SCUOLA: LA PRIVACY È ANCHE TRA I BANCHI!

6 Settembre 2012

Si sta per completare il rientro a scuola degli studenti italiani e il Garante dei dati personali ha dedicato un opuscolo “La privacy tra i banchi di scuola” con una serie di indicazioni sia al trattamento in generale dei dati personali da parte della scuola che a temi prettamente scolastici.
Dati personali: trattamento, accesso e invio
Trattamento
Dipende se si tratta di scuole pubbliche e private:
• scuole pubbliche: non sono tenute a chiedere il consenso al trattamento dei dati personali, ma l’unico utilizzo consentito è solo quello per specifiche finalità istituzionali o di legge. Vanno utilizzati sempre e comunque, con estrema cautela, i dati sulle origini razziali ed etniche, le convinzioni religiose e politiche, lo stato di salute, verificando la completezza dei dati, ma anche l’indispensabilità.
• scuole private: devono sempre chiedere il consenso dei soggetti interessati per l’utilizzo dei dati.
N. B.: Per entrambe c’è l’obbligo di fornire un’informativa completa sull’utilizzo dei dati personali.
Accesso
• È diritto di ogni persona conoscere le informazioni conservate dal proprio istituto e farle rettificare, se errate. Per esercitare tale diritto rivolgersi al titolare del trattamento della scuola. In caso di non riscontro, rivolgersi alla Magistratura o al Garante della privacy.
Invio dati ad aziende pubbliche o private per inserimento professionale
• È consentito, ma su richiesta degli studenti.
Voti, scrutini, esami
Sono pubblici, perché tutto ciò che concerne il rendimento scolastico è soggetto ad un regime di trasparenza stabilito dal Ministero dell’Istruzione. Nella pubblicazione degli scrutini e degli esami non è consentito fornire, anche indirettamente, informazioni sulle condizioni di salute degli studenti (ad es. specificando “prove differenziate”).
Pagella elettronica, registri e iscrizione online
Nel merito, il Garante è in attesa dei provvedimenti attuativi del Ministero dell’Istruzione per esprimere il previsto parere.
Temi
È consentito assegnare temi riguardanti la vita personale degli studenti, in quanto la loro assegnazione non costituisce violazione della privacy.
Cellulari e tablet
L’uso strettamente personale è in genere consentito, ma la regolamentazione o il divieto spetta alla scuola. Non è consentito la diffusione di immagini (video o foto) sul web, senza il consenso delle persone riprese. Lo studente che viola la riservatezza e la dignità delle persone incorre in sanzioni disciplinari e pecuniarie e anche in contestazioni di reati.
IMPORTANTE: la registrazione delle lezioni è consentita.
Recite e gite scolastiche
Consentite le riprese video e le foto destinate all’ambito familiare o amicale. Per la diffusione in rete e sui social network, vale quanto specificato per i cellulari e i tablet.
Retta e servizio mensa
È illecito pubblicare sul sito internet della scuola nome e cognome degli studenti non in regola con i pagamenti o esentati dal pagamento.
Questionari di ricerca
La loro somministrazione deve essere accompagnata da informazioni riguardanti gli scopi della ricerca, le modalità del trattamento e le misure di sicurezza adottate. Non c’è nessun obbligo per genitori e studenti di compilare il questionario.
Telecamere di sorveglianza
L’installazione è ammessa, ma il loro funzionamento è limitato negli orari di chiusura della scuola. La loro presenza deve essere segnalata da appositi cartelli.

Adiconsum è membro di:

  • CNCU
  • Consumer's Forum

Adiconsum è affiliato di:

  • BEUC

Adiconsum è socio di:

  • Motus-E
  • PCN Italia
  • E-Mob
  • Osservatorio Imprese e Consumatori (OIC)
  • ASVIS
  • Coordinamento Free
  • Forum Unirec

Adiconsum è aderente a:

  • SACERT
  • CIG
  • Forum Ania Consumatori
  • Alleanza contro la povertà
  • NEXT
  • SAFE

Sede nazionale
Largo Alessandro Vessella 31
00199 Roma

Top