunerazione degli agenti di riscossione) e di spese per le procedure esecutive e i diritti di notifica. Inoltre, dal 1° dicembre 2019, l’interesse annuo sarà pari al 2%.

Come aderire

  • Inviando il modello SA-ST (dove SA sta per “saldo” e ST per “stralcio”) compilato e carta di identità alla casella PEC della direzione generale di Agenzia delle Entrate-Riscossione
  • Rivolgendosi agli sportelli di Agenzia delle Entrate-Riscossione consegnando il modello SA-ST compilato e firmato.

Scadenze

Il debito può essere estinto in un’unica soluzione (entro il 30 novembre 2019) o in 5 rate:

  • 35% con scadenza il 30 novembre 2019
  • 20% con scadenza il 31 marzo 2020
  • 15% con scadenza il 31 luglio 2020
  • 15% con scadenza il 31 marzo 2021
  • il restante 15% con scadenza il 31 luglio 2021.

Attenzione

Nel caso la tua domanda di “saldo e stralcio”legge di bilancio 245/2018 non fosse accolta, riceverai entro il 31 ottobre 2019 una lettera con le motivazioni del mancato accoglimento e sarai AUTOMATICAMENTE incluso nella Definizione agevolata 2018 (rottamazione ter); in questo caso, sarai subito avvisato sugli importi da pagare e sulle scadenze da rispettare per non far decadere i benefici.

Adiconsum è membro di:

  • CNCU
  • Consumer's Forum


Adiconsum è socio di:

  • Forum Unirec
  • PCN Italia
  • E-Mob
  • Osservatorio Imprese e Consumatori (OIC)
  • Coordinamento Free
  • Motus-E


Adiconsum è aderente a:

  • SACERT
  • CIG
  • Forum Ania Consumatori
  • Alleanza contro la povertà
  • NEXT
  • ASVIS


Adiconsum è ente di:

  • Servizio Civile Nazionale

Sede nazionale
Largo Alessandro Vessella 31
00199 Roma

Top