News

Adiconsum e Centro Europeo Consumatori Italia al Consumer Summit 2024

18 Aprile 2024

Lo European Consumer Summit è un evento molto importante per i cittadini-consumatori europei. Esso infatti riunisce tutti gli stakeholder che si occupano dei consumatori di tutti gli Stati membri dell’Unione europea: politici, Autorità nazionali di tutela dei consumatori, mondo accademico e rappresentanti della società civile, e le Associazioni Consumatori sia a livello comunitario che nazionale. Adiconsum partecipa ai lavori insieme al Centro Europeo Consumatori Italia.

Consumer Summit 2024: da chi è promosso e quali obiettivi si pone

Il Consumer Summit è promosso dal Direttorato-Generale per la giustizia e i consumatori ed è ospitato a Bruxelles dalla Commissione europea in collaborazione con la Presidenza belga del Consiglio europeo. Partendo dai risultati emersi dall’attuale Agenda dei Consumatori, l’obiettivo del Summit è quello di discutere ed elaborare proposte per le azioni future della politica dei consumatori.

Consumer Summit 2024: com’è articolato

Il Summit consiste in varie sessioni plenarie con la partecipazione del Commissario e del Segretario di Stato belga per la Protezione del Consumatore, relatori di alto livello  e sessioni per dibattiti su tematiche inerenti ai consumatori.

La partecipazione di Adiconsum e Centro Europeo Consumatori Italia

Adiconsum e Centro Europeo Consumatori Italia sono topic owner del Gruppo di lavoro pomeridiano sulla “Sostenibilità nell’e-commerce“.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Sostenibilità: appello alla Commissione europea per pasti pronti più salutari e sostenibili

Sostenibilità: appello alla Commissione europea per pasti pronti più salutari e sostenibili

17 Aprile 2024

Pasti e piatti pronti potrebbero far risparmiare miliardi e ridurre le emissioni dell’Unione europea. Sono i dati emersi da uno studio commissionato da varie organizzazioni europee, tra cui Adiconsum. Ecco i risultati.

Lo studio

Condotto da Systemiq, un’azienda che si occupa di cambiamenti di sistema, lo studio “Ready-made Meals”, rivela che l’Unione Europea potrebbe ridurre le proprie emissioni di gas serra di circa 48 milioni di tonnellate all’anno, pari all’eliminazione di 38 milioni di nuove auto dalla circolazione, semplicemente allineando i pasti pronti a nuovi standard sanitari e di sostenibilità.

I pasti e cibi pronti, infatti, sono ricchi di sale, zuccheri, grassi, proteine animali (soprattutto da carne rossa, in gran quantità) e calorie in eccesso e per questo motivo superano notevolmente i livelli salutari raccomandati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dalla Commissione EAT-Lancet. Circa un milione di morti all’anno sono attribuibili a diete non salutari nell’UE.

I pasti preparati alla luce dei nuovi standard ridurrebbero effettivamente i costi degli ingredienti, consentendo a supermercati e ristoranti di offrire opzioni di pasti e cibi pronti nutrienti a prezzi accessibili.

Non solo. L’adozione dei nuovi standard potrebbe contribuire a ridurre le principali malattie legate all’alimentazione nell’UE, come il cancro, le malattie cardiovascolari (comprese le malattie cardiache e l’ictus), le malattie del fegato e il diabete.  I pasti pronti costituiscono un sesto (17%) dell’apporto calorico totale dell’UE e il loro volume di vendita è in aumento.

L’appello alla Commissione europea

Adiconsum, insieme ad altre organizzazioni, alla luce di quanto emerso dal questo nuovo studio ha rivolto un appello alla Commissione europea, chiedendo l’allineamento dei pasti pronti alle linee guida sulla salute e sulla sostenibilità e l’adozione degli standard da parte dei grandi supermercati europei, delle società di catering e delle catene di ristoranti.

Per il Report “Ready-made Meals”, clicca qui

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Affrontare il Cambiamento Climatico: Garantire la Sicurezza Alimentare Attraverso la Sostenibilità

Affrontare il Cambiamento Climatico: Garantire la Sicurezza Alimentare Attraverso la Sostenibilità

15 Aprile 2024

Il cambiamento climatico rappresenta una delle sfide più significative del nostro tempo, causando, tra  l’altro, ripercussioni rilevanti su settori cruciali come l’agricoltura e la sicurezza alimentare. In questo  contesto, l’adozione di pratiche sostenibili diventa imprescindibile per garantire la continuità e la qualità  dell’approvvigionamento alimentare.  

Il Cambiamento Climatico e le Sue Implicazioni sull’Agricoltura 

Il cambiamento climatico, caratterizzato da fenomeni estremi come siccità, inondazioni e ondate di calore,  ha un impatto diretto sull’agricoltura. Le variazioni climatiche alterano i modelli di crescita delle colture,  compromettendo la resa e la qualità dei raccolti. I cambiamenti a lungo termine di temperatura, umidità,  precipitazioni e frequenza degli eventi meteorologici estremi stanno già influenzando le pratiche agricole, la  produzione agricola, la qualità nutritiva delle colture alimentari e la disponibilità degli alimenti. È essenziale  comprendere come queste variazioni influenzino la produzione agricola per sviluppare strategie di  adattamento e mitigazione. 

Sicurezza Alimentare e Rischi Associati al Cambiamento Climatico 

La sicurezza alimentare, intesa come l’accesso costante e affidabile a cibo nutriente e sufficiente per una  vita sana, è fortemente minacciata dalle perturbazioni climatiche. Il cambiamento climatico aumenta la  vulnerabilità delle comunità agricole e, per l’appunto, mette a rischio la disponibilità e l’accessibilità degli  alimenti. Le variazioni climatiche possono portare a carestie, perdite di raccolti e aumento dei prezzi  alimentari, minacciando la sicurezza alimentare delle popolazioni più vulnerabili. 

Ruolo della Sostenibilità nell’Affrontare le Sfide del Cambiamento Climatico 

La sostenibilità rappresenta un pilastro fondamentale per affrontare le sfide del cambiamento climatico  nell’ambito dell’agricoltura e della sicurezza alimentare. Attraverso pratiche agricole sostenibili, è possibile  mitigare gli impatti ambientali e promuovere una produzione alimentare resiliente. 

Principi della Sostenibilità Agricola 

La sostenibilità agricola si basa su pratiche che rispettano l’ambiente, preservano le risorse naturali e  mantengono la produttività nel lungo termine. L’agricoltura sostenibile rappresenta una soluzione a tutte  queste problematiche. È necessario ridurre le emissioni di gas serra provenienti dall’agricoltura, adottando  pratiche agricole resilienti al clima, come l’irrigazione efficiente, la rotazione delle colture e l’utilizzo di  varietà resistenti al caldo e alla siccità. Promuovere la biodiversità e la salute del suolo è fondamentale per  migliorare la fertilità e la capacità di resilienza degli ecosistemi agricoli. Investire in ricerca e innovazione è  fondamentale per sviluppare nuove tecnologie e soluzioni per l’agricoltura sostenibile. In questo contesto,  le pratiche agricole sostenibili favoriscono la resilienza delle colture, riducono l’impatto ambientale e  promuovono la sicurezza alimentare a lungo termine. 

Il ruolo delle aziende 

Le aziende hanno la responsabilità di assumere un ruolo importante in questo contesto. È fondamentale  sviluppare piani di sostenibilità che includano la riduzione delle emissioni di gas serra, l’adozione di pratiche  agricole sostenibili e la promozione della biodiversità. La collaborazione con le organizzazioni no-profit e le  istituzioni è fondamentale per condividere conoscenze e best practices. La trasparenza e la comunicazione  sono essenziali per informare i consumatori sulle azioni intraprese e per coinvolgerli nella sfida della  sostenibilità.

Collaborazione tra Aziende e Associazioni per la Sostenibilità Alimentare 

La collaborazione tra aziende e associazioni consumeriste rappresenta un’opportunità per sviluppare  soluzioni innovative e sostenibili per affrontare le sfide del cambiamento climatico nell’ambito  dell’agricoltura e della sicurezza alimentare. 

Le associazioni, come Adiconsum, giocano un ruolo chiave nel sensibilizzare sulle questioni legate alla  sostenibilità e nel promuovere partnership strategiche per affrontare queste sfide. 

Prospettive Future 

Affrontare il cambiamento climatico e garantire la sicurezza alimentare richiede un impegno congiunto da  parte di governi, aziende, associazioni e consumatori. Attraverso l’adozione di pratiche sostenibili e la  promozione di partnership collaborative, è possibile mitigare gli impatti sull’agricoltura e assicurare un  approvvigionamento alimentare sicuro e sostenibile per le generazioni future. Solo attraverso una  collaborazione stretta e un impegno condiviso possiamo affrontare efficacemente le sfide che si  presentano. Concludendo, per affrontare queste sfide occorre un approccio olistico e la collaborazione di  tutte le parti interessate. Attraverso la sostenibilità e l’impegno congiunto, possiamo proteggere il nostro  ambiente e assicurare un futuro alimentare sicuro per le generazioni a venire. 

Il Ruolo di Adiconsum 

Se sei un’azienda che desidera avviare un piano di sostenibilità focalizzato sulla sicurezza alimentare, è  giunto il momento di agire. Investire nella sostenibilità non solo porta benefici ambientali, ma può anche  migliorare la reputazione aziendale e garantire una fornitura alimentare stabile e di alta qualità nel lungo  termine. 

Adiconsum si propone come partner per le aziende che desiderano avviare un piano di sostenibilità  sull’argomento sicurezza alimentare. Offriamo consulenza e formazione per aiutare le aziende a  comprendere le sfide del cambiamento climatico e a sviluppare strategie efficaci. Promuoviamo l’adozione  di modelli di consumo responsabile e sensibilizziamo i consumatori sull’importanza di questo tema. 

Contatta Adiconsum oggi stesso per: 

Consulenza Personalizzata: I nostri esperti saranno lieti di guidarti attraverso il processo di sviluppo e  implementazione di un piano di sostenibilità mirato alla sicurezza alimentare, adattato alle esigenze  specifiche della tua azienda. 

Partnership Strategiche: Collaboriamo con aziende di diversi settori per promuovere soluzioni sostenibili.  Unisciti a noi per creare partnership significative e promuovere l’innovazione sostenibile. 

Formazione e Sensibilizzazione: Offriamo programmi di formazione e sensibilizzazione per il tuo team, per  garantire una comprensione approfondita delle sfide e delle opportunità legate alla sostenibilità  alimentare. 

Monitoraggio e Valutazione: Seguiamo da vicino l’implementazione dei piani di sostenibilità e forniamo  supporto continuo attraverso monitoraggio e valutazione, per garantire il raggiungimento degli obiettivi  prefissati.

Non rimandare più a lungo. Contatta Adiconsum oggi stesso e unisciti a noi nell’affrontare le sfide del  cambiamento climatico e nella promozione di una sicurezza alimentare sostenibile per tutti. Il futuro della  tua azienda e del pianeta dipende dalle azioni che intraprendiamo oggi. 

Per saperne di più sui servizi offerti da Adiconsum per la sostenibilità aziendale, si invita a visitare il sito  web www.adiconsum.it o a contattare il numero verde 06 44170222.  

.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Economia circolare e modelli di business rigenerativi: Adiconsum, partner per la sostenibilità aziendale

Economia circolare e modelli di business rigenerativi: Adiconsum, partner per la sostenibilità aziendale

15 Aprile 2024

Nell’attuale panorama globale, l’adozione dell’economia circolare emerge come un imperativo cruciale per  garantire la sostenibilità a lungo termine del pianeta. Rispetto al tradizionale modello lineare di “prendi produci-usa-getta”, l’economia circolare promuove un approccio che mira a massimizzare il valore delle  risorse nel tempo, minimizzando gli sprechi e riducendo l’impatto ambientale. 

In questa prospettiva, Adiconsum si distingue come un partner di prim’ordine per le aziende che intendono  avviare un percorso verso la sostenibilità. Grazie a un team di esperti qualificati e una conoscenza  approfondita del settore, Adiconsum offre un supporto completo per l’adozione di modelli di business  rigenerativi, contribuendo così a promuovere un’economia più circolare e sostenibile. 

 

I principi dell’economia circolare

L’economia circolare si basa su tre principi fondamentali: 

Riduzione 

Questo principio mira a minimizzare l’utilizzo di risorse e la produzione di rifiuti durante tutte le fasi del  ciclo di vita di un prodotto. Ciò include l’adozione di pratiche di progettazione eco-sostenibili,  l’ottimizzazione dei processi produttivi per ridurre gli sprechi e l’implementazione di strategie di consumo  consapevole. 

Riutilizzo 

L’obiettivo del riutilizzo è estendere la vita utile dei prodotti il più possibile. Questo può avvenire attraverso  la riparazione, il ricondizionamento o il riutilizzo dei prodotti stessi o delle loro componenti. In questo  modo, si riduce la necessità di nuove risorse e si evita che i materiali finiscano in discarica prematuramente. 

Riciclo 

Il riciclo è un processo chiave nell’economia circolare, in quanto consente di trasformare i rifiuti in nuove  risorse utili. Questo può avvenire attraverso il riciclo dei materiali, la valorizzazione energetica dei rifiuti o la  conversione dei rifiuti organici in compost o biogas. 

 

Modelli di business rigenerativi 

L’economia circolare offre una vasta gamma di modelli di business innovativi che le aziende possono  adottare per creare valore e ridurre l’impatto ambientale. Alcuni dei più significativi includono:

Economia della prestazione 

Questo modello si concentra sulla vendita dell’utilizzo o del servizio fornito dai prodotti anziché sulla  vendita dei prodotti stessi. Ad esempio, anziché acquistare un’auto, i consumatori possono aderire a servizi  di car sharing che forniscono l’accesso all’utilizzo dell’auto quando necessario, riducendo la necessità di  possedere un veicolo. 

Piattaforme di sharing economy 

Questi modelli facilitano lo scambio e il noleggio di beni e servizi tra individui o aziende. Piattaforme come  Airbnb per l’alloggio o Uber, solo a titolo esemplificativo, per i trasporti permettono alle persone di  condividere risorse esistenti, ottimizzando l’utilizzo e riducendo il consumo complessivo di risorse. 

Riciclo e rigenerazione 

Questo modello si concentra sulla trasformazione dei rifiuti in nuove risorse utili. Ad esempio, il concetto di  “upcycling” implica la creazione di prodotti di valore superiore utilizzando materiali di scarto, mentre il  riciclo dei materiali plastici può essere utilizzato per produrre nuovi prodotti, riducendo la dipendenza dalle  materie prime vergini. 

Bioeconomia 

Questo modello si basa sull’utilizzo di risorse biologiche rinnovabili per la produzione di beni e servizi.  Include pratiche come l’agricoltura biologica, che utilizza metodi sostenibili per la produzione alimentare, e  la produzione di biocarburanti, che sfrutta biomasse rinnovabili per la produzione di energia. 

Economia dell’accesso 

si concentra sull’offerta di accesso ai beni e ai servizi anziché sulla loro proprietà. Attraverso l’uso di  piattaforme digitali e servizi di abbonamento, le aziende possono fornire accesso a beni e servizi senza che i  consumatori debbano possederli fisicamente. Questo riduce la necessità di produzione eccessiva e  favorisce la condivisione delle risorse. 

Economia del servizio 

In questo modello, le aziende si concentrano sulla fornitura di servizi anziché sulla vendita di prodotti. Ad  esempio, anziché vendere lampade, un’azienda potrebbe offrire un servizio di illuminazione, assumendosi  la responsabilità della manutenzione e dell’aggiornamento delle lampade stesse. Ciò favorisce il  prolungamento della vita utile dei prodotti e incentiva la circolarità delle risorse. 

 

I vantaggi dell’economia circolare per le aziende 

L’adozione di modelli di business rigenerativi offre una serie di vantaggi alle aziende, tra cui: 

Riduzione dei costi: Attraverso la riduzione dei consumi di materie prime, energia e acqua, nonché la  diminuzione dei costi di smaltimento dei rifiuti, le aziende possono realizzare significativi risparmi finanziari.

Migliore efficienza: Ottimizzando i processi produttivi e riducendo gli sprechi, le aziende possono  migliorare la loro efficienza operativa e aumentare la loro redditività complessiva. 

Aumento della competitività: Posizionarsi sul mercato come azienda innovativa e sostenibile può conferire  un vantaggio competitivo significativo, attirando clienti sensibili alle questioni ambientali e distinguendosi  dalla concorrenza. 

Migliore reputazione: Investire nella sostenibilità e nell’adozione di pratiche commerciali responsabili può  migliorare la reputazione aziendale e rafforzare il rapporto con i clienti, i dipendenti e gli altri stakeholder. 

Accesso a nuovi mercati: L’adozione di modelli di business circolari può aprire nuove opportunità di  mercato in settori emergenti legati alla sostenibilità, consentendo alle aziende di diversificare le loro  attività e di accedere a nuovi segmenti di clientela. 

 

Adiconsum: partner per la sostenibilità aziendale 

Adiconsum si distingue come un partner affidabile per le aziende che desiderano intraprendere un percorso  verso la sostenibilità. Offrendo una vasta gamma di servizi che includono analisi del contesto aziendale,  sviluppo di strategie di sostenibilità, formazione del personale, ricerca e sviluppo e comunicazione e  marketing, Adiconsum fornisce un supporto completo per l’implementazione di modelli di business circolari  e la promozione di pratiche commerciali sostenibili. 

In conclusione, l’adozione dell’economia circolare e dei modelli di business rigenerativi rappresenta  un’opportunità fondamentale per le aziende che desiderano crescere in modo sostenibile e competitivo nel  lungo termine. Adiconsum, con la sua esperienza consolidata e la sua competenza nel settore, si pone come  il partner ideale per guidare le aziende attraverso questo percorso di transizione verso un futuro più  responsabile, circolare e rigenerativo. 

Per saperne di più sui servizi offerti da Adiconsum per la sostenibilità aziendale, si invita a visitare il sito  web www.adiconsum.it o a contattare il numero verde 06 44170222. L’economia circolare è il futuro, e  Adiconsum è qui per guidare le aziende verso una visione più sostenibile. 

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Case Green: con l’ok dell’Ecofin la direttiva è legge. Adiconsum al Governo: coinvolgere le Associazioni Consumatori nella fase di recepimento della normativa

Case Green: con l’ok dell’Ecofin la direttiva è legge. Adiconsum al Governo: coinvolgere le Associazioni Consumatori nella fase di recepimento della normativa

12 Aprile 2024

Dopo l’approvazione da parte da tutti gli Stati membri di un testo più “morbido”, rispetto alla prima stesura, della Direttiva “Case green” lo scorso 10 aprile, l’ok dell’Ecofin, il Consiglio dei Ministri dell’Economia e delle Finanze, del 12 aprile ha definitivamente sancito il varo della nuova legge. Adiconsum sul tema aveva scritto nei giorni antecedenti la votazione dei Paesi membri una lettera al Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Pichetto Fratin. Ecco che cosa abbiamo chiesto.

La lettera di Adiconsum al ministro Pichetto Fratin

Il tema della casa un tema importante ed è molto sentito nel nostro Paese ed è all’attenzione di Adiconsum tant’è che in vista dell’ok definitivo della Direttiva “Case green” ci siamo fatti portavoce, presso il Ministro, delle preoccupazioni dei tanti consumatori proprietari di casa, in relazione agli oneri di cui si dovrebbero far carico per adeguare la propria abitazione ai nuovi standard energetici superiori a quelli attuali, stabiliti dalla nuova normativa.

Da sempre impegnata in Campagne di sensibilizzazione sull’uso razionale dell’energia e di attenzione all’ambiente, Adiconsum ritiene che per rendere operativo il testo approvato bisogna definire percorsi ed esenzioni per garantire la fattibilità della transizione,  proteggendo le famiglie da oneri eccessivi e prevenendo effetti distorsivi o speculazioni sul mercato di beni e servizi coinvolti negli interventi di efficientamento, a cui abbiamo assistito in occasione degli incentivi al 110%.

Le nostre richieste al Governo

Ecco perché Adiconsum chiede al Governo di coinvolgere, nella fase di recepimento della Direttiva, il coinvolgimento delle Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge che, hanno raccolto i reclami e le segnalazioni dei comportamenti scorretti in tema di incentivi, rispetto ai quali occorre fare prevenzione prima che repressione.

All’uopo chiediamo di prevedere una sezione specifica dedicata alle modalità di finanziamento, gettando le basi di soluzioni su misura per le famiglie relative ai progetti di ristrutturazione residenziale.

Il progetto “La Casa SI Cura”

In base all’esperienza maturata negli ultimi due anni con il Tour realizzato nell’ambito del progetto “La Casa SI Cura”, promosso da Prosiel, arrivato nelle piazze e nelle sedi delle istituzioni locali in 20 città dal nord al sud del Paese, comprese le isole, Adiconsum sottolinea, inoltre, la diffusa mancanza di sicurezza degli impianti elettrici nelle case, spesso teatro di eventi drammatici che potevano essere evitati. Tra le criticità riscontrate, oltre alla non conoscenza del proprio impianto, della sua gestione e manutenzione, i consumatori non sono in possesso degli strumenti per valutare le competenze degli impiantisti e la correttezza degli interventi proposti dalle imprese. Senza la messa in sicurezza delle nostre abitazioni, è difficile anche procedere a quell’efficientamento energetico richiesto dalla Direttiva “Case green”.

La Campagna di sensibilizzazione “La Casa SI Cura” è ancora attiva fino al 31 dicembre 2024. Tramite il portale https://www.lacasasicura.org/  è possibile richiedere il controllo GRATUITO dello stato del proprio impianto elettrico da parte di un tecnico abilitato.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Energia elettrica: istruzioni per l’uso del motore di ricerca di ARERA per il rientro nel mercato tutelato

Energia elettrica: istruzioni per l’uso del motore di ricerca di ARERA per il rientro nel mercato tutelato

10 Aprile 2024

Per la tua fornitura di energia elettrica avevi scelto un fornitore del mercato libero, ma vuoi rientrare nel mercato tutelato e non sai come fare? Avevamo già comunicato questa possibilità nella nostra notizia dello scorso 20 marzo, nella quale avevamo anche indicato il link dove trovare tutte le informazioni riguardo alle società che erogano il servizio di Maggior Tutela inserendo la regione, la provincia e il comune, evidenziando anche le tempistiche incerte di questo passaggio, dovute ai tempi di lavorazione delle pratiche. Ora però l’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente, ha semplificato la ricerca del fornitore  organizzando un motore di ricerca specifico dove basta inserire il nome del Comune dove si trova la fornitura di energia elettrica.

Il nuovo motore di ricerca dell’ARERA

Per permettere a coloro che sono nel mercato libero dell’energia elettrica di esercitare il loro diritto a rientrare nel Mercato Tutelato, l’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA) ha realizzato un motore di ricerca per aiutare i consumatori a conoscere quale fornitore eroga tale servizio nel Comune dove si trova l’abitazione oggetto della fornitura.

Come fare per chiedere di rientrare nel Mercato Tutelato

  • Entra nel motore di ricerca, cliccando qui
  • Accetta i cookies (per farlo vai in fondo alla pagina e clicca su “Gestione Cookies”)
  • Inserisci il nome del Comune nell’apposito spazio
  • Clicca sul link del fornitore che esercita la Maggior Tutela in quel Comune
  • Segui le indicazioni riportate nella pagina del fornitore.

Per fare la richiesta di rientro, alcuni fornitori mettono a disposizione più canali di contatto (telefono, chat, ecc.), altri rendono disponibile un Modulo da compilare.

IMPORTANTE: Per assistenza rivolgersi agli sportelli territoriali Adiconsum.

Casa: Adiconsum lancia l’allarme per i troppi incendi

9 Aprile 2024

Sono stati 4 gli incendi verificatisi nel weekend, appena trascorso, a Roma, per uno dei quali è stata già accertata la causa, individuata in un corto circuito. Adiconsum, anche in base all’esperienza acquisita grazie al Tour della Campagna “La Casa SI Cura” lancia l’allarme e pone il tema della sicurezza delle nostre abitazioni al centro dell’attenzione dei consumatori e delle istituzioni. Ecco quali sono le criticità rilevate e quali le possibili soluzioni.

L’esperienza del Tour  “La Casa SI Cura”

Come toccato con mano da Adiconsum nel Tour, nell’ambito della Campagna “La Casa SI Cura” (www.lacasasicura.org), promossa da Prosiel, che ha toccato nel 2022 e nel 2023 le piazze di 20 città dal nord al sud dell’Italia, isole comprese, incontrando cittadini e Istituzioni locali,  circa il 70% degli immobili risale a prima dell’emanazione della L. 46/90 sulla sicurezza degli impianti elettrici e i cittadini ignorano la necessità di manutenere periodicamente il proprio impianto. Tale carenza è sovente causa di eventi tragici che potevano essere evitati.

Le criticità

Tra le criticità emerse negli incontri del Tour segnaliamo:

  • la non conoscenza dello stato e della sicurezza del proprio impianto elettrico in casa
  • la necessità di una corretta informazione sulla gestione dell’impianto elettrico
  • la mancanza di strumenti per valutare le competenze degli impiantisti.

Le possibili soluzioni proposte da Adiconsum

Tra le possibili soluzioni, Adiconsum propone:

  • il censimento dello stato degli impianti elettrici negli appartamenti
  • la manutenzione periodica
  • l’aggiornamento obbligatorio della certificazione di conformità
  • l’aggiornamento obbligatorio del libretto di manutenzione.

Inoltre, Adiconsum  ritiene necessaria una Campagna di comunicazione, da realizzare con le Associazioni Consumatori del CNCU, per informare i cittadini sui comportamenti da seguire per garantire la massima sicurezza anche degli impianti elettrici.

Ciò permetterebbe anche di rispettare, per quanto riguarda la sicurezza, la Direttiva “Case green”.

La Campagna “La Casa SI Cura”

Ricordiamo che la la Campagna di sensibilizzazione, promossa da Prosiel e realizzata da Adiconsum, è attiva ancora  fino al 31 dicembre 2024, e consente di richiedere tramite il portale www.lacasasicura.org, la VISITA GRATUITA di un tecnico abilitato per il controllo dello stato dell’impianto elettrico di casa.

Bonus sociale luce: dal 1° aprile 2024 stop al contributo straordinario

3 Aprile 2024

Dal 1° gennaio scorso, come già reso noto nella nostra notizia del 4 gennaio, l’erogazione dei bonus sociali di luce e gas è ripresa con i pregressi requisiti di ISEE: fino a 9.530 euro e fino a 20.000 euro per le famiglie con più di 3 figli. Sul fronte bonus sociali, ed in particolare relativamente al bonus sociale dell’elettricità, c’è un’altra novità. Vediamo di che si tratta.

Cronistoria dei bonus sociali di luce e gas

I bonus sociali di luce e gas sono stati oggetto negli ultimi due anni di varie misure di potenziamento e di estensione della platea dei beneficiari. Dal II trimestre 2022, infatti, il valore dell’ISEE era stato innalzato fino a 12.000 euro (20.000 per le famiglie numerose) per poi passare dal I trimestre 2023 a 15.000 euro (20.000 euro per le famiglie numerose) e dal II trimestre 2023 a 30.000 euro per le famiglie con almeno 4 figli a carico e fino a 15.000 e 30.000 euro fino al IV trimestre 2023.

Il contributo straordinario: novità

Il IV trimestre 2023 ha visto l’introduzione di un contributo straordinario crescente con il numero dei componenti del nucleo familiare riservato a coloro che già ricevevano il bonus sociale elettrico (ISEE 15.000 e 30.000 per famiglie numerose).

Tale contributo, in vigore anche nel I trimestre 2024, non è stato invece riconfermato nel II trimestre 2024. Pertanto il bonus sarà più leggero.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Bollette luce II trimestre 2024: forte calo delle tariffe per i consumatori non vulnerabili del mercato tutelato

Bollette luce II trimestre 2024: forte calo delle tariffe per i consumatori non vulnerabili del mercato tutelato

3 Aprile 2024

Lo scorso 28 marzo, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha comunicato le tariffe dell’energia elettrica valide dal 1° aprile al 30 giugno 2024 che saranno applicate alle bollette dei consumatori non vulnerabili che sono nel mercato tutelato. Si è trattato dell’ultimo aggiornamento prima della fine del mercato tutelato prevista proprio il 30 giugno. Dal 1° luglio, infatti, il mercato dell’elettricità sarà completamente libero. I consumatori non vulnerabili che a quella data non avranno scelto un operatore del mercato libero, verranno passati al Servizio a Tutele Graduali (STG). Ecco le novità dell’ultimo aggiornamento delle tariffe della luce comunicato dall’ARERA.

Costo della bolletta luce II e ultimo trimestre 2024 nel mercato tutelato

Per il II trimestre, il costo della bolletta elettrica per la famiglia tipo non vulnerabile, nel mercato tutelato, cioè con consumi medi di 2.700 kWh/anno e con un contattore di potenza pari a 3 kW, è del -19,8%. Il calo è dovuto ad una diminuzione del costo della spesa per la materia energia (-22,5%) compensata da un incremento del +2,72% degli oneri generali di sistema.

Il prezzo finale dell’energia elettrica per questo trimestre è quindi di 20,24 centesimi di euro al kWh, comprensivo di imposte.

La spesa per la famiglia tipo compresa dal 1° luglio 2023 al 30 giugno 2024 sarà di 662 euro, segnando un -47,7% rispetto al costo del periodo 1° luglio 2022-30 giugno 2023.

Rientro nel mercato tutelato

Si ricorda la possibilità per i consumatori non vulnerabili che sono già nel mercato libero che fino al 30 giugno prossimo di rientrare nel mercato tutelato e nel caso vi rimangano, dal 1° luglio verranno automaticamente passati al Servizio a Tutele Graduali che verrà fornito dall’operatore che si è aggiudicato, tramite l’asta indetta dall’Arera, un determinato territorio.

  • Per scoprire quale sarà il futuro fornitore del Servizio a Tutele Graduali della tua zona, clicca qui
  • Per rientrare nel mercato tutelato, clicca qui
  • Per informazioni e assistenza, invitiamo i consumatori a rivolgersi presso gli sportelli territoriali Adiconsum sparsi sul territorio nazionale. Per scoprire dove sono, clicca qui

Adiconsum augura Buona Pasqua

29 Marzo 2024

Il presidente Nazionale Carlo De Masi e tutto il team dell’Adiconsum nazionale augura a tutte le famiglie italiane auguri di Buona Pasqua.

Gli uffici nazionali riapriranno Martedì 2 Aprile 2024.

 

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Mondo Convenienza: sanzionata da Antitrust su segnalazione di Adiconsum Sardegna

Mondo Convenienza: sanzionata da Antitrust su segnalazione di Adiconsum Sardegna

29 Marzo 2024

È stata sanzionata pesantemente dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, la Iris Mobili S.r.l., la società titolare del marchio Mondo Convenienza. L’istruttoria nei confronti dell’impresa era partita a seguito della segnalazione da parte di Adiconsum Sardegna e di altre Associazioni. Vediamo i motivi della decisione dell’Authority.

La segnalazione di Adiconsum Sardegna

  • Problemi nelle consegne dei prodotti acquistati
  • Mobili incompleti o difettosi
  • Mancato rispetto dei contratti
  • Difficoltà nell’assistenza post-vendita.

Queste le segnalazioni più frequenti pervenute all’Adiconsum Sardegna da numerosi consumatori che si è subito attivata per tutelarli presentando un esposto all’Antitrust.

Il provvedimento dell’Authority

L’istruttoria condotta dall’Antitrust ha rilevato condotte illecite da parte della società nella consegna e nel montaggio dei mobili e degli arredi e nell’assistenza post-vendita, ma fatto ancor più grave, ha riscontrato che l’azienda, pur consapevole dei problemi, non ha adottato i comportamenti necessari per alleviare le difficoltà subite dai consumatori, violando quindi anche l’obbligo di diligenza professionale previsto dal Codice del Consumo. Infine, ma non ultimo, ha ostacolato i consumatori nell’esercitare il loro diritto a presentare reclamo, prevedendo delle tempistiche molto strette, e ha adottato delle barriere anche all’esercizio della garanzia legale dei beni di consumo, limitando la libertà di scelta degli acquirenti.

La sanzione inflitta dall’Antitrust

Tutte queste violazioni non rispettano l’esecuzione corretta del contratto di compravendita e cioè:

  • la consegna completa e corretta del bene acquistato
  • l’attuazione del servizio post-assistenza
  • il rimborso in caso di recesso e di compensazioni per i disagi subiti.

La sanzione comminata dall’Autorità è di 3,2 milioni di euro.

Per il provvedimento integrale dell’Antitrust, clicca qui

Adiconsum invita i consumatori vittime dei comportamenti scorretti di Mondo Convenienza a chiedere l’assistenza presso le sue sedi territoriali.

Aprile 2024: tutte le date da ricordare

28 Marzo 2024

Quest’anno il mese di aprile non annovera come di consueto la festività della Pasqua, ma solo quella conosciuta come “Pasquetta” o meglio “Lunedì dell’Angelo”, ma sono sempre varie le scadenze da ricordare. Vediamo quali sono.

1 aprile 2024

  • Lunedì dell’Angelo (Pasquetta)
  • Al via il calo del 19,8% delle bollette dell’energia elettrica per coloro che sono nel mercato tutelato
  • Al via le domande per richiedere il bonus badanti

2 aprile 2024

  • Primo giorno utile per il pagamento delle pensioni sia alla posta che in banca

4 aprile 2024

  • Ultimo giorno utile per comunicare all’Agenzia delle Entrate le opzioni per lo sconto in fattura e la cessione del credito per gli interventi del superbonus e dei bonus edilizi minori relativi alle spese sostenute nel 2023 e per le rate residue non fruite relative alle spese del 2020, 2021 e 2022

7 aprile 2024

  • Chiusura riscaldamenti centralizzati delle zone D ed E

10 aprile 2024

  • Ultimo giorno per chiedere il rimborso delle polizze dormienti

15 aprile 2024

  • Prima giornata nazionale del Made in Italy

22 aprile 2024

  • Giornata mondiale della Terra

23 aprile 2024

  • Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore

25 aprile 2024

  • Festa della Liberazione.
  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Contraffazione: un fenomeno da combattere educando alla legalità a cominciare dalla scuola. Il nuovo progetto europeo realizzato da Adiconsum

Contraffazione: un fenomeno da combattere educando alla legalità a cominciare dalla scuola. Il nuovo progetto europeo realizzato da Adiconsum

28 Marzo 2024

Cogliamo l’occasione per parlare di lotta alla contraffazione, partendo dai dati del 4° Report annuale presentato da Amazon, l’azienda di e-commerce, per far conoscere l’impegno profuso su questo fenomeno da Adiconsum in questi anni, attraverso progetti europei e nazionali.

I dati sulla lotta alla contraffazione diffusi da Amazon

La contraffazione è un fenomeno complesso che violando la Proprietà Intellettuale e la creatività delle persone arreca danni all’economia dei Paesi, alla loro salute e sicurezza e a quella  del pianeta.

La complessità della lotta alla contraffazione è testimoniata anche dagli ingenti investimenti messi in campo da un colosso come Amazon. Nell’ultimo Report annuale sulla protezione dei dati dei clienti e dei marchi, l’impresa fa sapere di aver investito nel 2023 più di 1,2 miliardi di dollari  e di aver impiegato più di 15.000 persone, utilizzando tutti i più recenti progressi  dell’intelligenza artificiale e i modelli avanzati di machine learning. Solo nel 2023, ha identificato e sequestrato nel mondo oltre 7 milioni di prodotti contraffatti.

L’impegno di Adiconsum nella lotta alla contraffazione

Adiconsum, nella sua mission di tutela dei diritti dei consumatori e di percorsi di educazione alla legalità, è impegnata dal 2017 in progetti europei che hanno come tema dominante quello della tutela della Proprietà Intellettuale, della lotta alla contraffazione e alla pirateria. I progetti sono finanziati dall’EUIPO, l’Ufficio dell’Unione europea per la Proprietà intellettuale.

L’attuale progetto “We All Say NO 2 Fakes” (Wall-NO), è la naturale prosecuzione dei precedenti  progetti “Peers Say NO” e “Peers2Peers Say NO” e “We all Say NO!”.

L’obiettivo del progetto in corso è quello di avvicinare i giovani alla tutela della Proprietà intellettuale, spiegando, attraverso esempi legati al loro vissuto quotidiano, che la sua violazione alimenta i fenomeni della contraffazione, arrecando danni all’economia del Paese:

  • come distinguere i prodotti originali da quelli contraffatti, quali sono  le differenze ed i rischi in termini di  salute e sicurezza per l’utilizzatore finale, quali sono gli impatti sulla società e sull’economia;
  • capire cos’è la pirateria, perché va combattuta da tutti, quali insidie nasconde, come accedere a contenuti legali (musica, film, software, videogiochi) gratuitamente o a prezzi accessibili.
  • diffondere i concetti di diritto d’autore e di permesso d’autore e acquisire confidenza nel tutelare le proprie creazioni

In particolare, rispetto alle precedenti iniziative, We All Say NO 2 Fakes sarà dedicato all’Intelligenza artificiale e alla gestione del diritto d’autore.

A chi si rivolge

Ai ragazzi e ai loro insegnanti. Il progetto prevede un Tour nelle scuole. Nell’incontro con gli esperti di Adiconsum, gli studenti e i docenti potranno:

  • apprendere le nozioni di base sulla Proprietà Intellettuale (PI) e la sua importanza per il progresso ed il benessere della società, le implicazioni etiche, ecc.
  • approfondire i temi della tutela della PI applicata ai prodotti e ai contenuti di più evidente rilevanza per i consumi giovanili
  • conoscere i danni per la collettività indotti dalle violazioni di PI, riflettere sul valore della legalità in generale
  • conoscere i rischi e gli svantaggi (incluse le sanzioni) per gli utilizzatori di beni contraffatti e contenuti pirata.

Al termine dell’incontro, i ragazzi , sotto la guida dei loro docenti e con l’aiuto degli esperti di Adiconsum, preparano un messaggio educativo contro la pirateria e la contraffazione, destinato ai loro coetanei.

Sul sito dedicato al progetto https://www.ioscelgoautentico.net/ ci sono un’Area Ragazzi e un’Area Insegnanti con tutto il materiale digitale sulla Proprietà Intellettuale.

Il progetto nazionale “Io sono Originale”

Tra i progetti nazionali che Adiconsum ha seguito in questi anni ricordiamo “Io sono Originale”, che ha sostituito il precedente “Io non voglio il falso”, entrambi promossi dalla Direzione Generale per la Tutela della Proprietà Industriale Ufficio Italiano Brevetti e Marchi-UIBM dell’allora Ministero dello Sviluppo Economico, ora Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), che si è da poco concluso. Obiettivo coinvolgere attivamente i cittadini – consumatori, in particolare i giovani, nella lotta alla contraffazione, stimolando comportamenti virtuosi nel vivere quotidiano e nelle abitudini di acquisto e di vendita.

Il progetto si propone di capovolgere il paradigma diffuso che intende il consumatore come vittima inerme della contraffazione rendendolo protagonista, unitamente alle Forze dell’Ordine, alle Istituzioni, alle Aziende, del contrasto attivo del fenomeno.

Tra le iniziative dell’ultima edizione, incontri nelle Scuole Secondarie di I e II grado in 9 regioni, 35 workshop universitari, eventi in 25 città, celebrazione della Giornata dell’Innovazione con il coinvolgimento di 45 Università.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Superbonus: inopportuno per Adiconsum lo stop allo sconto in fattura e alla cessione del credito

Superbonus: inopportuno per Adiconsum lo stop allo sconto in fattura e alla cessione del credito

28 Marzo 2024

Adiconsum ritiene inopportuno il provvedimento varato dal Consiglio dei Ministri del 26 marzo che ha cancellato completamente lo sconto in fattura e la cessione del credito. Vediamo che cosa è successo.

Il Decreto-legge del Consiglio dei Ministri del 26 marzo 2024

Nessuno se lo aspettava, anche perché ormai si può dire che lo sconto in fattura e la cessione del credito per gli interventi d riqualificazione energetica e anti-sismici erano stati già molto ridimensionati col Decreto Cessioni, ma era stato mantenuto per gli interventi di superamento ed eliminazione delle barriere architettoniche, e di riqualificazione energetica e anti-sismica per le abitazioni dei Comuni colpiti da eventi sismici verificatisi dal 1° aprile 2009 e da eventi metereologici nella Regione Marche dal 15 settembre 2022, e per quelli realizzati dagli Istituti Autonomi Case Popolari e dalle Organizzazioni no profit, APS e di volontariato appartenenti al Terzo Settore.

Con il Decreto-legge del 26 marzo, anche per questi interventi, non esiste più la possibilità di usufruire delle due opzioni alle detrazioni fiscali e cioè lo sconto in fattura e la cessione del credito. Pertanto rimangono in essere solo i semplici bonus che permettono la detrazione fiscale delle spese.

Il punto di vista di Adiconsum

Per Adiconsum lo stop alle opzioni è una decisione inopportuna, se si considera la situazione del patrimonio immobiliare pubblico e privato del nostro Paese:  le nostre case non efficienti energeticamente, infatti, sono responsabili del 39% delle emissioni di CO2.

Gli interventi di efficienza energetica, così come quelli per la sicurezza e la corretta manutenzione degli apparati negli edifici, permettono di ridurre l’inquinamento e di combattere più efficacemente il cambiamento climatico.

Senza agevolazioni sarà sempre più difficile per i cittadini-consumatori rispettare la road map stilata dall’Unione europea in materia di riduzione delle emissioni inquinanti e di lotta al cambiamento climatico (“FIT for 55” e Direttiva “Case Green”).

Non solo.  Come emerso dal Tour, realizzato da Adiconsum, dell’omonima Campagna “La Casa SI Cura”*, promossa da Prosiel, con tappe nelle piazze di 20 città dal nord al sud dell’Italia, isole comprese, circa il 71% degli immobili del nostro Paese risale a prima dell’emanazione della L. 46/90 sulla sicurezza degli impianti elettrici, il cui adeguamento e manutenzione sono frenati dagli alti costi, soprattutto per le fasce deboli della popolazione come  gli anziani.

La “partita” è molto importante. Ecco perché, ad avviso di Adiconsum, una soluzione al problema degli interventi di riqualificazione edilizia, di efficientamento energetico e di sicurezza nelle case potrebbe essere quella di prevedere dei bonus per i redditi bassi e le famiglie in difficoltà o almeno di concedere, da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze, dei prestiti agevolati.

 

*La Campagna di sensibilizzazione “La Casa SI Cura” di Adiconsum e Prosiel, attiva ancora  fino al 31 dicembre 2024, per la diffusione di una Cultura della sicurezza della casa, consente di richiedere, tramite il portale www.lacasasicura.org la VISITA GRATUITA di un tecnico abilitato per il controllo dell’impianto elettrico di casa.

Rc auto: prezzi di febbraio 2024

27 Marzo 2024

L’IVASS, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, ha reso noti i prezzi effettivi delle polizze r.c. auto sottoscritte nel mese di febbraio 2024. Ecco quali sono stati.

Il prezzo medio

  • Nel mese di febbraio 2024, il prezzo medio delle polizze r.c. auto 395 euro, contro i 389 euro di gennaio, con un aumento del +6,5% su base annua, rispetto a febbraio 2023, e +5,7% in termini reali, in decelerazione rispetto a gennaio 2024.
  • Il prezzo medio è ancora inferiore al prezzo medio di febbraio 2019 pre-pandemia

Differenze di prezzo tra le varie città

  • L’incremento più basso si è registrato a Ragusa +1,8%; quello più alto ad Aosta +11%
  • La differenza di prezzo tra Napoli e Aosta è di 252 euro, in diminuzione del 3% rispetto a febbraio 2023.

Assicurati di classi di merito superiori alla prima

  • In diminuzione l’aumento del costo della polizza r.c. auto per gli assicurati in classi di merito superiori alla prima che è stato del +9,3% rispetto al +10,4% del mese scorso.

Per saperne di più, clicca qui

Marzo 2024: tutte le date da ricordare

26 Marzo 2024

Oltre all’arrivo della primavera e alla celebrazione della Santa Pasqua, il mese di marzo 2024 +è caratterizzato da pagamenti e richieste di bonus. Vediamo quali.

1° marzo

  • Pagamento delle pensioni

14 marzo

15 marzo

18 marzo

  • Invio richiesta bonus psicologo

20 marzo

  • Equinozio di primavera

31 marzo

Bollette gas: incontro con Enel-Energia

25 Marzo 2024

Nei giorni scorsi si è svolto un incontro tra Adiconsum e le altre Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge (CNCU) e Enel Energia in merito alla problematica delle modifiche tariffarie avvenute a partire da fine 2023, in particolare nel settore gas, segnalateci dai consumatori. Ecco com’è andata.

L’intervento di Adiconsum

  • Nel corso dell’incontro, Adiconsum ha sottolineato la necessità di rivedere le modalità di comunicazione al cliente in merito alle modifiche tariffarie, indipendentemente da quanto previsto dal Codice di Condotta Commerciale, carente sotto questo profilo, per dare la possibilità al consumatore di conoscere e scegliere consapevolmente.
  • Rispetto al problema della “lievitazione” delle tariffe proposte, assolutamente non in linea con l’andamento dei prezzi medi riscontrati nel 2023, Adiconsum ha richiesto una metodologia per renderle più adeguate a quelle attuali, con particolare attenzione alla gestione delle fatture già emesse.

L’intervento di Enel Energia

L’Azienda al momento si è limitata a procedere a migliorare la comunicazione e l’informativa e ha confermato la disponibilità a rateizzare le fatture emesse fino a 10 rate senza interessi, prestando attenzione alle varie casistiche e nel contempo a rivedere la tariffa applicata con quella migliore disponibile.

In merito alla nostra richiesta sul pregresso, Enel Energia ha chiesto tempo e si è impegnata a riconvocare le Associazioni Consumatori nel breve periodo.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Casa: Adiconsum lancia l’allarme. Troppi gli impianti elettrici non manutenuti correttamente. Senza sicurezza difficile anche l’efficientamento energetico

Casa: Adiconsum lancia l’allarme. Troppi gli impianti elettrici non manutenuti correttamente. Senza sicurezza difficile anche l’efficientamento energetico

25 Marzo 2024

Ancora un evento tragico in casa che ha provocato dolore e morte. Parliamo dell’incendio avvenuto in un’abitazione di Bologna del 15 marzo scorso che è costato la vita ad una madre ed ai suoi tre figli a causa del fumo tossico generato da una stufetta elettrica per un corto circuito. Perché si poteva evitare. 

La manutenzione degli impianti elettrici

Eventi del genere come quello accaduto a Bologna potevano essere evitati con una corretta manutenzione. La corretta realizzazione e manutenzione degli impianti elettrici sono l’unica arma in nostro possesso per evitare che accadano simili tragedie che non sono affatto rare. Purtroppo, nel nostro Paese circa il 71% degli immobili risale a prima dell’emanazione della L. 46/90 sulla sicurezza degli impianti elettrici e gli italiani pongono poca attenzione al proprio impianto visto che le regole non prevedono sanzioni.

Il Tour e il progetto Prosiel “La Casa SI Cura” strumento utile ai consumatori 

La corretta realizzazione e manutenzione degli impianti elettrici sono alla base del progetto  in corso “La Casa SI Cura” promosso da Prosiel e del Tour di Adiconsum in 20 città.

Il Tour nel 2022 e nel 2023, con un Gazebo attrezzato con i nuovi strumenti tecnologici per tenere al sicuro la nostra casa e noi stessi, ha incontrato i cittadini-consumatori e Istituzioni di 20 città italiane dal nord al sud della penisola, isole comprese, per informare sull’importanza della manutenzione degli impianti elettrici, per dare consigli su come risparmiare energia con le nuove tecnologie (pannelli solari, ricarica auto elettrica, contatori online, ecc.), su come adeguare l’impianto elettrico se vuoi introdurre in casa apparati ed elettrodomestici appropriati che non possono essere collegati alla rete elettrica con il “fai da te”. La Campagna di sensibilizzazione, attiva ancora  fino al 31 dicembre 2024, per la diffusione di una Cultura della sicurezza della casa, consente di richiedere, tramite il portale www.lacasasicura.org la VISITA GRATUITA di un tecnico abilitato per il controllo dell’impianto elettrico di casa.

Le problematiche relative agli impianti elettrici delle case degli italiani 

Adiconsum, grazie al Tour, ha rilevato una serie di criticità da parte dei consumatori/cittadini sulla sicurezza:

  1. mancanza di conoscenza dello stato e della sicurezza del proprio impianto elettrico in casa
  2. mancanza di una corretta informazione sulla gestione dell’impianto elettrico
  3. mancata conoscenza di elementi di valutazione delle competenze degli impiantisti
  4. necessità di individuare ad un organismo/professionista terzo all’impresa, sicuramente competente, che realizzi i lavori, per la valutazione degli interventi di efficienza energetica  da installare e della direzione dei lavori
  5. impossibilità per chi è in affitto di apportare migliorie di efficienza e risparmio energetico in quanto spettano al proprietario
  6. impossibilità, per chi vive in condominio, di verificare lo stato degli impianti elettrici degli altri condomini, informazione indispensabile per garantire la sicurezza del proprio impianto
  7. alti costi di adeguamento degli impianti elettrici per garantire la sicurezza e il risparmio energetico, soprattutto per le fasce deboli come  gli anziani .

Alcune proposte di soluzione di Adiconsum

  1. Prevedere il censimento dello stato degli impianti elettrici degli appartamenti privati, la manutenzione periodica obbligatoria, l’aggiornamento obbligatorio della certificazione di conformità, l’aggiornamento obbligatorio del libretto di manutenzione, le sanzioni per chi non è in possesso della certificazione e del libretto, l’indicazione nell’atto di vendita del possesso della certificazione e del libretto, l’obbligatorietà di presentare al distributore o al venditore del certificato di conformità in caso di richiesta di allaccio di nuovo contatore e/o di innalzamento della potenza della fornitura di energia elettrica
  2. Avviare Campagna informativa da realizzare con Prosiel e le Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge facenti parte del Consiglio nazionale Consumatori e Utenti (CNCU), come Adiconsum, per informare correttamente i cittadini-consumatori sui comportamenti giusti da tenere per garantire la massima sicurezza degli impianti, soprattutto se si intendono inserire nuovi apparati utili all’efficientamento.
  3. Prevedere etichetta o bugiardino per il materiale elettrico da installare obbligatoriamente dal tecnico, con l’indicazione che il prodotto non può essere installato da soli e se può o non può essere collegato all’impianto esistente senza verificare prima che sia idoneo.
  4. Predisporre delle modalità sul controllo, in collaborazione con AGCM, delle informazioni pubblicitarie di aziende produttrici, distributrici e installatrici, nel settore delle rinnovabili e le relative ed adeguate sanzioni.
  5. Prevedere la certificazione su base volontaria di un organismo terzo sul livello di specializzazione del tecnico abilitato e della ditta installatrice
  6. Prevedere una figura professionale unica in grado di redigere una diagnosi  energetica in base alla quale progettare gli interventi più adatti al raggiungimento del più appropriato risparmio energetico, predisporre i capitolati, dirigere i lavori, tenendo conto anche delle disponibilità economiche. Serve un energy manager dedicato ai proprietari di casa
  7. Dare facoltà agli affittuari di un appartamento senza certificazione di conformità di richiedere l’intervento di un tecnico per verificare lo stato dell’impianto e, nel caso, farla redigere attribuendo i costi al proprietario
  8. Prevedere corsi dedicati agli amministratori di condominio sull’efficienza e il risparmio  energetico. Modificare il Regolamento di condominio e le maggioranze necessarie per effettuare i lavori di risparmio energetico
  9. Ridurre l’IVA al 4% su tutti gli apparati relativi all’uso di fonti rinnovabili, reintrodurre lo sconto in fattura almeno per redditi bassi, prevedere bonus per i redditi bassi per interventi di efficientamento e risparmio energetico, concedere, tramite accordi col Ministero dell’Economia e delle Finanze, prestiti agevolati per gli impianti legati al risparmio energetico degli appartamenti.

Energia: al via il Tavolo Consumatori Fine Tutela

24 Marzo 2024

Si è svolto nei giorni scorsi il primo incontro del Tavolo Fine Tutela tra l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) e le Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge come Adiconsum. Temi dell’incontro: informazione e garanzie per Servizio Tutele Graduali (STG).

LE INIZIATIVE MESSE IN CAMPO DALL’ARERA PER LA FINE TUTELA

L’informazione

  • Nel corso di questo primo incontro del Tavolo, a cui hanno partecipato 12 Associazioni Consumatori, tra cui Adiconsum, ARERA ha informato di aver definito le comunicazioni individuali che devono essere presenti in bolletta, affiancate da una più ampia Campagna istituzionale, complementare a quella che svilupperà il Governo, attraverso i vari media: stampa, radio, tv, social, Sportello per il consumatore.

Il rientro nel Mercato Tutelato

  • Tra le iniziative adottate, ARERA ha nominato anche quella per garantire il rientro al Servizio di Maggior Tutela finché sarà attivo, ricordando che tale possibilità è consentita fino al 30 giugno 2024, mentre i clienti vulnerabili potranno accedervi anche dopo tale data.

ARERA ha inoltre fatto sapere di aver inviato una raccomandazione agli operatori che esercitano il mercato tutelato affinché:

  • permettano l’esercizio di tale diritto fino all’ultimo giorno utile
  • rendano disponibili informazioni aggiornate
  • espongano in evidenza le modalità da seguire e la relativa modulistica
  • facilitino la trasmissione dei documenti richiesti per il rientro al Mercato Tutelato
  • minimizzino le tempistiche.

Al momento ancora non tutte le richieste dell’ARERA sono state già recepite. Ci auguriamo che lo siano al più presto, per porre fine alla confusione che stanno subendo i consumatori che continuiamo a rivolgersi alle sportelli territoriali Adiconsum per ricevere adeguata assistenza.

Il monitoraggio

  • ARERA ha anche reso noto che svolgerà un monitoraggio sulle procedure di trasferimento dei clienti dal Mercato Tutelato al Servizio a Tutele Graduali che subentrerà dal 1° luglio prossimo e che sta procedendo alla verifica e all’allineamento dei dati anagrafici dei consumatori per la stipula del nuovo contratto in maniera corretta.

I nuovi indicatori

  • ARERA ha fatto sapere che sono in fase di sviluppo dei nuovi indicatori che danno informazioni sulle scelte fatte dai consumatori nel mercato libero esprimendole in Euro/kWh per una maggiore confrontabilità.

Adiconsum partecipa a “Fa’ la cosa giusta”: Padiglione 3 – Stand TD 16

22 Marzo 2024

Festeggia i 20 anni “Fa’ la cosa giusta”, la Fiera degli stili di vita sostenibili in Italia dal 2004 e Adiconsum, insieme al Centro Europeo Consumatori Italia, non poteva mancare a questo importante evento, a testimonianza dell’impegno a sostegno della realizzazione dei 17 Goals dell’Agenda 2030 dell’ONU per uno sviluppo sostenibile del pianeta e rispettoso dei diritti dei consumatori. L’evento si svolge a Milano presso l’Allianz MiCo, dal 22 al 24 marzo, tutti i giorni dalle 9 alle 20.

Dove trovarci

  • Siamo al Padiglione 3 – Stand TD16.

La giornata di Venerdì 22 marzo 2024

Nella giornata di venerdì 22 marzo dalle ore 10 alle ore 11, si tiene il laboratorio con le scuole sulle tematiche di due progetti Adiconsum:

Presso lo stand, i visitatori troveranno a disposizione, materiali informativi e gadget sia di Adiconsum che del Centro Europeo consumatori Italia che è il punto di contatto della Rete dei Centri Europei dei Consumatori ECC-Net, istituita dalla Commissione europea per informare e assistere GRATUITAMENTE i cittadini in caso di controversia transfrontaliera.

Vi aspettiamo!!!

Dal 22 al 24 marzo 2024
Milano – Allianz MiCo
Padiglione 3 – Stand TD 16

Foto 1

Foto 2

Foto 3

Foto 4

 

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Bollette luce: avviso ai consumatori, tempistiche incerte per il rientro nel mercato tutelato

Bollette luce: avviso ai consumatori, tempistiche incerte per il rientro nel mercato tutelato

20 Marzo 2024

Si parla sempre della possibilità di poter scegliere un operatore del mercato libero dell’energia elettrica e del gas in qualsiasi momento, ma molti non sanno che per l’energia elettrica fino al 30 giugno 2024 è possibile rientrare nel mercato tutelato ed usufruire delle tariffe stabilite dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA). Se quindi per l’energia elettrica eri già passato ad un operatore del mercato libero, puoi ritornare nel mercato tutelato. Che cosa significa? Che cosa fare? Quali sono le tempistiche per rientrare nel mercato tutelato?

Il rientro nel mercato tutelato

  • La possibilità per un consumatore del mercato libero dell’energia elettrica di rientrare nel mercato tutelato e vedere applicate nella propria bolletta le tariffe stabilite dall’ARERA ogni tre mesi è stata ribadita dall’Autorità anche nell’ultimo Tavolo con le Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge che si è tenuto lo scorso 13 marzo.

Entro quando

  • L’Autorità ha ribadito che il rientro nel mercato tutelato è possibile fino al 30 giugno 2024. In realtà, abbiamo rilevato dei problemi di tempistica.
  • Pur essendo, infatti, possibile presentare la domanda fino al 30 giugno prossimo, abbiamo saputo che il passaggio non è immediato, perché i tempi di lavorazione delle pratiche sono piuttosto lunghi e non ci sono certezze che al 1° luglio si venga già passati al mercato tutelato.

Che cosa fare

  • A causa delle suddette tempistiche, nel caso si voglia rientrare nel mercato tutelato, il consiglio di Adiconsum ai consumatori è di affrettarsi a contattare l’Azienda che gestisce il Servizio di Maggior Tutela nel proprio Comune richiedendo lo switch attraverso il numero telefonico messo a disposizione dall’impresa.
  • Per la ricerca dell’operatore di Maggior Tutela, cliccare qui

Gli sportelli territoriali di Adiconsum

  • In attesa di una Campagna informativa con il coinvolgimento delle Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge da noi più volta richiesta, Adiconsum invita  i consumatori   a rivolgersi ai propri sportelli territoriali per ricevere informazioni e assistenza in questa delicata fase di passaggio alla completa liberalizzazione dell’energia elettrica per far sì che possano scegliere in maniera consapevole.
  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Digitalizzazione: Adiconsum sottoscrive Protocollo con Fondazione “Italian Digital Hub”

Digitalizzazione: Adiconsum sottoscrive Protocollo con Fondazione “Italian Digital Hub”

19 Marzo 2024

Nel Convegno “A, B… D – Il Cammino dell’Italia verso l’alfabetizzazione digitale”, tenutosi presso la Sala della Regina della Camera dei Deputati, Adiconsum è intervenuta per esprimere il suo punto di vista sull’importanza della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. Ecco cosa pensiamo.

La digitalizzazione della Pubblica Amministrazione

La digitalizzazione insieme con l’alfabetizzazione digitale dei cittadini consumatori rappresentano la base per realizzare la transizione digitale, ma anche quella ecologica. Senza digitalizzazione non è possibile arrivare alla sostenibilità integrale come indicato dai 17 Goals dell’Agenda 2030 dell’ONU.

L’Italia, essendo uno dei Paesi più longevi al mondo ha maggiori difficoltà nell’alfabetizzare digitalmente i suoi cittadini, ma non per questo deve rinunciare.

Che cosa possono fare le Associazioni Consumatori

In questo Adiconsum e le altre Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge, facenti parte del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU), possono dare un loro importante contributo accompagnando i consumatori verso una maggiore alfabetizzazione.

Che cosa fa Adiconsum

Da tempo Adiconsum porta avanti progetti che aiutano l’alfabetizzazione dei cittadini, come ad esempio il Progetto DICO Sì – Diritti Consapevolezza opportunità strumenti inclusione, avviato già nel 2022, con il finanziamento del Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), rivolto in particolare alle categorie più scarsamente digitalizzate, come i consumatori e le consumatrici over 60, per avvicinarli all’acquisizione di competenze digitali di base; nonché il Progetto Risorgimento Digitale, insieme ad  altre Associazioni Consumatori e con il sostegno di TIM, rivolto a coloro che non avevano conoscenze digitali minimali.

C’è ancora tanto da fare

C’è bisogno di trasformare i progetti da attività spot a strutturali con adeguati finanziamenti. Serve poi attenzionare e regolamentare adeguatamente la digitalizzazione così come l’intelligenza artificiale (come ha fatto l’Europa per prima) per evitare truffe, soprusi, non rispetto dei diritti dei consumatori.

Il Protocollo d’intesa Adiconsum-Fondazione “Italian Digital Hub”

Adiconsum ha sottoscritto un Protocollo d’intesa con la Fondazione “Italian Digital Hub”: da un lato per attuare una sinergia comune per favorire l’alfabetizzazione in ambito digitale e dall’altro di sviluppare l’educazione finanziaria, una delle tematiche più delicate da attenzionare.

Per Adiconsum non basta, infatti solo investire nello sviluppo tecnologico, ma bisogna farlo anche nella formazione dei cittadini-consumatori per evitare che la digitalizzazione invece di risolvere i problemi li complichi e li amplifichi.

La truffa del sì: come difendersi. I consigli di Adiconsum

15 Marzo 2024

Sta avendo grande eco sulla stampa la c.d. ”truffa del sì”. A dire la verità non si tratta di una truffa nuova, ma di truffe che ciclicamente tornano “di moda”. Che cosa fare? Come tutelarsi?

Consigli Adiconsum

  1. Registrare il proprio numero sia del telefono fisso che del cellulare al Registro delle Opposizioni. Ciò ci preserverà almeno dal telemarketing legale, purtroppo non da quello illegale per il quale ancora non c’è una soluzione
  2. Non dialogare con i call center che propongono offerte commerciali
  3. Quando si riceve una telefonata aspettare che chi sta chiamando parli per primo
  4. Se chi sta chiamando non parla, bisogna riattaccare, cioè chiudere la telefonata
  5. Se chi sta chiamando parla dal vivo o tramite voce robotizzata e propone un’offerta commerciale, bisogna riagganciare
  6. Una volta appurato che si tratta di una telefonata commerciale indesiderata, sia che sia arrivata sul cellulare che sul fisso, bloccare il numero.
  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • 15 marzo 2024: Giornata mondiale dei diritti dei consumatori. I protagonisti siamo noi

15 marzo 2024: Giornata mondiale dei diritti dei consumatori. I protagonisti siamo noi

15 Marzo 2024

La “Giornata mondiale dei diritti dei consumatori” è stata istituita dalle Nazioni Unite nel 1986, anche se a dire la verità la sua nascita si fa risalire a 62 anni fa (era il 15 marzo 1962) e precisamente al famoso discorso sulla tutela degli interessi dei consumatori pronunciato dal presidente americano J. F. Kennedy. Ecco perché si celebra.

Giornata mondiale dei diritti dei consumatori

La Giornata si celebra il 15 marzo di ogni anno, per rilanciare e far riscoprire i diritti acquisiti in questi anni dai consumatori, grazie alle battaglie delle Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge. Questa Giornata è importante perché mette al centro una categoria di cui tutti facciamo parte, ma i cui diritti ancora sono calpestati o, peggio, ancora non sono stati riconosciuti. Come tutte le cose, anche la figura del consumatore è cambiata in questi anni. Non più il consumatore che consuma e che chiede di essere solo tutelato, ma il consumatore che propone e che vuole essere protagonista del mondo che cambia a tutela della sua salute e di quella del pianeta. Una figura che da semplice consumatore sarà sempre più prosumer ossia consumatore e produttore, con cambiamenti di stili di vita che dovranno tendere sempre più alla sostenibilità per un presente che sia vivibile per noi e per le generazioni future. Ci troviamo infatti nel pieno di una transizione ecologica e tutti siamo chiamati a fare la nostra parte con scelte responsabili e consapevoli.

I diritti riconosciuti

Tra i diritti acquisiti ricordiamo:

  1. il diritto della garanzia legale di conformità sui beni di consumo
  2. il diritto di recesso da un contratto di acquisto di un bene o di un servizio
  3. il diritto di contratti privi di clausole vessatorie
  4. il diritto di non ricevere forniture non richieste
  5. il diritto di non dover pagare costi aggiuntivi applicati ingiustamente.

I nostri progetti e le nostre battaglie

Come Adiconsum siamo particolarmente impegnati sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale, in tutti i campi a partire dalla mobilità, così come sulla digitalizzazione, con molti progetti di alfabetizzazione digitale e di inclusione nei confronti delle persone più anziane e disagiate economicamente. Diversi sono stati anche i sondaggi che abbiamo lanciato per conoscere cosa ne pensano i consumatori su questi temi.

Alcuni dei nostri progetti:

  • LA CASA SI CURA: Sicurezza & Innovazione elettrica
  • DICO SI’: Diritti Consapevolezza Opportunità Strumenti Inclusione
  • GREEN CIRCLE: Indagine su vincoli che impediscono la transizione verde
  • SOSTENIBILE ANCHE PER NOI: Percorsi di inclusione e partecipazione nella transizione alla Green Economy
  • 2GETHER2GREEN: Voglio una casa circolare
  • ENERGIA DIRITTI A VIVA VOCE: Assistenza e informazione su luce e gas
  • TOGETHER4FORESTS: Campagna per i prodotti “Deforestation free”
  • IO SONO ORIGINALE: Lotta alla contraffazione
  • We All Say NO 2 Fakes: Tutela della proprietà intellettuale
  • SHEALTHY: Food safety & Quality
  • 5G e CULTURA DIGITALE: Trasformazione digitale
  • SCAN 2: Small Claims Analysis Net
  • CREA 2: Conflict Resolution with equitative algorithms
  • CAMPAGNA UE per gli ucraini rifugiati
  • CAMPAGNA INFORMATIVA sul Registro delle Opposizioni
  • GIVE ME 5 for GENDER EQUALITY.

La nostra Live Chat

La nostra chat è disponibile dalla home page del sito https://www.adiconsum.it/

  • Dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30-12.30 e 15-17.

La Live Chat è un’attività del progetto Dico Sì (Diritti, Consapevolezza, Opportunità Strumenti Inclusione), finanziato dal MIMIT (D.M. 6/5/2022, art. 5)

I nostri sportelli

Sono oltre 160 i nostri sportelli sparsi sul territorio nazionale ai quali i  consumatori possono rivolgersi per chiedere e ricevere assistenza su tutte le tematiche consumeristiche, (bollette, mutui, conti correnti, trasporti, assicurazioni, acquisti, e-commerce, ecc.)

Rottamazione-quater: tutte le proroghe dei pagamenti delle rate

14 Marzo 2024

Nuove proroghe per i pagamenti delle rate della rottamazione-quater e non solo. Sono gli effetti della conversione in Legge del Decreto Milleproroghe. Vediamo quali sono le nuove scadenze.

Rottamazione-quater

Per il pagamento delle rate, il cui termine ultimo era previsto per il 31 ottobre e il 30 novembre 2023 e il 28 febbraio 2024, la nuova scadenza è: venerdì 15 marzo 2024.

Per la scadenza del 15 marzo sono previsti i 5 giorni di tolleranza, pertanto si considerano tempestivi i pagamenti effettuati entro il 20 marzo 2024.

Rottamazione-quater per gli alluvionati di maggio 2023

Anche le prime due rate della rottamazione-quater da parte della popolazione colpita dalle alluvioni del maggio 2023, il cui pagamento era previsto il 31 gennaio e il 28 febbraio 2024, è stato prorogato al 15 marzo 2024 più i 5 giorni di tolleranza, al 20 marzo 2024.

 

In caso di mancato pagamento entro le nuove scadenze, si decadrà dai benefici della rottamazione-quater e quanto già versato sarà considerato un acconto sul debito residuo.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Novità per il Marketing con La Direttiva EmpCo che si concentra anche sulla durabilità dei prodotti

Novità per il Marketing con La Direttiva EmpCo che si concentra anche sulla durabilità dei prodotti

13 Marzo 2024

Il 17 gennaio 2024, il Parlamento Europeo ha dato il via all’approvazione di una proposta innovativa: la  Direttiva EmpCo, volta a rafforzare il potere dei consumatori nell’ambito della transizione verde. Questa  direttiva mira a mettere fine alla pubblicità ingannevole e a garantire ai consumatori un accesso migliore  alle informazioni sui prodotti, promuovendo così una maggiore consapevolezza ambientale. 

In particolare, la Direttiva EmpCo si propone di vietare pratiche di marketing nocive, notoriamente  associate al greenwashing, inserendole nell’elenco delle pratiche commerciali proibite a livello dell’Unione  Europea. Inoltre, si prevede l’introduzione di nuove disposizioni volte a fornire ai consumatori informazioni  più complete e trasparenti sulla sostenibilità dei prodotti che intendono acquistare. 

Con questo passo avanti, l’Unione Europea si impegna a promuovere uno sviluppo economico più  sostenibile e responsabile, offrendo ai consumatori gli strumenti necessari per fare scelte più consapevoli  

La Direttiva EmpCo deve ancora ricevere approvazione finale del Consiglio, verrà poi pubblicata sulla  Gazzetta Ufficiale. Gli Stati membri dell’UE avranno quindi 24 mesi per recepirne i contenuti nel diritto  nazionale (previsto nel 2026). 

I pillar di questa nuova Direttiva riguardano tematiche di ampia rilevanza sul tema della Sostenibilità.  Affermazioni ambientali e la naturale interconnessione con la Direttiva Green Claims 

Il Parlamento europeo ha approvato una modifica alla direttiva sulle pratiche commerciali sleali, ampliando  l’elenco delle pratiche vietate per includere specifiche asserzioni ambientali, comunemente conosciute  come la “lista nera”. Questa modifica, nota come Direttiva EmpCo, definisce le “dichiarazioni ambientali”  come qualsiasi comunicazione commerciale che afferma o implica un impatto positivo, neutro o migliorato  sull’ambiente da parte di un prodotto, una categoria di prodotti, un marchio o un operatore. 

In sostanza, la Direttiva EmpCo vieta esplicitamente le seguenti pratiche: 

Fare afermazioni ambientali vaghe e generiche senza poter dimostrare prestazioni ambientali rilevanti per  la dichiarazione. Una “asserzione ambientale generica” viene definita come un’affermazione senza  specifiche aggiuntive. Questo significa che espressioni come “rispettoso dell’ambiente”, “ecologico”,  “verde”, “rispettoso del clima”, “rispettoso del carbonio” ed “efficiente dal punto di vista energetico”  possono essere utilizzate solo se il prodotto in questione ha dimostrato prestazioni ambientali eccellenti, ad  esempio attraverso il rispetto di schemi di etichettatura ecologica ufficialmente riconosciuti. 

Una vera rivoluzione semantica che il mondo del marketing e della comunicazione aziendale, prima di altri,  deve imparare a gestire.  

Sostenibilità = trasparenza estrema 

Certificare la sostenibilità di un marchio implica la volontà di garantire trasparenza, equità e affidabilità nel  processo di valutazione delle sue caratteristiche ambientali e sociali. Questo significa adottare un marchio di fiducia e di qualità, che miri a promuovere e distinguere un prodotto o un’Azienda in base ai suoi impatti  positivi sull’ambiente e sulla società 

Dichiarare che un prodotto ha un impatto ambientale neutro, ridotto o positivo in termini di emissioni di  gas serra basandosi sulla compensazione delle emissioni di gas serra è discutibile. Quante volte abbiamo  letto in messaggi pubblicitari l’espressione “Carbon Offset”? Espressioni come “climaticamente neutrale”,  “certificato CO2 neutrale”, “carbonio positivo”, “clima netto zero”, “compensato dal punto di vista  climatico”, “impatto climatico ridotto” e “impronta di CO2 limitata” dovrebbero essere utilizzate solo se  supportate da un’analisi accurata del ciclo di vita del prodotto stesso, anziché solamente dalla  compensazione delle emissioni di gas serra. Come spesso diciamo noi in Adiconsum “per essere sostenibili  non basta Piantare Alberi” per raggiungere l’obiettivo.  

È altrettanto importante evitare dichiarazioni ambientali che riguardino l’intero prodotto o l’intera attività  di un operatore commerciale, quando in realtà si applicano solo a determinati aspetti o fasi di vita del  prodotto. La sostenibilità è tale solo quando riguarda il prodotto “dalla culla alla tomba”. Cioè lungo tutto il  ciclo di vita del prodotto. Ad esempio è fuorviante affermare che un prodotto alimentare è sostenibile se,  per esempio il packaging non è compostabile. Tuttavia, ciò non dovrebbe vietare l’utilizzo di dichiarazioni  ambientali riguardanti l’intera azienda, purché siano accurate, verificabili e non esagerino i benefici  ambientali effettivi. 

Inoltre, secondo quanto stabilito dalla Direttiva EmpCo, è necessario che gli, quando presentano proiezioni  future riguardanti le performance ambientali (come ad esempio l’obiettivo di diventare “Climate Neutral  entro il 2050”), esprimano obiettivi chiari, concreti, facilmente accessibili al pubblico, misurabili e dotati di  una data di scadenza. Questi obiettivi devono essere sottoposti a verifiche regolari da parte di un ente terzo  indipendente e competente nel settore, il cui resoconto deve essere reso disponibile ai consumatori. 

 

Durabilità dei prodotti driver di sostenibilità 

La Direttiva EmpCo si focalizza a anche sulla durabilità dei prodotti. Prodotti più duraturi richiedono meno  sostituzioni, riducendo la quantità complessiva di rifiuti generati. Ciò aiuta a preservare le risorse naturali e  a limitare l’impatto ambientale associato alla produzione e allo smaltimento dei prodotti. 

Per questo motivo è previsto l’inserimento nella “lista nera” delle seguenti pratiche commerciali: 

Dichiarazioni di durabilità infondate (ad esempio, affermare che una lavastoviglie durerà 7.000 cicli di  lavaggio se ciò non è vero in condizioni normali). 

Indurre i consumatori a sostituire o rifornire i materiali di consumo di un bene (ad esempio, i  “consumables” cartucce per stampanti) prima di quanto sarebbe altrimenti necessario per motivi tecnici. 

È essenziale che qualsiasi comunicazione commerciale riguardante un prodotto includa informazioni chiare  e trasparenti riguardo a eventuali caratteristiche volte a limitarne la durata nel tempo, specialmente se il  commerciante è consapevole degli effetti di tali caratteristiche sulla longevità del prodotto. 

Inoltre, si richiede che le informazioni sulle garanzie legali e commerciali siano presentate in modo più  visibile, garantendo che i consumatori siano pienamente informati sui loro diritti. Introdurre una nuova  etichetta armonizzata può essere una soluzione efficace per evidenziare i prodotti che offrono una garanzia  estesa rispetto a quelli che non ne dispongono. 

Infine, è fondamentale richiedere che vengano fornite informazioni sulla riparabilità dei prodotti ai  consumatori. Questo permetterà loro di prendere decisioni più informate riguardo agli acquisti,  incoraggiando al contempo la sostenibilità e la riduzione degli sprechi attraverso la riparazione e il  mantenimento dei beni.

 

Rapporto con la Direttiva Green Claims 

La prossima iterazione della Direttiva EmpCo sarà arricchita dall’inclusione della Direttiva Green Claims,  attualmente oggetto di discussione presso la commissione del Parlamento Europeo. Quest’ultima  normativa sarà caratterizzata da una maggiore precisione e dettaglio, delineando le linee guida per la  presentazione delle affermazioni ambientali. Per esempio, secondo la versione attuale della proposta di  Direttiva Green Claims, le affermazioni riguardanti l’ambiente saranno soggette a una verifica indipendente  prima della loro divulgazione pubblica o dell’apposizione dell’etichetta corrispondente. Inoltre, le  informazioni alla base di tali affermazioni dovranno essere accessibili al pubblico tramite documenti fisici o  tramite link web, codici QR o strumenti equivalenti 

 

Prossimi passi 

La Direttiva EmpCo è ancora soggetta all’approvazione definitiva del Consiglio, dopo la quale verrà  pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale. Gli Stati membri dell’UE avranno quindi 24 mesi per recepirne i  contenuti nel diritto nazionale (previsto nel 2026). 

Non è però necessario attendere il recepimento di queste nuove norme, poiché su alcuni aspetti esse  chiariscono soprattutto ciò che è già vietato come pratica ingannevole. 

 

Direttive Europee in ambito sostenibilità: la CSDDD

13 Marzo 2024

Il mondo del business si stava preparando a un cambiamento epocale con l’arrivo imminente della Direttiva sulla Diligenza Aziendale in materia di Sostenibilità, meglio conosciuta come CSDDD (Corporate  Sustainability Due Diligence Directive). Questa Direttiva non è solo una serie di regole e norme, ma un  acceleratore di trasformazione per le imprese, un richiamo all’azione che spingerà aziende e dirigenti a  riconsiderare il loro approccio agli affari, ponendo una maggiore enfasi sulla sostenibilità. 

 

L’Europa frena 

Ma inaspettatamente, in questi giorni, La Direttiva Europea sulla due diligence per la sostenibilità aziendale  ha raggiunto una fase critica. Proposta dalla Commissione europea due anni fa, a Dicembre 2023, dopo un  lungo ritardo, è stato raggiunto un accordo provvisorio tra il Consiglio dell’UE e il Parlamento Europeo.  Tuttavia, il 9 febbraio u.s. è stata rimossa dall’ordine del giorno dell’incontro che doveva tenersi presso il  Consiglio UE. Il motivo è che non si prevedeva che si raggiungesse la maggioranza tra i paesi dell’UE. Questo  perché c’è stata una frenata di Germania, Austria, Finlandia e Italia, dopo l’appello lanciato dalle  associazioni confindustriali nazionali e da quella continentale Business Europe. La richiesta dei  rappresentanti industriali era concorde, in particolare in Germania e Italia: bloccare il testo della proposta  di Direttiva Europea perché una normativa così concepita, molto complessa da attuare e invasiva – avrebbe  fatto aumentare il costo degli approvvigionamenti industriali con conseguenti difficoltà per le imprese. Si è  ritenuto che approvare la Direttiva avrebbe messo a rischio la competitività dell’industria europea in un  momento difficile. Cosa non piaceva alle aziende? E’ stato messo in discussione il cuore della Direttiva,  perché imporre obblighi di controllo lungo tutta la catena di fornitura avrebbe comportato un aumento di  costi di approvigionamento e di verifica. 

 

Cosa dice questa Direttiva? 

Lo scopo della Direttiva è quello di promuovere un comportamento aziendale sostenibile e responsabile e  mira a proteggere ambiente e diritti umani. Infatti obbligherebbe le grandi aziende a valutare e intervenire  riguardo agli effetti negativi effettivi e potenziali sui diritti umani e sull’ambiente, rispetto alle loro stesse  operazioni, a quelle delle loro filiali e a quelle svolte dai loro partner commerciali. Solo per fare un esempio, le aziende che identifichino impatti negativi sull’ambiente o sui diritti umani da parte di alcuni dei loro  partner commerciali, potrebbero dover interrompere tali rapporti commerciali qualora tali impatti non  fossero prevenuti o risolti. 

Inoltre sono previste norme su sanzioni e responsabilità civile in caso di violazioni di questi obblighi; le  aziende dovrebbero adottare un piano per garantire che il loro modello di business e la loro strategia siano  compatibili con l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. 

Campo di applicazione della Direttiva 

L’applicazione della Direttiva sarebbe comunque graduale, in base alla dimensione dell’impresa. Le imprese  con più di mille dipendenti dovranno adeguarsi entro il 2027; quelle con più di 500 dipendenti e fatturato  annuo netto di 150 milioni entro il 2028; entro il 2029 quelle con oltre 250 dipendenti, fatturato netto  annuo sopra i 40 milioni e che operano in settori ad alto rischio. La questione rilevante è che la Direttiva  riguarda, è vero, le grandi imprese, ma essendo rivolta anche alle catene del valore avrà riflessi sui fornitori e quindi anche sulle PMI. Il reperimento delle informazioni sarà un compito non facile ma essenziale, anche  per allontanare cattive pratiche di greenwashing e ridurre il rischio reputazionale. Le imprese in qualche  modo dovranno verificare la correttezza dei rapporti delle proprie catene a valle e monte, quindi andando a  verificare pratiche, contratti e prassi dei propri partner commerciali sia nella fase di produzione che in  quella di distribuzione dei beni e servizi. In questo caso le Responsabilità delle Aziende sarebbero enormi.

 

Vigilanza e Sanzioni 

Altro elemento critico sono i controlli e le sanzioni. Gli Stati membri dovrebbero designare un’autorità  incaricata di vigilare e imporre sanzioni. A livello europeo la Commissione dovrebbe istituire una rete di  autorità di vigilanza per riunire i rappresentanti degli organismi nazionali al fine di garantire un approccio  coordinato. Le autorità amministrative istituite ad hoc da ogni Stato potrebbero infliggere sanzioni pari  almeno al 5% del fatturato mondiale: una soglia giudicata «vessatoria» dalle confindustrie europee. Va  detto, comunque, che l’applicazione della Direttiva e le sanzioni per gli inadempienti sarebbero comunque  fissate dagli Stati membri in sede di recepimento. E questo potrebbe ammorbidire l’efficacia della norma,  almeno nei Paesi con un forte giudizio critico. 

Nell’ultima bozza, rilasciata a fine gennaio, si erano attenuate le misure a carico degli amministratori e si  era parlato anche di “direttiva annacquata”. Alle PMI impattate dalle norme proposte verrebbero garantite  misure di sostegno. Ma le modifiche apportate non sono bastate a BusinessEurope e ad altre associazioni  europee, che hanno continuato la loro pressione per ulteriori cambiamenti. 

 

Prossimi Passi 

Ora cosa succede? I negoziati si riaprono, su nuove basi, a un passo dal voto decisivo che era stato appunto fissato al 9 febbraio, ma in previsione anche delle Elezioni Europee, gli scenari possono essere molteplici. Si  passerebbe da un rapido accordo ad uno slittamento significativo, dovuto al prevedibile rimpasto degli  Organi Parlamentari. Noi di Adiconsum vi terremo aggiornati sugli sviluppi, visti gli importanti impatti sulle  aziende del nostro Paese. 

Bonus colonnine di ricarica: ultimi giorni per richiederlo

12 Marzo 2024

Se hai acquistato e fatto installare una colonnina di ricarica della tua auto elettrica nel 2023, è arrivato il momento di richiedere il bonus per quello che hai speso. Stanno infatti per scadere i tempi per richiederlo. Vediamo come fare per usufruirne.

Che cos’è il bonus colonnine elettriche

  • È un incentivo erogato nei confronti di quei cittadini-consumatori privati e condomini che hanno acquistato e installato degli impianti di ricarica per le auto elettriche.

A quanto ammonta il bonus

  • Il bonus è pari all’80% della spesa sostenuta per l’acquisto e la posa dell’infrastruttura di ricarica. Il tetto massimo è di 1.500 euro per i privati e fino a 8.000 euro per i condomini.

Chi può richiedere il bonus

  • I cittadini residenti in Italia e i condomini.

Quando presentare la domanda per le colonnine installate nel 2023

  • Fino alle ore 12.00 del 14 marzo 2024 attraverso il portale di Invitalia.

Bonus genitori separati/divorziati in stato di necessità

12 Marzo 2024

Prende il via il bonus dedicato ai genitori separati o divorziati e/o non conviventi in stato di bisogno. Lo comunica l’Inps, l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, indicando le modalità per presentare la richiesta del bonus. Vediamo nel dettaglio.

I requisiti

  • Reddito non superiore a 8.174 euro
  • Essere genitori separati o divorziati e/o non conviventi che nel periodo Covid che nel periodo di emergenza Covid convivevano con i propri figli minorenni o maggiorenni portatori di handicap gravi
  • Non aver ricevuto nel suddetto periodo l’assegno di mantenimento dall’altro genitore
  • L’altro genitore abbia subito una riduzione dello stipendio del 30% rispetto al 2019 o una diminuzione/cessazione del lavoro dall’8 marzo 2020 per almeno 90 giorni.

La verifica dei requisiti è affidata al Dipartimento per le politiche della famiglia.

A quanto ammonta l’importo del bonus

  • È corrisposto in unica soluzione ed è pari all’assegno di mantenimento non versato con il limite di 800 euro/mese per 12 mesi a seconda della disponibilità del Fondo.

Quando richiedere il bonus

  • Dal 12 marzo al 31 marzo 2024.

Dove presentare la domanda

La domanda va presentata attraverso il portale dell’Inps, attraverso le credenziali SPID, CIE o CNS, cliccando sulla sezione  “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche”  dove si trova il servizio “Contributo per genitori separati o divorziati per garantire la continuità dell’erogazione dell’assegno di mantenimento”.

A chi spetta l’erogazione del bonus

Il bonus è erogato dall’Inps.

Rc auto: prezzi di gennaio 2024

12 Marzo 2024

L’IVASS, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, ha comunicato i prezzi effettivi dell’r.c. auto del mese di gennaio 2024. Vediamo quali sono stati. 

Il prezzo medio 

  • Il prezzo medio dei contratti di assicurazione sottoscritti a gennaio 2024 è stato di 389 euro, con un aumento del +7,5% rispetto a gennaio 2023, in lieve diminuzione rispetto al +7,9% registrato nel mese di dicembre 2023. In termini reali, l’aumento è del +6,7%. 
  • Il prezzo medio è ancora inferiore al prezzo medio del gennaio 2019 pre-pandemia che era di 406 euro. 

Differenze di prezzo tra le varie città 

  • L’incremento più basso, +3, 3% si è registrato a Catanzaro; quello più consistente ad Alessandria, +10%. 
  • La differenza del costo della polizza r.c. auto tra Napoli e Aosta è di 250 euro, in aumento del +5% rispetto a gennaio 2023. 

Assicurati di classi di merito superiori alla prima 

  • Per i consumatori che si trovano in class di merito superiori alla prima, l’incremento è stato del +10,4%. 

Treni: incontro tra Associazioni Consumatori del CNCU e Trenitalia

12 Marzo 2024

Dopo la sospensione del nuovo regolamento sul trasporto di bagagli, bici e monopattini a seguito delle sentite rimostranze da parte di Adiconsum e delle altre Associazioni Consumatori per non essere state interpellate dall’Azienda su una questione di così importante interesse per i passeggeri, l’argomento è stato trattato nell’incontro del Tavolo del 6 marzo scorso. Ecco che cosa è emerso.

Il nuovo regolamento sul trasporto bagagli

L’adozione del nuovo regolamento è stato sollecitato dall’ANSFISA, l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie e delle Infrastrutture Stradali e Autostradali, relativamente al trasporto di bagagli, bici e monopattini sui treni ad alta velocità (Le Frecce) per assicurare più sicurezza ai viaggiatori del trasporto ferroviario. Il regolamento è stato oggetto di un primo incontro tra le parti (Trenitalia e Associazioni Consumatori del CNCU) nell’incontro del 6 marzo scorso, cui seguiranno ulteriori confronti e approfondimenti.

L’incontro del 6 marzo u.s.

Nel corso dell’incontro fra Trenitalia e le Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge (CNCU) si è cominciato a trattare il regolamento sul trasporto di bagagli, bici e monopattini. In particolare si è parlato di:

  • esigenze di trasporto dei viaggiatori e dell’azienda nel rispetto delle norme vigenti
  • azioni di Trenitalia a sostegno dell’intermodalità e della mobilità sostenibile
  • utilizzo della sacca per il trasporto di monopattini e bici pieghevoli
  • misure dei bagagli da portare a bordo.

Trenitalia ha annunciato l’avvio nei prossimi giorni di un’analisi a cura di un istituto universitario, sulle modalità più consone per il trasporto di bici e monopattini pieghevoli a bordo dei treni ad alta velocità, anche alla luce delle riflessioni proposte dalle Associazioni Consumatori.

Una nuova ricerca per misurare il cambiamento dell’economia

11 Marzo 2024

Una nuova ricerca per individuare e misurare gli indicatori capaci di valutare il cambiamento verso un paradigma economico più sostenibile e fornire poi gli strumenti utili per realizzarlo. Si tratta della proposta di NeXt Economia, realizzata attraverso il sostegno di Fondazione Unipolis, guidata dall’obiettivo di comprendere l’attuale livello di consapevolezza e di mobilitazione verso pratiche di produzione, consumo e risparmio responsabile, che coinvolge diverse fasce della società. Dalle istituzioni accademiche come le università, agli Enti di Terzo Settore, fino ai cittadini.

 

Le fasi della ricerca

La ricerca risponde all’urgenza più volte sollevata dalla nostra Rete di organizzazioni di passare a nuove pratiche economiche sostenibili, e si struttura in quattro fasi.

Nella prima la volontà è comprendere quali siano gli elementi culturali in grado di favorire il cambiamento, attraverso interviste rivolte soprattutto a giovani e universitari in quanto attori principali dei processi di trasformazione. Lo scopo è quello di comprendere quale sia l’atteggiamento generale di queste fasce di popolazione rispetto al cambiamento economico proposto.

La seconda fase punta ad approfondire quali siano gli elementi motivazionali che spingono verso la transizione, coinvolgendo attivamente rappresentanti del Terzo SettoreQuali sono le barriere psicologiche e sociali che frenano l’adozione di comportamenti responsabili e di individuare strategie per superarle?

Il terzo step della ricerca intende far luce su tutte quelle “resistenze” dei cittadini ad abbracciare comportamenti responsabili, in virtù delle discrepanze tra le intenzioni dichiarate e le azioni effettive.

La quarta e ultima fase dell’iniziativa prevede la costruzione di un quadro di sintesi che riassuma gli indicatori individuati durante il percorso. In questo modo si fornirà uno strumento prezioso per l’elaborazione di politiche volte a promuovere ad accelerare il processo di transizione verso un’economia più equa, inclusiva e rispettosa dell’ambiente.

Uno degli strumenti di indagine più importante sarà il questionario: “Indicatori per un nuovo paradigma economico sostenibile” che sarà somministrato a tutti coloro che decideranno di essere protagonisti dell’indagine con il loro punto di vista.

 

La compilazione sarà possibile attraverso un modulo online entro il 29 marzo 2024.

PARTECIPA ALLA RICERCA

 

Il Comitato Scientifico di Progetto

NeXt Economia, oltre al coinvolgimento del suo Centro Studi e Valutazione del suo “Comitato Tecnico Scientifico”, realizzerà un apposito Comitato Scientifico di Progetto composto da:

  • Leonardo Becchetti (NeXt Economia e presidente CS)
  • Bacci Costa (NeXt Economia)
  • Maria Luisa Parmigiani (Unipol, Unipolis e Sustainability Makers)
  • Enrico Giovannini (ASVIS)
  • Paolo Ricci (Università Federico II Napoli)
  • Matteo Pedrini (Università Cattolica)
  • Francesco Salustri (Università di Roma Tre)
  • Mauro Vergari (Adiconsum)
  • Tiziana Toto (Cittadinanzattiva)
  • Linda Laura Sabbadini (Istat)

 

Treni: sospesa (al momento) l’introduzione delle nuove regole sui bagagli

1 Marzo 2024

Sarebbe dovuto partire il 1° marzo il nuovo regolamento sul trasporto dei bagagli, monopattini e biciclette a bordo dei convogli di Trenitalia. Il nuovo regolamento, che aveva fatto sollevare le proteste dei cittadini e delle Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge in loro rappresentanza, è infatti stato  sospeso. Per Adiconsum, la sospensione è un atto doveroso.

La decisione di Trenitalia di sospendere il nuovo Regolamento

In un comunicato stampa, l’Azienda ha comunicato la sospensione “alla luce di alcune richieste, anche da parte di Associazioni Consumatori” a partire dall’1 marzo 2024.

Il commento di Adiconsum e l’incontro del 6 marzo 2024

Per Adiconsum, la sospensione dell’entrata in vigore delle nuove regole sul trasporto dei bagagli è un atto doveroso nei confronti delle Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge con cui l’Azienda ha dei Protocolli che prevedono un confronto preventivo con le stesse su tutte le questioni che riguardanti i passeggeri ferroviari. Tra queste le regole sui bagagli, i cambio di orario, la soppressione delle tratte, ecc..

Auspichiamo che questo episodio relativo all’anticipazione di nuove norme senza il confronto preventivo con le Associazioni Consumatori sia l’ultimo e che Trenitalia ponga al centro delle sue politiche le esigenze dei suoi utenti, nel rispetto dei protocolli firmati con le Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge.

Le nuove regole, insieme ad altre questioni, saranno all’ordine del giorno dell’incontro con le Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge facenti parte del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU) previsto per il prossimo mercoledì 6 marzo, nel quale ribadiremo con forza le nostre posizioni.

Mutui: cosa fare per ottenere i rimborsi dovuti per i tassi Euribor manipolati

29 Febbraio 2024

Una recente pronuncia della Cassazione ha riaperto le speranze per i titolari di mutui variabili che tra il 2005 e il 2008 avevano pagato interessi molto più alti del dovuto per una manipolazione all’insù dell’Euribor, orchestrata da alcune banche. Vediamo di che si tratta.

La Cassazione

La possibilità dei rimborsi è scaturita da un’Ordinanza della Cassazione ( n. 34.889 del 13 dicembre 2023) che ha disposto la nullità dei tassi Euribor applicati dalle banche ai mutui con tasso variabile in essere dal 2005 al 2008. La vicenda prende origine nel 2013 quando l’Antitrust europeo aveva scoperto l’esistenza di un cartello tra le banche per manipolare all’insù i tassi Euribor, facendo pagare ai mutuatari interessi molto maggiori del dovuto.

La pronuncia della Cassazione riconosce la nullità del tasso applicato e quindi apre uno spiraglio alle legittime richieste di rimborso dei consumatori.

Quali requisiti

Possono richiedere il rimborso:

  • coloro che erano titolari di un mutuo a tasso variabile tra il 29 settembre 2005 e il 30 maggio 2008
  • se non sono decorsi più di 10 anni dal pagamento della rata.

Che cosa fa Adiconsum

Tutti coloro che sono in possesso dei suddetti requisiti possono fare domanda di rimborso rivolgendosi alle strutture territoriali Adiconsum per la compilazione del fac-simile di richiesta predisposto.

Polizze vita dormienti: al via il 9° Avviso di rimborsabilità parziale

28 Febbraio 2024

Buone notizie per i beneficiari di polizze vita dormienti. Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ha, infatti, emesso il 9° Avviso di rimborsabilità parziale di tali polizze. Vediamo quali requisiti occorrono per poter chiedere e ottenere il rimborso.

Che cos’è una polizza “dormiente”

Prima di procedere con le informazioni relative alla presentazione della domanda, spieghiamo che cos’è una polizza dormiente.

La polizza dormiente è una polizza vita il cui capitale maturato non è stato liquidato per vari motivi. In particolare, gli Avvisi di rimborsabilità devono soddisfare tutti i seguenti requisiti:

  • evento (ad es. il decesso del contraente/assicurato, o scadenza della polizza che hanno determinato il diritto a riscuotere avvenuti dopo il 1° gennaio 2006
  • prescrizione del diritto a riscuotere entro il 19 ottobre 2012
  • rifiuto della prestazione assicurativa da parte dell’intermediario, per avvenuta prescrizione o per avvenuto trasferimento dell’importo al Fondo
  • nessun rimborso ottenuto per effetto dei precedenti Avvisi di rimborsabilità.

Queste polizze non reclamate “dormono” nelle casse degli intermediari, (banche, compagnie di assicurazione, ecc.) e, se non vengono reclamate, dopo 10 anni, vengono trasferite dall’intermediario al Fondo dei c.d. Rapporti Dormienti, presso la Consap, la concessionaria dei Servizi Assicurativi Pubblici, che lo gestisce. Se trascorsi altri 10 anni, nessuno ne reclama il premio, vengono prescritte e non se ne può più chiedere conto.

Chi può chiedere il rimborso

Può chiedere il rimborso chi è beneficiario della polizza.

Come sapere se si è beneficiari di una polizza vita?

Due sono le vie da seguire:

  1. rivolgersi al Servizio Ricerca Polizze Vita dell’ANIA, l’Associazione nazionale delle imprese di assicurazione. Oltre a fornire il nome della persona che si ritiene possa essere intestataria della polizza, è bene formulare tante richieste per quanti sono gli ipotetici beneficiari. Ad esempio, nel caso del decesso di un familiare padre di due figli, oltre alla moglie è bene presentare una richiesta di ricerca anche a nome di ciascun figlio
  2. rivolgersi all’intermediario assicurativo (banca o impresa di assicurazione) di cui si serviva il familiare chiedendo informazioni sull’esistenza di una polizza a suo nome e i nomi degli eventuali beneficiari. Scarica il Modulo di richiesta

Quali le polizze dormienti interessate dal 9° Avviso

Sono le polizze con:

  • diritto di riscossione maturato dopo il 1° gennaio 2006
  • diritto di riscossione prescritto entro il 19 ottobre 2012.

A quanto ammonta il rimborso

Il rimborso arriva fino ad un massimo del 50% del valore della polizza.

Quando presentare la domanda di rimborso

Dalle ore 12.00 del 26 febbraio 2024 e fino alle 23.59 del 10 aprile 2024.

Dove presentare la domanda

Attraverso il Portale Unico Consap, previa registrazione. Serve SPID.

A chi rivolgersi per informazioni

Riparte la Live Chat di Adiconsum!

27 Febbraio 2024

Siamo lieti di annunciare la ripresa del servizio di Live Chat sul sito di Adiconsum. La ripartenza del servizio, che è GRATUITO,  è stata resa possibile grazie al finanziamento del Ministero delle Imprese e del Made in Italy (D.M. 6/5/2022, art. 5). Ecco da quando sarà operativa e su quali temi risponderà.

Che cos’è la Live Chat di Adiconsum

È una forma di messaggistica che si svolge tramite un sito web, in questo caso, attraverso il sito di Adiconsum. Grazie ad una task force di 6 operatori, nei giorni e negli orari indicati, si potranno inviare quesiti e in maniera immediata si potrà dialogare con l’operatore di turno.

L’attivazione della Live Chat di Adiconsum

La Live Chat di Adiconsum riprenderà il servizio ai consumatori da giovedì 15 febbraio 2024.

Giorni e orari della Live Chat di Adiconsum

La Live chat sarà attiva:

  • dal lunedì al venerdì

con i seguenti orari:

  • mattina 9.30-12.30
  • pomeriggio: 15.00-17.00.

A cosa risponde la Live Chat

La Live Chat risponde a tutte le tematiche consumeristiche che interessano i consumatori;  in particolare, per il progetto DICO Sì gli operatori Adiconsum rispondono anche alle problematiche relative alla digitalizzazione, che rappresentano un ostacolo non di poco conto soprattutto per le persone anziane e meno alfabetizzate digitalmente, quali:

  • attivazione delle credenziali (SPID, Carta d’identità elettronica, ecc.) per usufruire dei servizi online offerti dalla Pubblica Amministrazione (INPS, Agenzia delle Entrate, Agenzia delle Entrate Riscossione, Comuni, ecc.)
  • informazioni, assistenza e tutela per acquistare online in sicurezza
  • informazioni, assistenza e tutela sui servi digitali bancari e postali.

Caro bollette: le richieste di Adiconsum ad ARERA ed Aziende energetiche

27 Febbraio 2024

Quotidianamente gli sportelli territoriali di Adiconsum, sparsi su tutto il territorio nazionale, stanno ricevendo segnalazioni e reclami riguardanti bollette del gas con aumenti raddoppiati o triplicati della componente energia, in occasione della scadenza e del rinnovo del contratto. Tali incrementi di prezzo avvengono da parte delle Aziende che, supportate dal Codice di condotta commerciale, si avvalgono della facoltà di procedere alle modifiche utilizzando il silenzio-assenso del consumatore. Buona parte dei reclami che pervengono alle nostre strutture riguardano bollette del gas emesse da Enel energia. Un caro energia che sta mettendo in difficoltà migliaia di famiglie. Adiconsum, a fianco delle famiglie in difficoltà, in un comunicato stampa ha reso note le sue richieste all’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente e alle Aziende di energia.

Le richieste di Adiconsum ad ARERA

Adiconsum chiede all’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) di procedere con urgenza alla revisione della norma del silenzio-assenso.

Le richieste di Adiconsum alle Aziende energetiche

Adiconsum chiede alle Aziende (in particolare ad Enel energia) di ricercare con sollecitudine soluzioni sostenibili economicamente,  con il coinvolgimento delle Associazioni consumatori riconosciute dalla legge e con le quali già esistono protocolli di conciliazione.

Tutto ciò per scongiurare inutile contenziosi, l’allargamento della platea dei poveri energetici e la messa in mora  di tante famiglie.

Progetto SCAN 2: tutti i risultati nella Conferenza finale a Bruxelles

21 Febbraio 2024

È stato un lungo viaggio dall’inizio del progetto SCAN 2 (Small Claims Analysis Net 2), nato dai risultati positivi e dai feedback ricevuti durante la prima edizione del progetto SCAN. Il Procedimento europeo per le controversie di modesta entità (ESCP) può essere estremamente importante per i consumatori interessati a tutelare i propri diritti quando acquistano beni e servizi in un altro paese dell’UE. In particolare, l’ESCP può essere utilizzato per controversie fino a 5.000 euro di valore senza il necessario coinvolgimento di un avvocato. Vediamo i risultati della seconda edizione di SCAN.

La seconda edizione del progetto SCAN

Sfortunatamente i consumatori hanno poca o nessuna conoscenza dell’ESCP e, anche quelli che ne hanno una conoscenza di base, trovano la procedura molto difficile.
Per affrontare queste difficoltà, il progetto SCAN 2 ha realizzato una piattaforma a misura di consumatore con caratteristiche essenziali tese a semplificare l’iter dell’ESCP, come:

  • La possibilità di gestire on-line l’intero reclamo senza dover stampare documenti e/o inviare raccomandate
  • Un’interfaccia utente semplice da comprendere con un costante aggiornamento per capire come sta procedendo il reclamo
  • Una semplificazione dei termini legali a cui i consumatori non sono abituati.

La collaborazione con più interlocutori è stata fondamentale sia durante l’ideazione della piattaforma che per la diffusione e promozione del procedimento, attività fondamentale visto che la mancanza di conoscenza è risultata essere uno dei principali ostacoli all’utilizzo di questo strumento.

Al momento, la piattaforma SCAN2 è solo una proposta, non è aperta al pubblico, ma i positivi riscontri da parte dei consumatori e degli esperti coinvolti nelle fasi di test e validazione sono chiaramente un segnale importante: quando le persone sono informate percepiscono l’ESCP come uno strumento utile e disporre di una piattaforma dedicata e facile da usare può essere un punto di svolta.

Se sei interessato a scoprire di più sul progetto, non dimenticare di partecipare alla conferenza finale di SCAN 2, che si terrà il 22 e 23 febbraio online e in presenza presso il Comitato Europeo della Regione a Bruxelles.

Per partecipare in presenza, registrati al seguente link:

https://forms.gle/QN8xFBXb4BKptg9w5

Per partecipare online, registrati al seguente link:

https://shorturl.at/bgOS0

Per il programma-agenda della conferenza finale, clicca qui

 

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Auto elettriche: Arera ripropone un aiuto per la ricarica domestica, ma è marginale

Auto elettriche: Arera ripropone un aiuto per la ricarica domestica, ma è marginale

19 Febbraio 2024

Riparte la “sperimentazione smart” dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) e il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) per favorire la ricarica elettrica domestica, ma ad un’analisi più attenta, l’aiuto messo in campo è abbastanza marginale. Ma vediamo in cosa consiste la sperimentazione e a quanto ammonta effettivamente il risparmio.

Che cos’è la “sperimentazione smart”

È un’iniziativa avviata nel 2021 voluta dall’Arera e dal GSE per favorire la ricarica privata di notte e nei festivi. L’Autorità ha comunicato la proroga della sperimentazione fino al 2025. L’iniziativa consiste nella possibilità di aumentare la potenza notturna del contatore a 6 kW, mantenendo il contratto di energia elettrica a 3 kW con zero costi per l’ampliamento notturno fino a 6 kW. Sono previsti benefici economici per le ricariche effettuate di notte e nei giorni festivi.

Il giudizio di Adiconsum sull’incentivo

In merito alla sperimentazione smart, il giudizio degli esperti della mobilità elettrica di Adiconsum è stato critico già in passato durante le consultazioni e rimane tale, in quanto facilitare la ricarica domestica con l’innalzamento gratuito della potenza di notte è un’ iniziativa marginale per tre motivi:

  1. il primo, perché le colonnine di ricarica attualmente in commercio sono in grado di gestire la potenza di tensione anche quando sono in uso altri elettrodomestici, senza far scattare il limitatore di potenza anche con soli 3 kW
  2. il secondo, perché di notte qualsiasi abitazione consuma pochissimi kWh e quindi la ricarica dell’auto avviene senza problemi con auto dotate di media potenza (la maggioranza)
  3. il terzo, perché il costo per innalzare la potenza del proprio contatore in modo costante ormai è irrisorio e ne hanno necessità solo auto elettriche con batterie molto capienti che utilizzano maggiore potenza tutto il giorno.

Quali costi per aumentare la potenza del contatore

Lo spieghiamo con un esempio, dati alla mano.

Per passare da 3 a 6 kW di potenza, il costo una tantum ammonta a circa 200 euro comprensivo di IVA, a cui vanno aggiunti ogni mese 5,10 euro per l’aumento da 3 a 6 kW.

Naturalmente, con questi costi si ha la disponibilità di un contatore a 6 kW in tutti gli orari e per utilizzare qualsiasi servizio che necessita di energia elettrica per funzionare.

A quanto ammonta l’agevolazione Arera e che cosa permette di fare

La sperimentazione dell’Arera fa risparmiare l’una tantum di 200 euro e 60 euro l’anno (5,10€ al mese), ma il contatore rimane comunque di 3 kW visto che viene switchato a 6 kW soltanto negli orari notturni e festivi (fascia F3) stabiliti dall’Autorità, solo con determinate Wall Box ed esclusivamente per la ricarica elettrica dell’auto, a differenza di quello che avviene con l’innalzamento di potenza definitivo.

Quali sono i veri problemi dei possessori di auto elettriche e della difficoltà di diffusione di questa alimentazione?

Arera propone un aiuto limitato, dato che i problemi dei possessori di auto elettriche su cui intervenire, almeno con questa tematica, sono altri:

  • gli alti costi dell’energia elettrica (dovuti ai contratti altri usi) per le ricariche effettuate in box o posti auto, cioè in quelle pertinenze non raggiunte dal contatore della propria abitazione. Basterebbe uniformarle alle tariffe residenziali della relativa abitazione
  • le ricariche pubbliche, le cui tariffe a consumo ultimamente sono molto più alte del PUN e lontane dalle tariffe residenziali, nonostante il Parlamento della precedente legislatura avesse chiesto di uniformare, o, comunque di avere tariffe delle ricariche pubbliche e residenziali simili tra loro. Sarebbe ora di sperimentare una tariffa dell’energia elettrica dedicata alla mobilità privata, come da noi richiesto in più occasioni, rimanendo purtroppo inascoltati.

Procedimento europeo per le controversie di modesta entità: a che punto siamo?

15 Febbraio 2024

Hai mai sentito parlare del Procedimento europeo per le controversie di modesta entità? È un Procedimento entrato in vigore in tutti gli Stati membri nel 2017 col  Regolamento (UE) n. 2015/2421, per agevolare l’accesso dei cittadini europei alla giustizia e per fornire un aiuto a districarsi nelle controversie transfrontaliere tra un privato o un’azienda con sede in un altro Paese dell’UE di valore economico inferiore a 5.000 euro. Pochi, però, tra consumatori e professionisti, lo conoscono e per questo motivo la DG Justice dell’Unione europea ha messo in campo il progetto SCAN-Small Claims Analysis Net, arrivato ora alla sua seconda edizione. Adiconsum è partner di questo progetto già dalla prima edizione. Vediamo quali sviluppi ci sono per i consumatori.

Adiconsum e il progetto SCAN

Per ovviare alla scarsa conoscenza dell’istituto, la prima edizione del progetto aveva come scopo principale la più ampia diffusione e conoscenza del Procedimento europeo per le controversie di modesta entità come strumento di risoluzione valido ed efficace al servizio dei consumatori, degli imprenditori e dei professionisti del diritto.

Sulla base dell’esperienza pregressa, questa seconda edizione, che vede il coinvolgimento di oltre 100 avvocati, 100 ufficiali giudiziari, 26 associazioni di consumatori, 5 policy-makers e 1.500 consumatori in tutta l’Unione, mira in particolare a favorire il miglioramento dell’applicazione delle sentenze relative al procedimento europeo (ESCP), cioè a rendere lo strumento più semplice ed accessibile possibile per tutti.

In linea con la mission associativa, e grazie al lavoro del Centro Europeo Consumatori Italia di assistenza e supporto ai consumatori nei reclami transfrontalieri, incoraggiando e aiutando i consumatori e i professionisti nell’utilizzare il Procedimento europeo per le controversie di modesta entità, Adiconsum partecipa alla seconda edizione del progetto SCAN 2 supportando le diverse attività previste, ed in particolare:

  • la stesura della Roadmap nei 26 Stati Membri sulle procedure nazionali di esecuzione delle sentenze dell’ESCP, supportando la raccolta di informazioni;
  • le azioni di pilot test, verificando, insieme agli utenti finali, la fruibilità e la comprensione della nuova interfaccia della piattaforma informatica in fase di sviluppo per facilitare l’accesso all’ESCP;
  • lo sviluppo del sistema Blockchain applicato al procedimento ESCP, verificando la percezione degli end-users mediante focus group;
  • l’attività di promozione e diffusione dei risultati del progetto attraverso tutti i canali associativi e l’organizzazione di eventi per i consumatori.

In tal senso, Adiconsum organizza il seguente evento:

Martedì 20 febbraio 2024 , ore 11.30

Webinar

Ad un click dai tuoi diritti:
Il procedimento europeo per le controversie di modesta entità
e la nuova piattaforma di SCAN II

L’evento sarà trasmesso attraverso la piattaforma ZOOM

al seguente link: https://us06web.zoom.us/j/83425824935

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Energia: la liberalizzazione del mercato comporterà i tanto auspicati risparmi nelle bollette dei consumatori?

Energia: la liberalizzazione del mercato comporterà i tanto auspicati risparmi nelle bollette dei consumatori?

13 Febbraio 2024

Il 2024 sarà ricordato come l’anno della completa liberalizzazione del mercato dell’energia: quella del gas si è già realizzata lo scorso 10 gennaio, mentre l’elettricità, prevista in un primo tempo il  1° di aprile, lo sarà a partire dal 1° luglio. Nei giorni scorsi, come abbiamo riportato nella notizia dell’8 febbraio scorso, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera) ha individuato, tramite delle aste, le Aziende che forniranno il Servizio a Tutele Graduali (STG) di energia elettrica ai consumatori non vulnerabili che alla data del 1° luglio non avranno scelto un operatore del mercato libero. Ma a livello di costi delle bollette, che cosa ci aspetta?

I costi del gas dopo la liberalizzazione

Ai consumatori non vulnerabili che non hanno scelto alla data del 10 gennaio un fornitore del mercato libero, le aziende stanno applicando la tariffa PLACET (Prezzo Libero a Condizioni Equiparate di Tutela), il cui il prezzo è deciso dall’operatore, mentre le condizioni contrattuali sono decise dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

Dalle prime avvisaglie, oltre al ritorno dell’Iva al 22% con conseguente aumento delle bollette, sembrerebbe che la Placet sia più cara sia di quelle del mercato tutelato che di alcune del mercato libero.

Ricordiamo che ai consumatori tutti è data facoltà di scegliere in qualsiasi momento un fornitore del mercato libero. Se ciò non accadesse, i consumatori non vulnerabili del gas potranno continuare a stare nella PLACET per 3 anni.

I costi dell’energia elettrica dopo la liberalizzazione

I consumatori non vulnerabili dell’elettricità che non avranno scelto entro il 1° luglio 2024 un fornitore del mercato libero saranno serviti dal Servizio a Tutele graduali (STG). Il prezzo sarà determinato dall’Autorità sulla base del risultato delle aste effettuate dall’Acquirente Unico lo scorso gennaio.

Come per il gas, anche per l’elettricità, i consumatori possono scegliere un fornitore del mercato libero in qualsiasi momento. Se non lo fanno, potranno rimanere nel Servizio a Tutele Graduali per 3 anni.

Sebbene il prezzo STG definitivo sarà noto solo nel mese di luglio, si può già dedurre in qualche modo che la tariffa dovrebbe essere conveniente (il condizionale è d’obbligo), perché le aste sono state aggiudicate al ribasso. Ciò significherebbe che chi è rimasto fino all’ultimo nel tutelato e non è passato al mercato libero, potrebbe godere di bollette meno care con l’STG.

Tra l’altro, fino a giugno 2024, per i consumatori di energia elettrica passati al mercato libero è prevista la possibilità di rientrare nel mercato tutelato.

La nostra riflessione

A questo punto, come Adiconsum, ci poniamo una domanda: un mercato libero costruito con questi presupposti comporterà dei vantaggi per i consumatori come dovrebbe essere, in fatto di trasparenza e di risparmio in bolletta oppure no?  C’è infatti il rischio che non tutti i consumatori beneficeranno della liberalizzazione!

Adiconsum seguirà, attraverso le proprie strutture diffuse sul territorio, tutto il processo fino alla completa realizzazione, riservando particolare attenzione alle fasce più deboli, affinché non ci siano categorie penalizzate.

Adiconsum seguirà, attraverso le proprie strutture diffuse sul territorio, tutto il processo fino alla completa realizzazione, riservando particolare attenzione alle fasce più deboli, affinché non ci siano categorie penalizzate.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Al via la Campagna dell’UE “Diritti dei consumatori per gli ucraini rifugiati”

Al via la Campagna dell’UE “Diritti dei consumatori per gli ucraini rifugiati”

13 Febbraio 2024

Buone notizie per gli ucraini rifugiati che vivono nell’Unione Europea. Al pari di ogni cittadino e residente dell’Unione europea, anche gli ucraini rifugiati hanno lo stesso diritto di essere trattati in modo equo quando acquistano beni e servizi in qualsiasi parte dell’UE, che sia al supermercato o tramite un negozio online. Ma per beneficiare di questi diritti è necessario conoscerli.

Adiconsum, in qualità di partner della Campagna “Diritti dei consumatori per gli ucraini rifugiati” promossa dalla Commissione europea in 6 Paesi dell’Unione, ha il compito di informare i cittadini ucraini di questi diritti. Vediamo nel dettaglio.

La protezione dei rifugiati ucraini dal momento dell’arrivo

I diritti dei rifugiati ucraini iniziano nel momento in cui arrivano nell’UE. Per fare acquisti, dovrete aprire un conto bancario. Grazie alle leggi dell’UE sulla tutela dei consumatori, ciò è possibile.

Chiunque risieda legalmente nell’UE ha infatti il diritto di aprire un conto di pagamento di base in qualsiasi paese dell’UE, indipendentemente dal luogo di residenza.

Siete confusi dalla lingua del contratto che vi viene chiesto di firmare? Non c’è da preoccuparsi! La legislazione dell’UE protegge i consumatori da termini e condizioni confusi, poco chiari e ingiusti che spesso sono inclusi in un contratto standard per beni o servizi – non solo per i conti bancari, ma anche per i servizi di telefonia mobile, le utenze, i contratti di affitto, la connessione a Internet, la copertura assicurativa e altro ancora.

Acquistare e viaggiare in tutta tranquillità

Con la vostra nuova carta bancaria in mano, è ora di iniziare a fare i primi acquisti necessari.

Grazie alla legge europea sulla tutela dei consumatori, potete fare acquisti online in tutta tranquillità. Infatti, la legge vi concede 14 giorni per annullare e restituire un ordine online per qualsiasi motivo e senza fare domande.

La legge europea sulla tutela dei consumatori vi protegge anche quando siete in viaggio per visitare amici e familiari. Ad esempio, se il vostro treno è in ritardo, a seconda della durata del ritardo, potreste essere risarciti per i vostri problemi e/o ricevere gratuitamente pasti e bevande durante l’attesa.

Che si tratti di aprire un conto in banca, di capire un contratto confuso, di essere risarciti per un viaggio in ritardo o di restituire un oggetto che non si desidera più, potete rivolgervi ad Adiconsum.

La Campagna

È un’iniziativa della Commissione europea in 6 Paesi dell’Unione ad elevato flusso di arrivi: Italia, Germania Polonia, Cechia, Spagna e Bulgaria.

Sul sito Adiconsum è presente una sezione dedicata, dove è possibile accedere ad informazioni utili disponibili in 3 lingue: ucraina, italiana e inglese.

I rifugiati ucraini, che hanno dovuto lasciare il loro Paese a causa della guerra, possono contare anche sul Centro Europeo Consumatori Italia che è a disposizione per fornire informazioni sui diritti e assistenza in caso di problematiche transfrontaliere.

Per saperne di più e partecipare

Sul sito di Adiconsum, è possibile trovare una serie di informazioni sui propri diritti di consumatore, oltre a dettagli su chi contattare in caso di necessità.

Vi invitiamo a visitarlo e a condividerlo con i vostri concittadini ucraini. Adiconsum rivolge un invito anche ai consumatori italiani che conoscono cittadini ucraini, di diffondere tali importanti notizie!

La Campagna sarà diffusa anche tramite i nostri social con i seguenti hashtag:

#DirittiEUConsumatori e #StandWithUkraine.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Energia elettrica: ecco a quali fornitori saranno assegnati i consumatori non vulnerabili dal 1° luglio 2024

Energia elettrica: ecco a quali fornitori saranno assegnati i consumatori non vulnerabili dal 1° luglio 2024

8 Febbraio 2024

Se sei un consumatore che, per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica, intende restare nel mercato tutelato fino al suo termine previsto per il 30 giugno p.v., devi sapere che dal 1° luglio 2024, data della completa liberalizzazione del mercato dell’elettricità, il costo della tariffa non sarà più quello deciso dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente  (ARERA), ma sarà quella del Servizio a tutele graduali (STG). Non solo. Ci saranno anche altre novità. Vediamole qui di seguito.

Il Servizio a Tutele Graduali (STG)

È un servizio previsto a partire dal 1° luglio 2024 per quei consumatori che, alla data di fine del mercato tutelato del 30 giugno prossimo, non hanno scelto un operatore del mercato libero e hanno preferito rimanere con il servizio di maggior tutela. Il Servizio a Tutele Graduali, previsto per i clienti non vulnerabili (i vulnerabili usufruiranno ancora delle tariffe del mercato tutelato), prevede che:

  • i prezzi (fissi o variabili) saranno determinati liberamente dal fornitore di energia del mercato libero
  • le condizioni contrattuali saranno determinate dall’ARERA
  • le bollette saranno bimestrali
  • il pagamento potrà essere effettuato tramite domiciliazione bancaria, postale o su carta di credito. In tutte le altre forme di pagamento (bollettino) ci sarà l’addebito del deposito cauzionale nella prima bolletta, pari a 11,5 euro per ogni kWh di potenza prevista dal contratto
  • il fornitore del mercato libero sarà assegnato attraverso delle aste. Ciò significa che chi non decide entro il 30 giugno, dal 1° luglio si ritroverà con un nuovo fornitore con prezzi definiti da quest’ultimo.

I risultati delle aste

Le aste alle quali hanno partecipato gli operatori del mercato libero sono state effettuate lo scorso 10 gennaio dall’Acquirente Unico.

I fornitori che si sono aggiudicati le aste sono 7:

A2A Energia S.p.A., Edison Energia S.p.A., Enel Energia S.p.A., E.ON Energia S.p.A., Hera Comm S.p.A., Illumia S.p.A., Iren Mercato S.p.A..

Il territorio nazionale è stato suddiviso in 3 macro aree: Area Nord, Area Centro e Area Sud.

  • L’Area Nord è suddivisa in 12 sottoaree
  • L’Area Centro è suddivisa in 4 sottoaree
  • L’Area Sud è suddivisa in 10 sottoaree.

Di seguito le tabelle con i fornitori assegnati ad ogni sottoarea.

Percorso di Sostenibilità in azienda. Adiconsum una Partnership di valore

8 Febbraio 2024

Perché impostare un percorso di sostenibilità in azienda? E perché è importante scegliere la Partnership giusta?

In un mondo sempre più consapevole dell’impatto ambientale e sociale delle attività commerciali, è fondamentale che le aziende adottino un percorso di sostenibilità per garantire la propria continuità e successo nel lungo termine. L’implementazione di una strategia sostenibile non solo permette alle aziende di ridurre il proprio impatto ambientale e sociale, ma offre anche numerosi vantaggi in termini di reputazione, attrazione e fidelizzazione dei clienti, e risparmio economico.

Un percorso di sostenibilità in azienda implica, ad esempio, l’adozione di pratiche e politiche che riducono l’utilizzo delle risorse naturali, ottimizzano l’efficienza energetica, promuovono la riduzione dei rifiuti e la gestione responsabile dell’acqua. Questo può essere raggiunto attraverso l’implementazione di tecnologie e processi più sostenibili, la sensibilizzazione dei dipendenti sull’importanza della sostenibilità e l’adozione di criteri di acquisto responsabile. 

 

Enormi Vantaggi

Implementare un percorso di sostenibilità in azienda offre numerosi vantaggi. Innanzitutto, consente di migliorare la reputazione dell’azienda, aumentando la fiducia e l’apprezzamento da parte dei clienti, dei dipendenti e della comunità. Una politica sostenibile può anche attrarre nuovi clienti che sono sempre più attenti all’impatto ambientale e sociale delle aziende con cui hanno rapporti. Inoltre, un percorso di sostenibilità può essere un fattore chiave nella fidelizzazione dei dipendenti, che sempre più valutano l’impatto sociale ed ambientale dell’azienda in cui lavorano. Un aiuto concreto per impostare un corretto percorso di sostenibilità è quello di affiancarsi a partner che conoscano perfettamente le esigenze dei clienti nonché consumatori finali.

 

L’importanza dei Consumatori

Nel contesto attuale, l’importanza dei consumatori nell’approcciare un percorso di sostenibilità è diventata sempre più evidente. I consumatori sono i veri attori del cambiamento, poiché le loro scelte di acquisto possono influenzare significativamente le strategie e le pratiche delle aziende. Se i consumatori si orientano verso prodotti e servizi sostenibili, le aziende saranno spinte a migliorare le loro pratiche e ad adottare modelli di produzione e consumo più responsabili.

Inoltre, i consumatori possono svolgere un ruolo chiave nel sensibilizzare l’opinione pubblica e influenzare il mercato. Attraverso il loro comportamento di acquisto responsabile, possono trasmettere un messaggio forte alle aziende, dimostrando la loro preferenza per prodotti e servizi sostenibili. Questo può spingere le aziende a investire in innovazione e a sviluppare soluzioni più sostenibili, per preparare il business del futuro.

Quindi, i consumatori hanno un ruolo vitale nel preparare un percorso di sostenibilità. Le loro scelte di acquisto possono guidare le aziende nella loro strategia. Pertanto, è essenziale che i consumatori siano ascoltati essendo consapevoli delle implicazioni delle loro decisioni di acquisto.

 

Perché Adiconsum

Perché Adiconsum ha conoscenza delle esigenze dei consumatori.

Con la loro attività decennale nel consumerismo, hanno toccato con mano cosa vuole il consumatore finale. Le migliaia di conciliazioni bilaterali risolte, hanno contribuito a creare materiale informativo e conoscitivo di come il consumatore vede le aziende, e di riflesso quali possono essere le azioni da intraprendere per migliorare il business anche in un’ottica più sostenibile.

Con Adiconsum si crea una Partnership di valore e cercare una partnership di valore è essenziale per le aziende che desiderano crescere e prosperare nel mercato odierno. Una partnership di valore offre numerosi vantaggi, tra cui l’accesso a nuove informazioni, risorse aggiuntive e competenze complementari. Inoltre, una partnership di valore può contribuire a migliorare la reputazione dell’azienda e ad aumentare la fiducia dei clienti nel Brand. Infatti un’alleanza di valore può offrire una maggiore visibilità e credibilità all’azienda, in quanto la partnership con un’Associazione riconosciuta e rispettata nel settore ne è la logica conseguenza.

 

I Consumatori e la Sostenibilità

l rapporto tra consumatori e tematiche legate alla sostenibilità ambientale e sociale è destinato ad assumere un peso sempre più rilevante nelle strategie di sviluppo e posizionamento dei brand. I sondaggi, le ricerche che Associazioni come Adiconsum propongono, possono trasferire alle imprese una conoscenza sulle aspettative e sulle nuove esigenze dei consumatori sui temi di sostenibilità.

Le risultanze sono una conferma chiara ai tanti segnali che ci dicono quanto sia cresciuta la sensibilità verso i temi dell’impatto ambientale, economico e sociale da parte dei clienti/consumatori. Ciò attribuisce alla sostenibilità una grande importanza. Questa attenzione si riflette anche nella richiesta di comportamenti adeguati da parte delle imprese che intendono rispondere a questi nuovi bisogni: da una parte in termini di trasparenza nella gestione delle informazioni legate ai prodotti, alla produzione, alla provenienza delle materie prime utilizzate, dall’altra al ruolo sociale e alle iniziative che contribuiscono a creare un prodotto o un servizio realmente sostenibile. In sintesi il grande tema attiene alla comunicazione e alla trasparenza. Per i consumatori è importante aumentare la conoscenza sui prodotti, sui processi produttivi, sulle attività che favoriscono la sostenibilità dei prodotti e delle imprese stesse, in modo sempre più chiaro e trasparente.

In questa ottica, Adiconsum può essere il Partner chiave delle Aziende per creare un Percorso di Sostenibilità e adottare pratiche aziendali sempre più sostenibili.

Direttiva Europea sulla Sostenibilità, la CSRD

8 Febbraio 2024

La Direttiva Europea che presentiamo oggi è la  Corporate Sustainability Reporting Directive,  CSRD, adottata formalmente dal Consiglio dell’Unione Europea Il 28 novembre 2022. Alle aziende di certe dimensioni, verranno imposti dei requisiti di rendicontazione uniformi in ambito “ESG”, cioè in ambito ambientale, sociale e di Governance. In poche parole dovranno redigere un Bilancio di Sostenibilità.

Questa nuova release va a sostituire la Direttiva sulla Rendicontazione non finanziaria (NFRD), in vigore dal 2018, ma che non ha avuto molto successo.

Si passerà dalle circa 12000 aziende impattate dalla NFRD, quelle definite di interesse pubblico con più di 500 dipendenti, alle circa 50.000 che dovranno redigere il Bilancio di Sostenibilità e che quindi rientreranno negli obblighi di rendicontazione della CSRD.

 

Quali Società saranno interessate

Oltre alle società attualmente soggette alla NFRD, saranno interessate:

Tutte le società “quotate” (ad eccezione delle “microimprese”);

Tutte le aziende “grandi”, ovvero quelle che soddisfano almeno due dei tre criteri: (i) un bilancio di 20 milioni di euro, (ii) un fatturato netto di 40 milioni di euro e (iii) 250 o più dipendenti in media durante anno.

Società extra-UE, cosiddette “imprese di paesi terzi”, con attività europee significative, ovvero che generano un fatturato netto pari o superiore a 150 milioni di euro nell’UE o “grande” secondo i criteri di cui sopra, o una filiale dell’UE che ha generato un fatturato netto annuo di 40 milioni di euro nell’anno precedente.

 

Novità della CSRD

Degni di nota sono anche diversi altri elementi del nuovo Reporting di Sostenibilità:

Per facilitare e omogeneizzare la rendicontazione di sostenibilità, vengono introdotti gli European Sustainability Reporting Standards (ESRS). Trattasi di standard di rendicontazione uniformi e completi applicabili in tutta l’UE. Gli ’ESRS sono in parte ispirati agli standard di rendicontazione della sostenibilità già esistenti, come il GRI, e richiederà la divulgazione di numerose metriche attraverso i pilastri ESG, come i dati sull’energia e sulle emissioni, l’uso dell’acqua, le strategie di gestione dei rischi legati al clima, l’economia circolare, l’inquinamento, la biodiversità sotto la “E”; condizioni di lavoro, diversità, inclusione, diritti umani sotto la “S”; e rischio aziendale, strategia e supervisione del consiglio di amministrazione sulle informazioni sulla sostenibilità sotto la “G”. 

La rendicontazione dovrà inoltre prendere in considerazione la Doppia materialità. In questo caso le aziende dovranno considerare non solo gli impatti materiali dei fattori ESG sull’organizzazione, ma anche gli impatti dell’organizzazione stessa sull’ambiente e sui sistemi sociali.

Sarà poi obbligatoria la Garanzia di terze parti. Infatti la CSRD imporrà un obbligo di garanzia di parte terza, o audit, in modo che sia certificata da un revisore indipendente accreditato. 

La CSRD richiede che le aziende riportino le metriche ESG non in un report di sostenibilità separato, ma in una sezione dedicata della più ampia relazione sulla gestione aziendale, unendo così la sostenibilità e altri rendiconti finanziari in un unico documento.

 

Gradualità dell’attuazione

La attuazione della CSRD sarà caratterizzata da un approccio graduale.  Le grandi imprese di “interesse pubblico” già soggette alla NFRD e le grandi società quotate con 500 o più dipendenti saranno assoggettate a partire dal 1° gennaio 2024. Le “grandi” imprese non attualmente assoggettate alla NFRD saranno assoggettate a partire dal 1° gennaio 2025. Le “piccole e medie imprese” con titoli quotati in un mercato regolamentato dell’UE, diventeranno soggetti dal 1° gennaio 2026. 

 

Recepimento negli Stati Membri

Gli Stati membri dell’UE avranno quindi 18 mesi per recepire la CSRD nelle rispettive legislazioni nazionali. Nel frattempo, le società europee e le società extra-UE con attività europee dovrebbero iniziare il complesso processo di valutazione per determinare se e quando saranno soggette alla CSRD e ai suoi obblighi di comunicazione. Da considerare inoltre che queste Società avranno anche l’onere di verificare la propria supply chain, in quanto sarà buona prassi avere rapporti di collaborazione con società e fornitori comunque in linea con minimi standard di sostenibilità. Questo significa che l’impatto di questa Direttiva sarà significativo e coinvolgerà molte aziende.

Pertanto a questo punto rendicontare con un Reporting di Sostenibilità sarà un lavoro continuo e uniforme a tutti gli effetti, con obiettivi e consuntivi certificati.

L’avvio di un Percorso di Sostenibilità diventerà un must per tutte le aziende coinvolte e per quelle che vorranno valorizzare i risultati economici, sociali e ambientali generati dall’azienda nello svolgimento delle proprie attività.

L’affiancarsi a un Partner sui temi di Sostenibilità sarà importante perché tutti gli Stakeholder vorranno collaborare con aziende di cui conoscono l’impatto ambientale, sociale ed economico. Sarà una grossa opportunità per avere un vantaggio competitivo. La trasparenza sarà la base per mantenere relazioni di lungo periodo. Per qualsiasi informazione rivolgetevi ad Adiconsum come Partner chiave per la Sostenibilità.

Bonus mamme: che cos’è e a chi spetta

8 Febbraio 2024

Il bonus mamme è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2024 e precisamente dall’articolo 1, commi da 180 a 182. Ma vediamo in cosa consiste e chi sono le aventi diritto.

Che cos’è il bonus mamme

Il bonus mamme è un’esenzione del 100% dal pagamento dei contributi previdenziali (che corrisponde al 9,19% della retribuzione) per l’invalidità, vecchiaia e familiari a carico.

Le aventi diritto

  • Le beneficiarie del bonus sono le mamme lavoratrici (ad esclusione dei rapporti di lavoro domestico) con contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, sia del settore privato che pubblico, con 3 o più figli per i periodi di paga che vanno dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2026. L’esonero è riconosciuto per i figli fino al compimento del 18° anno di età del figlio più piccolo. Il requisito si intende rispettato al momento della nascita del terzo figlio
  • Per l’anno 2024, in via sperimentale, tra le aventi diritto rientrano anche le mamme con 2 figli per il periodo di paga che va dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2024. In tal caso l’esonero verrà riconosciuto per i figli fino al compimento del 10° anno di età del figlio più piccolo. Il requisito si intende rispettato al momento della nascita del secondo figlio.

Ammontare dell’esenzione

L’esenzione equivale ad un importo massimo di 3.000 euro/anno, riparametrato su base mensile.

Le madri già in possesso dei requisiti a gennaio 2024, hanno diritto all’esonero già dal suddetto mese.

Cosa fare

Le mamme lavoratrici interessate al bonus possono rivolgersi al proprio datore di lavoro oppure utilizzare il servizio online che presto l’Inps metterà a disposizione sul proprio portale.

Quando compare il bonus mamme in busta paga

Il datore di lavoro ha tre mesi di tempo dalla pubblicazione della circolare sul bonus mamme sul sito dell’Inps per apportare gli adeguamenti dei mesi di gennaio e febbraio, che pertanto risulteranno nelle busta paga di marzo, aprile e maggio 2024.

Per saperne di più, clicca qui

Bollette gas: allarme rincari. Ecco che cosa sta succedendo

5 Febbraio 2024

Come noto, dal 10 gennaio 2024, le tariffe previste per la vendita del gas non sono più stabilite dall’ ARERA, ma dall’andamento del mercato. Ciò significa che le Aziende possono vendere il gas a qualsiasi prezzo. Senza gli opportuni e adeguati correttivi, le bollette subiranno dei forti rincari, a fronte anche di altre criticità. Vediamo quali.

L’IVA

Uno dei motivi del rialzo delle bollette del gas è ad esempio il ritorno dell’IVA al 22%.

Il silenzio-assenso

La formula del silenzio-assenso sta danneggiando anche quei consumatori che già avevano scelto il mercato libero. Infatti, le Aziende hanno apportato in corso d’opera o in caso di rinnovo di contratti scaduti delle modifiche unilaterali che hanno fatto lievitare le tariffe del gas, in alcuni casi anche del 300%.

Ciò è potuto accadere perché la normativa consente alle Aziende di comunicare tali modifiche con un’unica e semplice comunicazione scritta (di solito una mail) e di avvalersi della formula del silenzio-assenso per procedere alla loro applicazione. Molte di queste modifiche unilaterali di prezzo, poi, sono state applicate in violazione del Decreto Aiuti-bis che le vietava fino a giugno 2023.

La tariffa PLACET

Dai primissimi riscontri emerge che la tariffa PLACET (Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela), che verrà applicata a coloro che alla data del 10 gennaio non hanno espresso alcuna scelta verso un operatore del mercato libero, risulti essere più cara sia di quelle del mercato tutelato che di alcune del mercato libero.

Le penali per recesso anticipato

Un’altra criticità della fine del mercato tutelato, ad avviso di Adiconsum, riguarda il pagamento degli oneri per recesso anticipato, vere e proprie penali, per passaggio ad altro operatore. L’ARERA, infatti, dà facoltà agli operatori di applicarli.

Le proposte di Adiconsum

Di seguito alcune proposte che come Adiconsum stiamo portando avanti nelle varie sedi istituzionali:

  • sui rincari:

Proponiamo di introdurre nuovi criteri di definizione dei prezzi di riferimento dell’energia e di salvaguardia, con riferimento all’andamento inflazionistico e anti-speculativo, affinché l’ARERA definisca dei tetti massimi di oscillazione delle tariffe;

  • sul silenzio-assenso:

Poiché il gas e l’energia elettrica, diversamente ad esempio dalla telefonia, sono beni essenziali, riteniamo che la comunicazione delle variazioni tariffarie debba essere inviata con modalità certificate, permettendo al consumatore di dare prova di averla ricevuta. Si introduca, anche nel mercato dell’energia, l’accettazione da parte del consumatore alla scadenza del contratto, come già avviene nel mercato delle assicurazioni liberalizzato da tempo;

  • sul recesso anticipato:

Siamo contrari a tali oneri, perché se siamo in presenza di un mercato libero dovremmo agevolare la libertà di scelta. Nel contempo ci auguriamo che almeno i grandi player non li applichino.

L’apertura di un Tavolo e di una Campagna di informazione

Adiconsum ritiene quanto mai urgente l’apertura di un Tavolo per accompagnare il passaggio al mercato libero e l’avvio di una Campagna capillare di informazione, anche in considerazione della complessità della tariffa energetica e della difficoltà di comparazione delle varie offerte, come da noi chiesto più volte in questi anni e come recentemente richiesto in una lettera del 16 gennaio scorso insieme ad altre Associazioni Consumatori del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU) indirizzata al Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, estesa anche ai Presidenti di ARERA e Acquirente Unico.

La Campagna con il coinvolgimento delle Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge, fornirebbe un aiuto concreto ai consumatori nello scegliere con oculatezza e consapevolezza le varie offerte, ma anche nell’acquisire informazioni su come costituire le Comunità Energetiche Rinnovabili Solidali (CERS) per socializzare e solidarizzare l’energia autoprodotta con gli impianti di energia rinnovabile.

In assenza degli adeguati e opportuni correttivi, ritroveremo le stesse criticità che stiamo riscontrando per il gas, anche in occasione della fine del mercato tutelato dell’energia elettrica.

Canone Rai: come chiedere l’esonero dal pagamento per l’anno 2024

29 Gennaio 2024

Due sono i casi in cui si può presentare la domanda di esenzione dal pagamento del canone tv: per mancato possesso dell’apparecchio televisivo o se si è un over 75enne. Nel primo caso, l’ultimo giorno per presentare la domanda è il 31 gennaio di ogni anno. Vediamo come.

Come presentare la domanda di esonero dal pagamento

In caso di mancato possesso dell’apparecchio tv, ecco che cosa devi fare:

  1. Scarica il MODULO (la Dichiarazione sostitutiva)
  2. Invia il Modulo tramite:
  • l’applicativo web dell’Agenzia delle Entrate che prevede il possesso delle credenziali di accesso telematiche o dell’agenzia o dello SPID
  • i CAF o gli intermediari abilitati
  • gli sportelli postali con raccomandata (meglio A/R), senza busta, all’indirizzo: Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv-Casella Postale 22-10121 Torino. Bisogna allegare anche una copia del proprio documento di identità.

In caso di over 75, ecco cosa devi fare:

  1. Scarica il MODULO
  2. Invia il Modulo tramite:
  • l’applicativo web dell’Agenzia delle Entrate che prevede il possesso delle credenziali di accesso telematiche o dell’agenzia o dello SPID
  • i CAF o gli intermediari abilitati
  • gli sportelli postali con raccomandata (meglio A/R), senza busta, all’indirizzo: Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv-Casella Postale 22-10121 Torino. Bisogna allegare anche una copia del proprio documento di identità.
  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Tutela della casa: Adiconsum sottoscrive protocollo con Save Your Home ed Esdebitami Retake

Tutela della casa: Adiconsum sottoscrive protocollo con Save Your Home ed Esdebitami Retake

29 Gennaio 2024

Adiconsum ha sottoscritto un Protocollo di Intesa con Save Your Home, Fintech che salvaguarda il diritto all’abitazione delle famiglie in difficoltà grazie alla soluzione della cartolarizzazione a valenza sociale e con Esdebitami Retake, Società Benefit specializzata in servizi di consulenza in materia di soluzioni alla crisi da sovraindebitamento. Ecco perché.

La situazione delle famiglie con mutuo

Il 60% del reddito mensile di una famiglia media viene eroso dalla rata del mutuo con tasso variabile, raggiungendo una pericolosa situazione di allerta per tutte le fasce di reddito fino almeno a 1.900 € netti mensili. Sono questi i dati preoccupanti dell’Osservatorio SalvaLaTuaCasa, realizzato da Nomisma con il contributo di Save Your Home.

Il Protocollo Adiconsum-Save Your Home-Esdebitami

A fronte di tali dati, prendendo atto delle difficoltà vissute da numerose famiglie, Adiconsum ha sottoscritto un Protocollo con Save Your Home ed Esdebitami con l’obiettivo comune di offrire soluzioni concrete e sostenibili a tutte quelle famiglie che si trovano in difficoltà con il pagamento delle rate del mutuo e rischiano di finire in situazioni di sovraindebitamento. La sinergia tra Adiconsum, Save Your Home e Esdebitami Retake si traduce:

  • da una parte in un servizio di consulenza per aiutare le famiglie in difficoltà a salvaguardare la propria abitazione dal pignoramento e dalla vendita all’asta
  • dall’altra in un programma congiunto di educazione finanziaria per rendere i consumatori sempre più consapevoli nella gestione delle proprie finanze. Comprendere come funziona un mutuo e cosa implica la sottoscrizione di un tale impegno economico, capire come agire se la propria casa rischia di finire all’asta e, in generale, quali comportamenti virtuosi si possono applicare per prevenire situazioni di difficoltà economica: questi saranno alcuni dei temi approfonditi attraverso notizie dedicate ai consumatori, eventi di formazione, consulenze dedicate, etc..

Caldaie a condensazione: addio alle detrazioni dal 2025

19 Gennaio 2024

L’addio alle caldaie a condensazione rientra nell’accordo siglato dall’Unione europea nell’ambito della Direttiva europea sulla prestazione energetica nell’edilizia per l’abbandono graduale dei combustibili fossili negli impianti di riscaldamento e raffrescamento fino alla loro completa eliminazione fissata per il 2040. Che cosa significa per i cittadini-consumatori? Che ne sarà dell’ecobonus e del superbonus? Vediamolo nel dettaglio.

Che fine fanno ecobonus e superbonus

Con le nuove disposizioni, dal 2025 non ci sarà più nessun ecobonus e superbonus per l’installazione delle caldaie a gas, anche quelle in classe A, che ora erano oggetto sia dell’ecobonus ossia della detrazione del 65% per le persone fisiche sia del superbonus ossia della detrazione del 70% per i condominii.

Rc auto: è tempo di rincari

19 Gennaio 2024

Tra i tanti aumenti di spesa che dovranno sostenere le famiglie in questo 2024, troviamo anche l’Rc auto, l’assicurazione obbligatoria per la circolazione di tutti i veicoli. L’allarme è stato lanciato dall’Ivass, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni. Vediamo di che si tratta.

I dati dell’Ivass

Nel suo comunicato stampa del 4 gennaio scorso, l’Ivass ha reso noti i risultati dell’indagine sui prezzi effettivi dell’Rc auto del mese di novembre 2023, rilevando:

  • un aumento dei premi assicurativi del +7,1% su base annua in termini reali e del +7,8% in termini nominali
  • un prezzo medio Rc auto di 391 euro, ancora inferiore, anche se di poco, al prezzo medio pre-Covid che era di 403 euro a novembre 2019
  • un aumento dei prezzi tra il 4,6% ad Ascoli e il 12% ad Imola, mentre il differenziale tra Napoli ed Aosta è di 248 euro, in aumento del 3,1% rispetto al 20222
  • un aumento del prezzo del +11% rispetto alla media nazionale per coloro che si trovano in classi di merito superiori alla prima.

La riunione della Commissione di allerta rapida di Sorveglianza dei Prezzi

A seguito dei dati diffusi dall’Ivass, il prossimo 14 febbraio 2024 si terrà la prima riunione della Commissione di allerta rapida di Sorveglianza dei Prezzi per valutare le dinamiche dei costi Rc auto.

Consigli Adiconsum

Ricordiamo:

  • che alla scadenza del contratto di assicurazione è possibile passare da una compagnia all’altra senza dover pagare alcuna penale. Prima di rinnovare, quindi, il consiglio di Adiconsum è quello di chiedere un preventivo più compagnie e scegliere quella che in base alle proprie esigenze risulta più conveniente
  • di consultare il Preventivatore pubblico realizzato dall’Ivass che permette in poco tempo di confrontare i prezzi delle offerte delle compagnie assicurative italiane
  • di verificare se la compagnia è autorizzata ad esercitare l’attività di vendita delle polizze Rc auto nel nostro Paese. A questo proposito, è bene consultare l’elenco delle imprese operanti in Italia oppure telefonare al Contact Center Consumatori al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 – 14.30.

Rc auto

Rc auto

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Bollette luce e gas: Adiconsum scrive al MASE, all’Arera e all’Acquirente Unico

Bollette luce e gas: Adiconsum scrive al MASE, all’Arera e all’Acquirente Unico

16 Gennaio 2024

In merito alla fine del mercato tutelato del gas avvenuta lo scorso 10 gennaio e a quella dell’elettricità prevista per il prossimo luglio, Adiconsum ha sottoscritto, insieme ad altre Associazioni, una lettera al Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, al Presidente dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, Stefano Besseghini, e al Presidente di Acquirente Unico, Luigi della Volpe. Vediamo nel dettaglio.

Perché la lettera

La stesura della lettera si è resa necessaria perché nonostante il mercato tutelato del gas sia cessato il 10 gennaio scorso e sia imminente anche quello dell’elettricità, a tutt’oggi Adiconsum ravvisa la mancanza della prevista Campagna di informazione capillare ai cittadini-consumatori, nonostante questa fosse già stata indicata dalla Legge del 2017 e prevista nel Decreto legge 181/A.C. art. 14, con cui viene affidata al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica (MASE) la competenza di approvare i progetti proposti dall’Arera.

Tantissime sono le segnalazioni di utenti vittime di teleselling e telemarketing aggressivo che si ritrovano con contratti non richiesti o non adatti alle proprie esigenze.

Pertanto Adiconsum ha chiesto la convocazione urgentissima di una riunione presso il MASE per evidenziare la necessità dell’avvio urgente di una Campagna di informazione/formazione per mettere al riparo i consumatori da truffe e speculazioni.

Vi daremo notizia non appena verremo convocati.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Mutui prima casa: le novità previste dalla Legge di Bilancio 2024 per il Fondo Prima Casa

Mutui prima casa: le novità previste dalla Legge di Bilancio 2024 per il Fondo Prima Casa

15 Gennaio 2024

La Legge di Bilancio 2024 ha introdotto delle novità anche in tema di mutui prima casa. Vediamo di che si tratta.

Il Fondo Prima Casa

È una misura di sostegno per agevolare l’accesso al mutuo prima casa, in particolare per alcune categorie prioritarie:

  • le giovani coppie coniugate o conviventi more uxorio (cioè non sposate) che abbiano costituito un nucleo da almeno due anni
  • i nuclei formati da un solo genitore con figli minorenni conviventi
  • gli inquilini di case popolari
  • i giovani di età inferiore a 36 anni.

Due tipi di garanzia

  • Il Fondo prevede due tipi di garanzia: il 50% e l’80%.

Chi può richiedere la garanzia del 50%

  • Tutti coloro che non sono proprietari di immobili. Fanno eccezione coloro che hanno ricevuto una casa per successione causa morte, oppure, che, pur essendo proprietari, hanno ceduto GRATUITAMENTE l’immobile a genitori o fratelli.

Chi può richiedere la garanzia dell’80%

Possono richiederla le categorie prioritarie, cioè:

  • le giovani coppie coniugate o conviventi more uxorio (cioè non sposate) che abbiano costituito un nucleo da almeno due anni
  • i nuclei formati da un solo genitore con figli minorenni conviventi
  • gli inquilini di case popolari
  • i giovani di età inferiore a 36 anni.

Costoro devono però rispettare i seguenti ulteriori criteri:

  • un ISEE non superiore a 40.000 euro
  • richiesta di mutuo non superiore all’80% del prezzo di acquisto della casa, compresi oneri e accessori

Cosa prevede la Legge di Bilancio 2024

La Legge di Bilancio 2024 ha mantenuto le due garanzie del 50 e dell’80%, ma non ha confermato le esenzioni fiscali relative all’atto della compravendita e all’atto del finanziamento, oltre al credito d’imposta concesso per le vendite soggette all’IVA.

Il Percorso verso la Sostenibilità: Adiconsum come Guida per le Aziende

15 Gennaio 2024

Nel contesto attuale, la sostenibilità è diventata una priorità per molte aziende, non solo per preservare  l’ambiente, ma anche per rispondere alle aspettative dei consumatori e operare in modo etico. In questo  contesto, l’assistenza da parte di organizzazioni esperte come Adiconsum può giocare un ruolo  fondamentale nel supportare le aziende nel loro viaggio verso la sostenibilità. 

 

L’importanza della sostenibilità aziendale 

La sostenibilità aziendale non riguarda solo la riduzione dell’impatto ambientale ma abbraccia anche aspetti  sociali e economici. Le aziende che adottano strategie sostenibili non solo contribuiscono a un pianeta più  verde ma possono anche ottenere vantaggi competitivi, migliorare la reputazione e attrarre un pubblico  sempre più consapevole.  

Negli ultimi anni, i criteri ESG (Ambiente, Sociale e Governance) hanno assunto un ruolo fondamentale nel  panorama aziendale, trasformandosi da mere considerazioni etiche a fattori critici per la competitività e la  sostenibilità a lungo termine delle imprese. L’adozione di politiche e pratiche che promuovono la  sostenibilità ambientale, la responsabilità sociale e una solida governance aziendale non è più solo una  scelta basata sull’etica, ma una necessità per rimanere competitive in un mondo in continua evoluzione. Le  aziende che integrano efficacemente gli obiettivi ESG nei loro modelli di business non solo rispondono alle  esigenze e alle aspettative dei consumatori e degli investitori sempre più orientati alla sostenibilità, ma  ottengono anche vantaggi tangibili in termini di reputazione, attrattiva per i talenti, gestione efficiente delle  risorse, riduzione dei rischi e accesso a nuove opportunità di mercato. In sintesi, l’adozione consapevole e  coerente dei criteri ESG non solo riflette un impegno etico, ma diventa un pilastro imprescindibile per  garantire la crescita e la competitività a lungo termine delle aziende nell’economia contemporanea.

 

Il ruolo di Adiconsum nell’assistenza alle aziende 

Adiconsum, come associazione Nazionale Consumatori, si propone ora di estendere la sua esperienza e  competenza anche alle aziende, offrendo un servizio dedicato per aiutarle a definire e implementare  strategie di sostenibilità. Questo nuovo approccio mira a essere una guida affidabile per le imprese che  desiderano adottare pratiche più sostenibili.  

 

Adiconsum e lo Stakeholder Engagement  

Grazie alla sua vasta esperienza e alla sua posizione centrale come rappresentante dei consumatori, gioca  un ruolo cruciale nell’ambito dell’engagement degli stakeholder nelle iniziative di sostenibilità delle  aziende. La prospettiva che Adiconsum può offrire rispecchia direttamente le preoccupazioni, i valori e le  prospettive dei consumatori stessi su questioni specifiche legate alla sostenibilità. Attraverso la sua  capacità di raccogliere feedback, analizzare i bisogni e le aspettative dei consumatori, Adiconsum può  fungere da ponte tra le aziende e i loro pubblici di riferimento, consentendo un dialogo costruttivo e  orientato all’azione. Inoltre, la sua abilità nel coinvolgere le istituzioni su questioni di sostenibilità è  inestimabile. Grazie alla sua credibilità e influenza, Adiconsum può fungere da voce autorevole per  sollevare questioni chiave e promuovere cambiamenti significativi, contribuendo così a modellare politiche  e normative in linea con gli obiettivi di sostenibilità delle aziende. In questo modo, il coinvolgimento attivo 

di Adiconsum può non solo accrescere la consapevolezza e la sensibilizzazione riguardo alle tematiche  sostenibili, ma anche favorire la creazione di partnership collaborative e la promozione di iniziative concrete per un futuro più sostenibile. 

 

Servizi offerti da Adiconsum per le aziende 

  • Analisi delle esigenze aziendali: Adiconsum inizia il percorso con un’analisi dettagliata delle esigenze e delle  attuali pratiche aziendali, identificando aree di miglioramento e opportunità di sostenibilità. 
  • Sviluppo di strategie sostenibili personalizzate: Basandosi sull’analisi, Adiconsum aiuta le aziende a  sviluppare strategie su misura per integrare la sostenibilità in tutti gli aspetti delle operazioni aziendali. 
  • Formazione e consulenza: L’associazione offre formazione e consulenza specializzata per educare il  personale aziendale e supportare l’implementazione pratica delle strategie sostenibili. 

 

Benefici per le aziende che abbracciano la sostenibilità 

Abbracciare la sostenibilità non solo è moralmente apprezzato ma può portare vantaggi significativi alle  aziende. Oltre a migliorare l’immagine aziendale, può ridurre i costi operativi, attrarre investitori etici e  soddisfare le richieste di una base di consumatori sempre più attenta alla sostenibilità. 

 

In conclusione, Adiconsum si posiziona come un partner affidabile per le aziende che desiderano  intraprendere il percorso verso la sostenibilità. Offrendo una vasta gamma di servizi e consulenze  personalizzate, l’associazione può aiutare le imprese a diventare più consapevoli, responsabili e competitive  in un mondo sempre più attento alla sostenibilità.

Adiconsum e l’Etica d’Impresa: Una Collaborazione per il Futuro Sostenibile

15 Gennaio 2024

Nell’attuale panorama economico, l’etica aziendale e la sostenibilità sono diventate  componenti cruciali per il successo a lungo termine delle imprese. Adiconsum si posiziona  come un punto di riferimento fondamentale per le aziende desiderose di intraprendere un  percorso verso un futuro più sostenibile. La collaborazione tra Adiconsum e le imprese può  portare ad un impatto significativo sulle pratiche aziendali e sulla società nel suo  complesso. 

L’Importanza dell’Etica d’Impresa 

L’etica d’impresa non riguarda solo il rispetto delle leggi e dei regolamenti, ma anche  l’adozione di comportamenti responsabili che tengono conto degli impatti sociali,  ambientali ed economici delle proprie azioni. Le aziende che integrano l’etica nei loro  principi guida dimostrano un impegno verso la sostenibilità e la responsabilità sociale,  acquisendo un vantaggio competitivo significativo. 

Nell’era moderna, l’etica d’impresa ha assunto un ruolo centrale nel panorama economico  e sociale. Non si tratta solamente di seguire regole o rispettare la conformità legale, ma  piuttosto di adottare un approccio olistico che influenzi positivamente il modo in cui  un’azienda opera e interagisce con il mondo che la circonda. 

Definizione di Etica d’Impresa 

L’etica d’impresa si riferisce a un insieme di valori, principi e pratiche che guidano il  comportamento di un’organizzazione nel perseguire il successo aziendale. Questi valori  spaziano dalla trasparenza e l’integrità nella gestione aziendale fino all’impatto sociale e  ambientale delle attività svolte. 

Responsabilità Aziendale e Sostenibilità 

Una delle pietre miliari dell’etica d’impresa è la responsabilità sociale d’impresa (CSR), che  implica un impegno a contribuire positivamente alla società. Le aziende che adottano un  approccio etico non mirano solo al profitto, ma si concentrano anche sull’impatto che le  loro azioni hanno sugli stakeholder, sull’ambiente e sulla comunità in cui operano.

Vantaggi dell’Etica d’Impresa 

Credibilità e Reputazione 

Un’azienda che pratica l’etica d’impresa guadagna fiducia e rispetto da parte dei suoi  clienti, dipendenti e della società nel suo complesso. Una solida reputazione etica può  diventare un vantaggio competitivo, attirando clienti fedeli e consentendo la crescita  sostenibile dell’azienda nel lungo periodo. 

Attrarre e fidelizzare i Talenti 

Le aziende con una forte etica d’impresa riescono ad attirare talenti motivati e  appassionati. I dipendenti desiderano lavorare per aziende che condividono i loro valori  personali e che dimostrano un impegno verso l’etica e la responsabilità sociale. Ciò  contribuisce alla creazione di un ambiente di lavoro più produttivo e soddisfacente. 

Sostenibilità a Lungo Termine 

Le aziende etiche tendono a svilupparsi in modo più sostenibile nel tempo. Considerando  gli impatti sociali, ambientali ed economici delle loro azioni, sono più propense a adattarsi  ai cambiamenti del mercato e a costruire relazioni durevoli con i propri stakeholder. 

Il Ruolo Chiave di Adiconsum 

Adiconsum si distingue come un’organizzazione impegnata nella promozione di pratiche  commerciali etiche e sostenibili. Grazie alla sua vasta esperienza e alla rete di partnership  consolidate, Adiconsum è in grado di offrire supporto alle imprese che desiderano  integrare la sostenibilità nei loro processi aziendali. 

 

I Servizi Offerti da Adiconsum

 

Consulenza Personalizzata: 

Adiconsum offre consulenze mirate per aiutare le  aziende a sviluppare strategie di sostenibilità su misura. 

 

Formazione e Sensibilizzazione:

Attraverso workshop e programmi formativi,  Adiconsum educa le imprese sulle migliori pratiche e sui vantaggi della sostenibilità.

 

Monitoraggio e Valutazione:

Adiconsum supporta le imprese nel monitorare e  valutare l’impatto delle loro iniziative sostenibili, permettendo un miglioramento  continuo.

 

Se sei un imprenditore o un responsabile aziendale che desidera rendere la tua impresa un  agente di cambiamento positivo per il futuro sostenibile, Adiconsum è il partner ideale per  te.

 

Rivolgiti ad Adiconsum per:

Creare Partnership Sostenibili: 

Collabora con noi per integrare l’etica e la  sostenibilità nel cuore delle tue operazioni aziendali. 

Ottenere Supporto Specializzato: 

Approfitta della nostra esperienza e delle risorse  per sviluppare strategie di sostenibilità efficaci e in linea con i tuoi obiettivi. 

Essere un Agente di Cambiamento:

Unisciti a noi nel promuovere una cultura  aziendale che contribuisca positivamente alla società e all’ambiente.

 

Conclusioni

In un mondo in rapido cambiamento, l’etica d’impresa e la sostenibilità non sono solo una  scelta, ma una necessità. Adiconsum è pronto a essere il tuo partner di fiducia nel tuo  viaggio verso un futuro aziendale sostenibile. Contattaci oggi stesso e insieme costruiremo  un mondo migliore per le generazioni future. 

Contatta Adiconsum per avviare questa trasformazione oggi stesso e prepara la tua  azienda per un futuro sostenibile!

Canone Rai: nel 2024 costerà di meno

8 Gennaio 2024

È ufficiale. L’Agenzia delle Entrate ha annunciato che nel 2024 il canone Rai costerà di meno. Vediamo perché.

Costo del canone Rai 2024

La riduzione del costo del canone Rai è stata decisa dalla Legge di Bilancio 2024, passando da 90 a 70 euro.

Pagamento del canone Rai nella bolletta elettrica

Coloro che pagano il canone Rai con la bolletta elettrica non devono fare nulla, perché saranno le aziende energetiche ad includere la nuova quota di pagamento.

Pagamento del canone Rai tramite il modello F24

Coloro per i quali non è stato possibile inserire il pagamento del canone Rai nella fattura elettrica, il pagamento dei 70 euro deve avvenire in un’unica soluzione tramite il modello F24 indicando come codice tributo TVRI. Il pagamento deve essere effettuato entro il 31 gennaio 2024.

Esenzione dal pagamento del canone Rai

L’esenzione dal pagamento del canone Rai del 2024 può essere chiesto da:

  • coloro che non possiedono l’apparecchio televisivo
  • gli ultra75enni con reddito annuo complessivo non superiore a 8.000 euro
  • i militari di cittadinanza straniera o personale civile appartenenti alla Nato
  • gli agenti diplomatici, funzionari o impiegati consolari di alcuni Paesi.
  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Sostenibilità: Adiconsum lancia il Sondaggio “Sei più GREEN di quello che pensi?”

Sostenibilità: Adiconsum lancia il Sondaggio “Sei più GREEN di quello che pensi?”

8 Gennaio 2024

Oggi si parla tanto di sostenibilità, ma purtroppo non è ancora un obiettivo accessibile a tutti. La transizione delle economie dal modello lineare a quello circolare, infatti, non tiene conto adeguatamente dei bisogni e dei problemi delle persone più fragili, con il rischio che a fare le spese di questo cambiamento necessario ed epocale siano i più deboli, aumentando le discriminazioni tra chi ha e chi non ha un’impronta ecologica meritevole, perché occorre avere risorse da investire in scelte sostenibili.

Con il progetto di Adiconsum “Green Circle”, finanziato dall’European Climate Foundation, si vogliono comprendere le barriere che ostacolano l’inclusività nel processo della transizione verde, per meglio affrontarle e superarle.

Per questo motivo, Adiconsum, nell’ambito di “Green Circle” lancia tra i cittadini-consumatori il Sondaggio “Sei più GREEN di quello che pensi?”, per aiutarli a prendere consapevolezza della propria sostenibilità.

Il Sondaggio non è fine a se stesso! Partendo dallo studio dei risultati, sarà possibile suggerire ai decisori pubblici le azioni da intraprendere per far sì che tutti vengano inclusi nella transizione, che siano PROTAGONISTI e non succubi di un cambiamento così importante per se stessi, per le generazioni future e per il pianeta. Adiconsum sarà impegnata anche ad informare e assistere i consumatori con attività di sensibilizzazione ed educazione per consentire già oggi di fare molte “alla portata di tutti” e più in linea con la transizione verde.

Le attività previste da “Green Circle” comprendono anche:

  • la redazione e la pubblicazione della collana “I quaderni del consumatore”, una serie di Guide semplici e complete sulle varie tecnologie e soluzioni “green”
  • la realizzazione del “Manifesto del Consumo sostenibile e Inclusivo”, per coinvolgere molti attori della società civile in un lavoro sinergico di supporto alla transizione verde

 

Il tuo contributo è importante. Sii protagonista del cambiamento.

Partecipa al Sondaggio (tempo stimato 5 minuti)

SONDAGGIO TERMINATO

A BREVE I RISULTATI DELLA RICERCA

 

ISEE: nuovo modello per la DSU. Come e a chi presentarlo

4 Gennaio 2024

L’ottenimento dell’ISEE passa per la compilazione della DSU, la Dichiarazione Sostitutiva Unica. Vediamo a cosa serve e come e a chi presentarla.

Che cos’è e a cosa serve la DSU

La DSU è un documento contenente dati anagrafici, reddituali e patrimoniali per permettere di calcolare l’ISEE che rappresenta la discriminante di reddito per poter accedere o meno alle prestazioni sociali agevolate.

Quali sono le prestazioni sociali agevolate

I bonus sociali che necessitano della DSU sono:

  • l’Assegno unico
  • l’Assegno di inclusione e di Supporto alla Formazione e il Lavoro
  • i bonus sociali di luce, gas e acqua
  • la riduzione del canone telefonico
  • la riduzione della tassa sui rifiuti
  • l’assegno di maternità erogato dai Comuni
  • il bonus bebè
  • il bonus asilo nido
  • l’esenzione o riduzione delle tasse scolastiche
  • il bonus libri
  • il bonus trasporto scolastico
  • il bonus mensa
  • il bonus abitazione
  • il bonus per i centri estivi
  • il bonus per il trasporto pubblico
  • il mutuo agevolato under 36 anni
  • l’accesso a strutture socio residenziali (RSA).

A chi presentare la DSU

La DSU va presentata all’Ente che eroga la prestazione, o ai CAF o all’Inps. Sul sito dell’Inps è possibile ottenere la DSU precompilata accedendo con le proprie credenziali.

Validità della DSU

Ha la validità di un anno solare, pertanto, a prescindere dal mese in cui si presenta, la scadenza è prevista al 31 dicembre.

Costo della DSU

La presentazione della DSU è gratuita. Presso i CAF, la prima DSU è gratuita, mentre le successive sono a pagamento, perché l’Inps non rimborsa i CAF per queste ulteriori Dichiarazioni. Il costo massimo richiesto è di 25 euro. È opportuno quindi fare bene i conti su quando rinnovare la Dichiarazione.

Moduli DSU 2024

Per la modulistica, clicca qui

Bonus sociali luce e gas: come saranno nel 2024

4 Gennaio 2024

Ritorno alla normalità per i bonus sociali di luce e gas che erano stati oggetto di rafforzamento con un ampliamento della platea degli aventi diritto grazie all’innalzamento del requisito dell’ISEE a 15.000 euro e a 30.000 euro per le famiglie numerose con almeno 4 figli a carico. Vediamo nel dettaglio.

I bonus sociali di luce e gas dal 1° gennaio 2024

A partire dal 1° gennaio 2024, i requisiti ISEE per ottenerli sono i seguenti:

  • ISEE pari a 9.530 euro
  • ISEE pari a 20.000 euro per le famiglie numerose con oltre 3 figli.

Il contributo straordinario

Chi già riceve il bonus elettrico continuerà a ricevere il contributo straordinario crescente con i componenti del nucleo familiare introdotto col IV trimestre 2023.

Il contributo straordinario non è previsto per il bonus sociale gas e per quello dell’acqua.

Bolletta della luce: in calo nel primo trimestre 2024

3 Gennaio 2024

Sarà in calo nel primo trimestre 2024 la bolletta della luce. Lo ha reso noto l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. La diminuzione della bolletta riguarda i consumatori che si trovano ancora nel mercato tutelato, la cui fine, ricordiamo, è prevista il 1° luglio 2024. Vediamo a quanto ammonta il calo.

Costo della bolletta elettrica del mercato tutelato del primo trimestre 2024

Il calo della bolletta del primo trimestre sarà del -10,8%. Il prezzo finale della famiglia tipo, quella cioè con consumi medi di 2.700 kWh/anno per una potenza impegnata di 3 kW per i prossimi tre mesi (gennaio, febbraio e marzo) sarà di 25,24 centesimi di euro.

Per approfondire, clicca qui

Pedaggi autostradali: i rincari del 2024

3 Gennaio 2024

Con un decreto interministeriale, il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture e il Ministero dell’Economia e delle Finanze hanno stabilito gli aumenti dei pedaggi autostradali dal 1° gennaio 2024. Vediamo quali sono i tratti interessati.

L’elenco delle Concessionarie autostradali interessate

In tutto nel nostro Paese sono 26 Società autostradali. Gli aumenti vanno da una percentuale massima di 2,30% ad una percentuale minima dello 0,76%. In particolare:

  • +2,30% per 16 società autostradali
  • +1,86% per 1 società autostradale
  • +1,51% per 1 società autostradale
  • 0% per 7 società autostradali.

Per scoprire le tratte autostradali, clicca qui

Al via i saldi 2024

3 Gennaio 2024

Come ogni inizio d’anno, anche questo 2024 si apre con l’inizio dei saldi che vedranno l’avvio per tutte le regioni venerdì 5 gennaio, ad eccezione della Valle d’Aosta dove inizieranno mercoledì 3 gennaio. Molto sinteticamente rivediamo diritti dei consumatori e i doveri dei commercianti per le vendite nel periodo dei saldi.

Doveri del commerciante

A partire dal 1° luglio, il negoziante dovrà indicare la percentuale di sconto, il prezzo finale, ma anche il prezzo più basso applicato all’articolo nei 30 giorni precedenti, in virtù  il “Decreto Omnibus” in realtà è il Decreto legislativo di recepimento della Direttiva europea 2019/2161. In caso di inottemperanza, è prevista una sanzione dai 516 ai 3.098 euro.

Consigli Adiconsum sui saldi

Per far sì che i saldi risultino dei buoni affari, ecco alcuni suggerimenti pratici di Adiconsum:

  • verificare i prezzi almeno una settimana prima dell’inizio ufficiale dei saldi
  • controllare che il cartellino del prezzo riporti percentuale di sconto, prezzo finale e prezzo dei 30 giorni precedenti
  • diffidare degli sconti esagerati
  • controllare che il capo in vetrina che si vuole acquistare sia lo stesso che è all’interno del negozio
  • fare attenzione ai capi a prezzo pieno che potrebbero trovarsi insieme a quelli in saldo.

Da ricordare

  • La prova dei capi è a discrezione del commerciante. Pertanto, se il negoziante non lo consente, non acquistare il prodotto se non sei convinto al 100%
  • Anche il cambio del prodotto è a discrezione del commerciante, a meno che non si tratti di un capo difettoso: in questo caso, infatti, il venditore è tenuto ad effettuare il cambio per legge, mentre il consumatore ha tempo due mesi per segnalarlo.
  • L’esercente è tenuto ad accettare le carte di pagamento.
  • In caso di comportamenti scorretti, rivolgersi alla Polizia Municipale e segnalare l’accaduto alla sede territoriale Adiconsum più vicina.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Carta Acquisti 2024: nuovi importi di reddito, nuovi criteri ISEE e nuovi moduli

Carta Acquisti 2024: nuovi importi di reddito, nuovi criteri ISEE e nuovi moduli

2 Gennaio 2024

Ogni nuovo anno è foriero di novità e questo vale anche per la Carta Acquisti. Infatti, dal 1° gennaio 2024, sono in vigore i nuovi importi di reddito, i nuovi criteri ISEE e i nuovi moduli per richiedere la Carta Acquisti. Vediamo nel dettaglio.

Che cos’è la Carta Acquisti

  • È una forma di sostegno per aiutare le persone over 65 e le famiglie con bambini al di sotto dei 3 anni a pagare spese alimentari, sanitarie e bollette di luce e gas
  • È una carta di pagamento elettronica GRATUITA che permette anche di acquistare a prezzi agevolati presso negozi e farmacie convenzionati attraverso il circuito Mastercard
  • Vale 40 euro/mese, ma viene ricaricata ogni due mesi con 80 euro automaticamente dallo Stato
  • Permette di ottenere sconti nei negozi convenzionati (Per saperne di più, clicca qui
  • Non è abilitata ad erogare contanti.

I requisiti

  • Per i requisiti degli over 65, clicca qui
  • Per i requisiti delle famiglie con bambini al di sotto dei 3 anni, clicca qui

Nuovi importi di reddito per l’anno 2024

Gli importi di reddito sono differenti per i soggetti di età compresa fra i 65 e i 70 anni e per i soggetti over 70:

Per le persone di età compresa fra i 65 e i 70 anni

  • L’importo complessivo dei redditi percepiti non deve essere superiore a euro 8.052,75

Per le persone over 70

  • L’importo complessivo dei redditi percepiti non deve essere superiore a euro 10.737,00

Nuovi criteri ISEE per l’anno 2024

Per le persone di età compresa fra i 65 e i 70 anni e per le persone over 70

  • Il valore massimo dell’indicatore ISEE deve essere pari a euro 8.052,75

Per le famiglie con bambini al di sotto dei 3 anni

  • Il valore massimo dell’indicatore ISEE deve essere pari a euro 8.052,75.

Nuovi moduli online per l’anno 2024

I nuovi Moduli per richiedere la Carta Acquisti saranno presto disponibili online sui siti dell’Inps, del Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. I moduli cartacei sono disponibili presso gli uffici postali.

Come riconoscere i negozi convenzionati con la Carta Acquisti

I negozi sono riconoscibili dalla seguente vetrofania apposta all’ingresso:

 

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • GAS: cosa cambia per i consumatori non vulnerabili da gennaio 2024 e cosa fare. Le tre opzioni

GAS: cosa cambia per i consumatori non vulnerabili da gennaio 2024 e cosa fare. Le tre opzioni

2 Gennaio 2024

Il mese di gennaio 2024 si apre con una importante novità: la fine del mercato tutelato del gas e il completamento del mercato libero. Ciò significa che da gennaio 2024 tutti gli operatori del gas operano nel mercato libero. Che cosa cambia per i consumatori non vulnerabili da gennaio 2024? Vediamolo insieme.

Le scelte che possono fare i consumatori non vulnerabili: le tre opzioni

Molti sono i consumatori non vulnerabili che a gennaio sono ancora nel mercato tutelato non avendo scelto di passare ad un operatore del mercato libero. Che cosa li attende? Varie sono le possibilità.

  1. Passare al mercato libero. Il passaggio al mercato libero aderendo ad una delle offerte proposte dai vari operatori può essere richiesto in qualsiasi momento.
  2. Scegliere tra le offerte libere proposte dall’operatore del mercato tutelato, rimanendo quindi con lo stesso operatore, ma con le tariffe dallo stesso formulate per il mercato libero
  3. Non effettuare alcuna scelta. In questo caso, l’attuale venditore applicherà in automatico una tariffa c.d. PLACET in deroga (Prezzo Libero A  Condizioni Equiparate di Tutela).

In cosa consiste la tariffa PLACET in deroga

La tariffa PLACET in deroga è composta da:

  1. una componente fissa annuale (euro/anno)
  2. condizioni economiche e contrattuali definite dall’Arera.

I codici delle offerte PLACET in deroga

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente ha reso noti i codici offerta delle tariffe Placet che i venditori sono obbligati ad applicare a coloro che non hanno scelto un operatore del mercato libero.

Inserendo questi codici nel Portale Offerte è possibile confrontare sia le offerte del mercato libero che le offerte PLACET in deroga.

https://www.ilportaleofferte.it/portaleOfferte/

Per i codici offerta delle tariffe PLACET in deroga, clicca qui

 

https://www.adiconsum.it/wp-content/uploads/2024/01/elencoPlacetGas_in_deroga.xlsx

Gennaio 2024: tutte le date da ricordare

2 Gennaio 2024

Come ogni inizio anno, anche il mese di gennaio 2024 non fa eccezione ed è foriero di importanti novità, prima di tutte il via all’Assegno di Inclusione. Vediamo quali sono le altre da tenere a mente.

1° gennaio 2024

  • Fine del reddito di cittadinanza e via libera all’Assegno di inclusione
  • Fine del mercato tutelato del gas

 2 gennaio 2024

  • Al via le domande per il Supporto per la formazione e il lavoro tramite i CAF

3 gennaio 2024

  • Al via il pagamento delle pensioni. Per il ritiro della pensione in contanti alle Poste, rispettare il calendario in ordine alfabetico

31 gennaio 2024

  • Ultimo giorno per presentare la domanda di esenzione del pagamento del canone tv per tutto il 2024
  • Ultimo giorno per il pagamento del bollo auto in scadenza il 31 dicembre 2023
  • Ultimo giorno per l’Agenzia delle Entrate-Riscossione per comunicare le somme dovute per la rottamazione-quater ai consumatori vittime dell’alluvione.
  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Стартувала кампанія ЄС «Права споживачів для переміщених українців»

Стартувала кампанія ЄС «Права споживачів для переміщених українців»

1 Gennaio 2024

Хороші новини для переміщених українців, які проживають в Європейському союзі. Як і будь-який громадянин і резидент Європейського союзу, переміщені українці мають таке ж саме право на рівне ставлення до себе при купівлі товарів і послуг у будь-якій точці ЄС, чи то в супермаркеті, чи то в інтернет-магазині. Однак, щоб скористатися цими правами, необхідно їх знати.

Adiconsum, в якості партнера кампанії “Права споживачів для переміщених українців”, що проводиться Європейською Комісією в 6 країнах ЄС, допоможе Вам в цьому! Розглянемо докладніше.

Ми захищаємо вас з моменту вашого прибуття

Ваші права починаються з моменту вашого прибуття до ЄС. Наприклад, коли ви почнете облаштовуватися, вам, ймовірно, захочеться купити речі для нової оселі. Але перш ніж ви зможете це зробити, вам потрібно відкрити банківський рахунок.

Завдяки законам ЄС про захист прав споживачів це можливо.

Будь-яка особа, що легально проживає в ЄС, має право відкрити основний платіжний рахунок у будь-якій країні ЄС, незалежно від місця реєстрації.

Вас бентежить мова договору, який вам пропонують підписати? Не хвилюйтеся! Законодавство ЄС захищає споживачів від заплутаних, нечітких і несправедливих умов, які часто включаються до стандартних договорів на товари чи послуги – не лише на банківські рахунки, а й на послуги мобільного зв’язку, комунальні послуги, договори оренди, підключення до Інтернету, страхування тощо.

Робіть покупки та подорожуйте зі спокійною душею

З новою банківською карткою в руках настав час робити перші необхідні покупки.

Завдяки Європейському закону про захист прав споживачів ви можете з упевненістю робити покупки в Інтернеті. Насправді, закон дає вам 14 днів на скасування та повернення онлайн-замовлення з будь-якої причини, без жодних запитань.

Європейське законодавство про захист прав споживачів також захищає вас, коли ви подорожуєте, відвідуєте друзів та родину. Наприклад, якщо ваш потяг затримується, залежно від тривалості затримки, ви можете отримати компенсацію за завдані незручності та/або безкоштовну їжу та напої під час очікування.

Відкрити банківський рахунок, розібратися в заплутаному договорі, отримати компенсацію за відкладену поїздку або повернути річ, яка вам більше не потрібна, – з усіх цих питань ви можете звернутися до Adiconsum.

Отримати більш детальну інформацію та взяти участь

На сайті Adiconsum ви можете знайти багато інформації про свої права як споживача, а також про те, до кого звертатися в разі потреби.

Запрошуємо вас відвідати цей сайт та поділитися ним зі своїми співвітчизниками.

Кампанія також буде поширюватися через наші соціальні мережі з наступними хештегами:

#ConsumerRights та #StandWithUkraine.

Servizi postali universali: tutti gli aumenti

22 Dicembre 2023

Dal 18 dicembre 2023, sono in vigore gli aumenti dei servizi postali universali con il benestare dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Delibera 160/23/CONS). Vediamo quali sono.

Gli aumenti dei Servizi Postali Universali

Gli aumenti interessano i seguenti servizi:

  • Posta 1 Pro e Posta1online nazionale: l’aumento riguarda tutti gli scaglioni di peso e formato
  • Posta 4 Pro e Posta4online nazionale: l’aumento riguarda tutti gli scaglioni di peso e formato
  • Posta Massiva: l’aumento riguarda tutti gli scaglioni di peso, destinazione e opzioni di omologazione
  • Posta Raccomandata Pro e Raccomandata Online nazionale: l’aumento riguarda tutti gli scaglioni di peso
  • Posta Raccomandata Smart: l’aumento riguarda tutti gli scaglioni di peso e destinazione
  • Posta Assicurata Smart: l’aumento riguarda tutti gli scaglioni di peso
  • Economy e Premium Mail: l’aumento riguarda tutti gli scaglioni di peso e formato
  • M-bags Economy e Premium: l’aumento riguarda tutti gli scaglioni di peso.

Per saperne di più, clicca qui

 

 

Sostenibilità e Consumatore consapevole

21 Dicembre 2023

Oggi si parla sempre più spesso di consumatore consapevole e del ruolo delle aziende sui temi relativi alla sostenibilità. Infatti i consumatori acquistano sempre con maggiore consapevolezza e si preoccupano di come la produzione di un bene o servizio possa avere un impatto ambientale e sociale. Come consumatori, hanno il potere di avere una influenza significativa sull’economia, sulla società e sull’ambiente attraverso le loro decisioni di acquisto. Con l’aumento di questioni sociali e ambientali come il cambiamento climatico, le violazioni dei diritti umani e la produzione di rifiuti, il concetto di “consumatore consapevole” è diventato più importante che mai. E’ un termine che si riferisce a coloro che cercano e sostengono attivamente prodotti e aziende etiche e sostenibili, facendo attenzione alle proprie abitudini di consumo. Essere un consumatore consapevole va oltre il semplice acquisto di prodotti con l’etichetta “biologico” o “commercio equo e solidale”, è un approccio olistico al consumo che considera l’intera catena di approvvigionamento e il suo impatto sulle persone e sul pianeta.

 

Fare ricerche prima di fare acquisti

Nell’odierno mondo dei consumi, è consigliabile esercitare cautela e diligenza nel prendere decisioni di acquisto. Fare ricerche approfondite prima di effettuare un acquisto è una pratica essenziale per qualsiasi consumatore informato. Prendendo il tempo necessario per raccogliere informazioni rilevanti, confrontando prodotti o servizi e considerando recensioni o valutazioni, i consumatori possono assicurarsi che le loro scelte siano in linea con le loro esigenze e preferenze. Questo approccio proattivo consente ai consumatori di fare acquisti in linea con i loro valori, contribuendo in ultima analisi a una cultura del consumo più coscienziosa e informata.

 

Considerare l’impatto ambientale

Un aspetto fondamentale che ogni consumatore consapevole dovrebbe prendere in considerazione è l’impatto ambientale dei prodotti che acquista. In un’epoca in cui la sostenibilità è diventata una priorità globale, comprendere come le nostre scelte di consumo influenzino l’ambiente è essenziale per preservare il nostro pianeta per le future generazioni. Ciò significa essere consapevoli dell’origine dei materiali utilizzati nella produzione, nonché delle pratiche di produzione e di distribuzione. Scegliere prodotti confezionati in materiali riciclabili o biodegradabili, preferire marchi che adottino politiche di responsabilità ambientale e riduzione delle emissioni di carbonio e favorire il consumo di prodotti locali per ridurre l’impatto del trasporto sono solo alcune delle azioni che i consumatori possono adottare per contribuire a un futuro più sostenibile.

 

La sostenibilità vende?

Quando parliamo di sostenibilità spesso consideriamo questo concetto in antitesi alla convenienza. Infatti si è naturalmente portati a pensare che un prodotto sostenibile sia più complesso da realizzare e quindi più costoso. Questo determina una convenienza minore sia per chi produce che per chi acquista. Tuttavia anche se può essere vero che i prodotti più sostenibili siano più cari, è altrettanto vero che stanno emergendo profili di consumatori che accettano volentieri di pagare di più un bene in cambio di prodotti dal minore impatto ambientale. Quindi alla domanda se la sostenibilità vende? Possiamo rispondere di sì.

 

Tuttavia si potrebbe anche rinunciare ad acquistare da determinati Brand

Ma anche se la sostenibilità non dovese vendere di per sé, va anche considerato che   quando un brand non opera secondo trasparenza, i consumatori sempre più spesso scelgono di abbandonarlo. Ancora oggi per molti consumatori, il prezzo del prodotto risulta ancora il criterio di scelta principale per effettuare l’acquisto, ma è fuori di dubbio che non si possa “obbligare” il consumatore finale ad acquistare un marchio del quale non ha una percezione positiva. Si può essere relativamente certi che, se un marchio si distingue in senso negativo per le proprie pratiche non sostenibili ai consumatori non mancheranno le alternative.

In sintesi, il consumatore consapevole richiede alle aziende un maggiore impegno. Questo può portare anche alla penalizzazione delle realtà che non lo fanno, orientando a un cambiamento positivo verso la sostenibilità, inducendo a migliorare la qualità dei prodotti e servizi offerti.

 

Le aziende devono “cambiare”

Ed è questo il contesto in cui le aziende possono convertirsi alla sostenibilità, utilizzandola come vantaggio competitivo, aumentando la fidelizzazione dei clienti e il valore del brand.

In questo scenario in continua evoluzione le aziende devono trovare il giusto equilibrio tra sostenibilità, redditività e competitività. Quindi la sostenibilità da elemento accessorio deve diventare un fattore strategico fondamentale della propria attività.

Alle aziende spetta il compito di accompagnare e incoraggiare i consumatori in questo percorso mettendo a disposizione prodotti e servizi cosiddetti «green».

Inoltre il tema della informazione/educazione dei consumatori è di vitale importanza. Occorre ridurre l’”ignoranza” e costruire una più vasta cultura sull’argomento. Oggi le aziende si devono impegnare a “fare” ma non devono essere troppo deboli sul piano comunicativo

 

Ruolo di Adiconsum

In questo contesto il ruolo di Adiconsum può risultare fondamentale per accompagnare le aziende in un percorso di crescita. La conoscenza delle esigenze dei consumatori, con dati e tendenze maturate da anni di attività, possono essere messe a disposizione delle aziende per interpretare le attese del consumatore finale. La collaborazione con Adiconsum può garantire una forte opportunità di cambiamento per le aziende in un mondo sempre più orientato alla sostenibilità, attraverso formazione e sensibilizzazione dei dipendenti, certificazione e marchi di qualità, oltre all’accesso a esperienze e best practices utili ad avviare percorsi di sostenibilità.

In conclusione, essere un consumatore consapevole significa assumersi la responsabilità delle proprie scelte e comprendere l’impatto che esse hanno sul mondo che ci circonda. È necessario informarsi sulle pratiche etiche e sostenibili, sostenere le aziende che sono in linea con questi valori e sostenere il cambiamento quando è necessario. Aziende che oltre ad avvicinarsi alle pratiche di sostenibilità devono educare il consumatore stesso verso consumi più sostenibili. 

 

Il progetto We All Say NO 2 fakes al Museo Ferroviario di Pietrarsa

21 Dicembre 2023

Il progetto di Adiconsum “We All Say No 2 fakes” ha fatto tappa a Portici (Napoli) il 12-13-14 dicembre in occasione del più grande evento sulla sostenibilità organizzato nell’ambito del consumerismo: il Villaggio della Sostenibilità.

La fiera, eccezionalmente ospitata presso il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, è stata un evento unico nel suo genere che ha permesso di promuovere il concetto di sostenibilità integrale attraverso spettacoli ed eventi per un pubblico di tutte le età.

Durante il corso dell’evento, oltre 2.000 studenti tra i 6 e i 18 anni hanno visitato lo stand We All Say No 2 fakes, ricevuto gadgets, informazioni sul progetto e, perché no, scattato una bella foto ricordo nel nostro photoshooting corner (apprezzato da adulti e bambini), se hai perso l’iniziativa dai un’occhiata al reportage di canale 21 o vivi l’esperienza del progetto sul nostro canale youtube.

A corollario delle attività fieristiche, il Villaggio della Sostenibilità ha ospitato molteplici laboratori dedicati ai temi dell’intelligenza artificiale (IA) e proprietà intellettuale (PI) dove gli studenti di scuole selezionate (di età compresa tra i 13 e i 18 anni) sono stati avvicinati al tema della PI focalizzandosi sugli aspetti etici legati al mondo dell’IA, dando particolare rilevanza alla necessità di capire come funziona la proprietà intellettuale quando si utilizzano le IA generative, prendendo spunto da notizie e casi di studio provenienti da tutto il mondo.

Il Wall-NO-2 tour è appena cominciato! Nei prossimi mesi i nostri team visiteranno scuole in tutta Italia con sessioni formative e distribuzione dei nuovissimi kit didattici digitali.

Stay tuned!

5G: quanto ne sanno i consumatori?

21 Dicembre 2023

Sono stati presentati presso la Città della Scienza di Napoli i risultati di un’interessante indagine tra i cittadini consumatori delle aree meridionali del nostro Paese condotta da Adiconsum e da altre Associazioni Consumatori con il sostegno non condizionante di WindTre. Vediamo che cosa è emerso.

I risultati

Nonostante il 5G sia una tecnologia che apre a nuove prospettive e opportunità, soprattutto in termini di sviluppo e riduzione delle disuguaglianze; allo stesso tempo, essa genera ancora alcune diffidenze e perplessità da parte dei cittadini.

La maggior parte delle persone intervistate delle regioni del meridione non ha conoscenze specifiche sulla tecnologia e sui dispositivi 5G: il 50% circa ne ha una conoscenza minima o nulla, dato leggermente più positivo rispetto al livello nazionale (56%). Maggiore è la fascia d’età, minore è la conoscenza. Si tratta infatti di una tecnologia ancora poco diffusa, soprattutto tra gli anziani.

Solo il 21,2% dei rispondenti delle regioni meridionali utilizza al momento una connessione mobile 5G. Si nota un maggior utilizzo nei più giovani, nei soggetti con un titolo distudiopiùelevatoeneinucleifamiliariconminori.

A proposito, invece, di sicurezza informatica, informazione e diritti dei consumatori, solo il 15% degli intervistati delle aree meridionali si dichiara preoccupato per i possibili effetti sulla salute, mentre il 34% – soprattutto tra quanti hanno una conoscenza minima o nulla del 5G la cui fonte di informazione principale è caratterizzata dai canali social e dalla tv – dichiara di condividere almeno una delle false informazioni che nel corso degli anni hanno trovato diffusione su alcuni canali di comunicazione, a proposito del 5g (“provoca tumori”, “facilita lo spionaggio dei dati”, “non favorisce lo sviluppo dell’economia e del lavoro”).

Il 57,5% di chi non utilizza il 5G dichiara di non avere ancora un cellulare idoneo, mentre oltre il 28% non ne conosce i vantaggi o non è interessato.

Il fattore economico ha un peso leggermente maggiore nelle aree del Sud Italia (14,4%) rispetto al dato nazionale (10,7%).

Circa un quarto dei rispondenti delle Regioni meridionali che attualmente non usa ancora il 5G ha dichiarato la volontà di volervi passare a breve (24,3%), dato che supera quello nazionale che si attesta sul 18%. Il 50,6% afferma che lo farà nel lungo periodo, con l’obiettivo di acquisire maggiori informazioni e verificare gli sviluppi futuri della tecnologia, mentre il restante 25,1% non ha nessuna volontà in proposito.

Il 40,7% di chi non la utilizza, non sa se tale tecnologia sia disponibile o meno nella propria città e il 21,8% sostiene di no. Le risposte negative superano di 7 punti percentuali il dato nazionale (15,4%).

L’analisi dei dati rivela che il livello d’istruzione incide sul tasso di conoscenza del 5G: infatti il 59,4% dei rispondenti laureati indica una conoscenza medio/alta a fronte del 43,8% dei rispondenti in possesso di un diploma o licenza media.

La principale fonte di informazione sulla tecnologia per i rispondenti del Sud Italia è rappresentata dai canali social (37,5%) e dagli articoli di approfondimento (36,9%), classifica che si inverte rispetto alle risposte a livello nazionale. Il dato però cambia se si tiene conto del livello di conoscenza che si ha dell’argomento: nei casi in cui è di livello medio/alto, le principali fonti di informazioni sono gli articoli di approfondimento (circa 54%). Diversamente, chi invece ha una conoscenza minima o nulla, indica come fonte principale il la TV (38,8%) e il passaparola di amici e conoscenti (35,5%).

L’82,9% dei rispondenti delle aree meridionali evidenzia la necessità di ricevere informazioni più concrete, affidabili e dettagliate sul 5G, soprattutto in relazione alla salute, alla tutela della privacy e alla cyber security. Inoltre, circa il 55% ritiene che tali informazioni dovrebbero provenire dalle Associazioni dei Consumatori.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Energia: rinviata al 1° luglio l’attivazione del Servizio a Tutele Graduali per i clienti non vulnerabili

Energia: rinviata al 1° luglio l’attivazione del Servizio a Tutele Graduali per i clienti non vulnerabili

21 Dicembre 2023

Novità per i consumatori non vulnerabili che sono ancora nel mercato tutelato dell’energia. A seguito di quanto disposto dal Decreto legge “Energia” n. 181/2023, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera) ha modificato quanto previsto in tema di elettricità per i consumatori non vulnerabili. Vediamo che cosa è cambiato.

La decisione dell’Arera e le motivazioni

Nel comunicato stampa del 20 dicembre scorso, l’Arera annuncia di aver fissato un nuovo termine per l’attivazione del Servizio a Tutele Graduali (STG) riservato a quei consumatori non vulnerabili che alla fine del mercato tutelato non effettueranno la scelta di un operatore del mercato libero.

A differenza di quanto previsto, il termine dell’attivazione di tale Servizio non sarà più il 1° aprile 2024, ma il 1° luglio 2024.

La decisione è stata presa per diversi motivi:

  • informare i consumatori attraverso delle Campagne condotte dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica (MASE)
  • preparare l’operatività del Servizio a Tutele Graduali
  • limitare il periodo intercorrente tra l’assegnazione e l’attivazione del Servizio.

Che cosa cambia per i consumatori non vulnerabili in materia di elettricità

Il rinvio dell’attivazione del Servizio a Tutele Graduali al 1° luglio 2024 fa sì che i consumatori non vulnerabili che non hanno scelto il fornitore del mercato libero rimarranno nel Servizio di Maggior Tutela fino al 30 giugno 2024.

Che cos’è il Servizio a Tutele Graduali (STG)

Dal 1° luglio 2024, coloro che non avranno scelto un fornitore del mercato libero, usufruiranno del Servizio a Tutele Graduali del fornitore del mercato libero a cui saranno assegnati tramite le aste dell’Arera. I prezzi (fissi o variabili) saranno determinati liberamente dal fornitore, mentre le condizioni contrattuali saranno decise dall’Autorità.

Dicembre: tutte le date da ricordare

19 Dicembre 2023

Com’è tradizione, il mese di dicembre è ricco di scadenze da ricordare: dal pagamento delle pensioni e delle tredicesime al pagamento dell’IMU e delle rate della rottamazione-quater e tanto altro. Il mese di dicembre di quest’anno, inoltre, decreterà la fine del reddito/pensione di cittadinanza. Il 31 dicembre 2023 come sempre è il giorno più ricco di scadenze di tutto l’anno. Vediamo nel dettaglio.

1 dicembre 2023

  • Click day per richiedere il bonus trasporti
  • Accensione riscaldamenti zona climatica A e B
  • Pagamento della pensione sia per i correntisti postali che bancari

5 dicembre 2023

  • Ultimo giorno per il pagamento della II rata della rottamazione-quater

18 dicembre 2023

  • Pagamento del saldo IMU

31 Dicembre 2023

  • Fine del reddito/pensione di cittadinanza
  • Fine IV trimestre mercato tutelato dell’energia e ultimo giorno del mercato tutelato del gas per i non vulnerabili
  • Ultimo giorno per richiedere la garanzia dello Stato dell’80% del capitale per il mutuo prima casa da parte delle categorie prioritarie (under 36, famiglie monogenitoriali, ecc.)
  • Fine del trimestre anti-inflazione
  • Ultimo giorno per il pagamento della terza rata per la chiusura delle liti pendenti col Fisco
  • Ultimo giorno per richiedere il bonus vista
  • Ultimo giorno del bonus veicoli sicuri (bonus revisione auto)
  • Ultimo giorno in cui l’Agenzia delle Entrate Riscossione comunicherà agli alluvionati che hanno richiesto la definizione agevolata entro il 30 settembre delle somme da versare.

Tour “La Casa SI Cura”: giunge al termine la II edizione del 2023

18 Dicembre 2023

Si è concluso, con l’ultima tappa nella città di Genova, il Tour del progetto “La Casa SI Cura”, la Campagna di sensibilizzazione promossa da Adiconsum e Prosiel per la diffusione di una Cultura della sicurezza in casa.

Questa seconda edizione è stata caratterizzata in ogni tappa da un duplice evento: un Convegno aperto al pubblico, con la partecipazione delle autorità locali e dei soggetti competenti, nel quale, partendo dai dati sugli incidenti domestici causati dalla non corretta manutenzione dell’impianto elettrico, venivano forniti alcuni numeri tanto per entrare nel concreto del problema, sottovalutato da molti, seguito da un incontro in piazza presso il Gazebo del progetto opportunamente attrezzato per far conoscere dal vivo i nuovi strumenti tecnologici che possono aiutarci a tenere al sicuro la nostra casa e noi stessi.

Anche in questa edizione, 10 sono state le città dove “La Casa SI Cura” ha portato il suo know-how, dal nord al sud del Paese: Taranto, Cagliari, Matera, Padova, Monza, Pisa, Udine, Cesena, Macerata e infine Genova.

Per saperne di più sul progetto e su come richiedere la visita GRATUITA di un tecnico abilitato per il controllo dell’impianto elettrico di casa, clicca qui

 

Tour “La Casa SI Cura”: ultima tappa del 2023 a Genova

15 Dicembre 2023

Ultimo appuntamento del 2023 con il Tour “La Casa SI Cura” di Adiconsum e Prosiel, la Campagna di sensibilizzazione rivolta ai cittadini-consumatori per diffondere una Cultura della Sicurezza elettrica in casa. Un corto circuito, una presa con i fili scoperti, infatti,  sono spesso dovuti ad una cattiva manutenzione del nostro impianto elettrico con risvolti spesso drammatici, come raccontano le cronache. Ecco dove si svolgerà l’ultima tappa del Tour.

X tappa del Tour “La Casa SI Cura”: Genova

Sarà Genova la decima tappa del Tour “La Casa SI Cura”, l’ultima del 2023 e di questa seconda edizione. Tante anche in questa seconda edizione le città visitate in tutta la penisola: Taranto, Cagliari, Matera, Padova, Monza, Pisa, Udine, Cesena, Macerata e infine Genova.

Il Convegno a Genova*

Come di consueto anche a Genova, la tappa consisterà in due appuntamenti: un Convegno aperto al pubblico e un Gazebo in piazza per incontrare i cittadini-consumatori, informando e ascoltando le loro richieste. Il Convegno dal titolo “La Casa si cura: tutto ciò che occorre sapere per una casa sicura che fa risparmiare e rispetta il pianeta” si terrà lunedì 18 dicembre 2023, dalle ore 9.00, presso la Sala di Rappresentanza del Comune di Genova in Via Garibaldi.

Il Gazebo a Genova*

L’appuntamento con il Gazebo informativo del Tour “La Casa SI Cura” è sempre nella giornata di lunedì 18 dicembre 2023 dalle ore 12.00 alle ore 18.00, in Piazza De Ferrari (lato Largo Pertini).

Cosa troverai al Gazebo

Al Gazebo, potrai ricevere informazioni pratiche su come risparmiare energia con le nuove tecnologie (pannelli solari, ricarica auto elettrica, contatori online, ecc.), come adeguare il tuo impianto elettrico se vuoi introdurre in casa apparati ed elettrodomestici di ultima generazione senza avere brutte sorprese, chiarimenti sulla Direttiva “Case green, ecc..

Inoltre, puoi richiedere la VISITA GRATUITA di un tecnico abilitato per controllare l’impianto elettrico. Esso deve essere sempre adeguato alle ultime normative per garantire sicurezza e prevenire guasti. Il risparmio energetico è ora una vera necessità e per ottenerlo occorre aggiungere nelle case nuovi apparati ed elettrodomestici appropriati che non possono però essere collegati alla rete elettrica con il fai da te.

IMPORTANTE: Tutti coloro che non potranno recarsi al Gazebo nelle varie città toccate dal Tour,  avranno comunque la possibilità di richiedere il controllo GRATUITO attraverso il sito: www.lacasicura.org

Vi aspettiamo!

Lunedì 18 dicembre 2023, dalle ore 9.00
Convegno aperto al pubblico

“La Casa SI Cura”: tutto ciò che occorre sapere per una casa sicura
che fa risparmiare e rispetta il pianeta

Sala di Rappresentanza del Comune di Genova
Genova – Via Garibaldi

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Lunedì 18 dicembre 2023, ore 12.00 – 18.00
Gazebo informativo

Genova – Piazza De Ferrari
(lato Largo Pertini)

* Entrambi gli eventi sono patrocinati dal Comune di Genova.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Isybank/Intesa Sanpaolo: accolte dall’AGCM le richieste di Adiconsum e delle altre Associazioni Consumatori

Isybank/Intesa Sanpaolo: accolte dall’AGCM le richieste di Adiconsum e delle altre Associazioni Consumatori

6 Dicembre 2023

A seguito del procedimento istruttorio avviato dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nei confronti di Intesa Sanpaolo S.p.A. e di Isybank S.p.A., la banca digitale del gruppo Intesa Sanpaolo, con riferimento alla cessione dei 2,4 milioni di clienti coinvolti nell’operazione, l’AGCM ha reso noto anche le motivazioni, raccogliendo ampiamente i reclami pervenuti ad Adiconsum ed imponendo l’interruzione del trasferimento dei clienti alla banca digitale.

Le richieste accolte dall’AGCM

L’Autorità ha accolto la nostra richiesta di invertire il concetto di “silenzio/assenso” nel trasferimento ed ha imposto che le due banche, previa informativa chiara ed esaustiva ai clienti sulle caratteristiche del nuovo conto Isybank, assegnino ai correntisti un congruo periodo di tempo per fornire il proprio consenso espresso al trasferimento. In tal modo, coloro che si dichiareranno contrari avranno la facoltà di mantenere il precedente conto corrente alle stesse condizioni.

In questo modo i correntisti saranno messi in condizione di scegliere se mantenere il conto in Intesa Sanpaolo alle condizioni precedenti o transitare a Isybank.

Adiconsum ha chiesto a Intesa Sanpaolo e a Isybank, prima dei dieci giorni entro cui dovranno comunicare all’Autorità le misure adottate per ottemperare al provvedimento cautelare, la convocazione immediata di un tavolo con le Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge per valutare e confrontarsi sugli impatti per la clientela della banca digitale e trovare insieme la strada per fornire ai risparmiatori informazioni chiare e fluide per renderli consapevoli di tale cambiamento.

Facebook/Meta: Adiconsum contro il modello “pay-or-consent”

6 Dicembre 2023

Tanti sono i consumatori che ci stanno segnalando l’avviso che stanno ricevendo da Facebook (Meta) che li costringe a decidere, secondo il modello “pay-or-consent”, in tempi brevi se pagare o continuare a utilizzare “gratuitamente” il social, senza però informare correttamente che cosa comporti esattamente la scelta in un senso o nell’altro. Vediamo di che si tratta.

Modello “pay-or-consent”

Tale modello viola il diritto dei consumatori dell’UE sotto diversi punti di vista, perché non permette di operare una scelta giusta e deve essere fermato.

Di conseguenza, Adiconsum ha aderito all’iniziativa del BEUC, l’Organizzazione delle Associazioni Consumatori europee, di cui fa parte, che ha presentato una denuncia alla rete di Autorità per la Tutela dei consumatori (CPC), sostenendo che Meta ha messo in atto pratiche commerciali sleali in diversi modi. A tal proposito Adiconsum ha indirizzato una lettera al CPC italiano e all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

Il BEUC sta anche valutando se Meta stia violando la legge sulla protezione dei dati (il GDPR).

Ecco alcuni dei problemi identificati in base alla legge sulla protezione dei consumatori:

  • Meta sta bloccando parzialmente l’uso di Facebook e Instagram fino a quando gli utenti non avranno scelto l’una o l’altra opzione, il che costituisce una pratica aggressiva ai sensi della legge europea sui consumatori. Attraverso l’insistenza e la creazione di un senso di urgenza, Meta spinge i consumatori a fare una scelta che potrebbero non voler prendere
  • Inoltre, è probabile che molti consumatori pensino che, optando per l’abbonamento a pagamento così come viene presentato, ottengano un’opzione rispettosa della privacy che comporta meno tracciamento e profilazione. In realtà, è probabile che gli utenti continuino a subire la raccolta e l’utilizzo dei loro dati personali, ma per scopi diversi dalla pubblicità
  • Meta fornisce ai consumatori informazioni fuorvianti e incomplete che non consentono loro di fare una scelta consapevole. Meta li inganna presentando la scelta tra un’opzione a pagamento e una “gratuita”, mentre quest’ultima non è “gratuita” perché i consumatori pagano Meta attraverso la fornitura dei loro dati, come già dichiarato da precedenti sentenze
  • Dato il potere di mercato dei servizi Facebook e Instagram di Meta nell’UE e i fortissimi effetti di rete delle piattaforme di social media (considerato che tutti gli amici sono su Facebook e Instagram), i consumatori non hanno una vera scelta, perché se abbandonassero i servizi perderebbero tutti i contatti e le interazioni costruiti nel corso degli anni. Anche i costi di abbonamento molto elevati per i servizi “senza pubblicità” sono un deterrente per i consumatori, che non hanno quindi una vera scelta.
  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Energia: chiesto incontro al Ministro Pichetto-Fratin per Campagna di informazione sul mercato libero.

Energia: chiesto incontro al Ministro Pichetto-Fratin per Campagna di informazione sul mercato libero.

6 Dicembre 2023

A pochi giorni ormai dalla fine del mercato tutelato, si palesa urgentemente la necessità di svolgere immediatamente la Campagna di informazione capillare agli utenti, già indicata dalla Legge del 2017 e sollecitata ripetutamente da Adiconsum e dalle altre Associazioni Consumatori del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU). Ecco perché.

La necessità della Campagna informativa

La Campagna serve per mettere i consumatori al riparo da truffe e speculazioni, ma anche per recuperare tutte quelle misure di accompagnamento e di riordino, affinché la liberalizzazione diventi efficacemente un’opportunità per il mercato a beneficio e non un rischio per gli utenti.

Come più volte abbiamo evidenziato al Governo, serve adottare misure più robuste di accompagnamento al passaggio dal servizio di tutela al mercato libero, che impatterà su un rilevante numero di famiglie, comprese quelle che già ci si trovano oggi, spesso a loro insaputa o avendo subito – così come numerosissime volte abbiamo segnalato dall’Antitrust – delle pressioni commerciali indebite e speculative. Tali misure sono oltremodo necessarie rispetto alle rilevanti modifiche che in questi mesi hanno interessato il settore energetico.

Inoltre, l’introduzione della categoria dei clienti vulnerabili ha generato confusione, soprattutto in considerazione della complessità delle regole circa l’applicazione dei dispositivi di tutela per loro, diversi per il gas e per l’energia elettrica.

Per questo motivo Adiconsum e le altre Associazioni Consumatori del CNCU hanno chiesto un incontro urgente al Ministro Gilberto Pichetto-Fratin.

Le proposte delle Associazioni al Ministro Pichetto-Fratin

Le proposte delle associazioni firmatarie* sono le seguenti:

  • assicurare un’informazione chiara e sintetica sulle regole di condotta e gli obblighi contrattuali degli operatori e sugli strumenti di tutela a disposizione dei consumatori, assicurando il ruolo centrale delle Associazioni Consumatori del CNCU in tutti i territori;
  • allineare la modalità di tutela delle fasce deboli della popolazione e ridefinire le misure e le platee dei beneficiari dei bonus sociali per elettricità e gas, con riguardo anche alla possibile creazione di un Fondo contro la Povertà energetica;
  • modificare l’elenco venditori istituendo un vero Albo vigilato da Arera, per assicurare la qualità del servizio e la correttezza commerciale degli operatori nonché le sanzioni efficaci in caso di violazioni degli obblighi;
  • introdurre nuovi criteri di definizione dei prezzi di riferimento dell’energia e di salvaguardia anti-speculazione, dando pieni poteri all’autorità di determinare tempo per tempo congrui tetti massimi di oscillazione delle tariffe;
  • procedere con la progressiva traslazione alla fiscalità generale degli oneri di sistema impropri e la revisione strutturale del peso delle accise e dell’Iva;
  • intervenire rispetto alla repressione del teleselling e telemarketing aggressivi, principali fonti di attivazione di contratti non richiesti, prevedendo l’obbligo, in capo alle aziende energetiche beneficiarie di tali contratti, di risarcire gli utenti danneggiati, oltre l’applicazione di tutte misure previste nell’art.66 quinques del Codice del Consumo;
  • in coerenza con quanto definito nella sessione programmatica di Genova, sostenere le azioni delle Associazioni Consumatori nel capillare lavoro di informazione sulla disciplina dell’autoconsumo collettivo e delle comunità energetiche alla luce del decreto del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) in fase di pubblicazione.

* Adiconsum, Adoc, Adusbef, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Codici, Confconsumatori, Ctcu, Federconsumatori, LegaConsumatori, MdC, Movimento Consumatori, Udicon

Consumatori Informati, Aziende Sostenibili: Il Ruolo di Adiconsum

4 Dicembre 2023

Negli ultimi anni, si è assistito a un aumento significativo dell’attenzione verso la sostenibilità e la responsabilità sociale d’impresa. I consumatori informati sono diventati una forza trainante nel promuovere cambiamenti positivi nel comportamento delle aziende. In questo articolo, esamineremo il ruolo fondamentale di Adiconsum nell’incoraggiare l’evoluzione verso consumatori informati e aziende sostenibili.

 

Chi Sono i Consumatori Informati? 

I consumatori informati sono individui che cercano attivamente informazioni sulle pratiche aziendali e il loro impatto sociale e ambientale. Sono motivati a prendere decisioni d’acquisto consapevoli e ad appoggiare aziende che dimostrano responsabilità e sostenibilità.

 

L’Importanza dell’Educazione? 

Per diventare consumatori informati, è essenziale l’accesso a informazioni affidabili e all’educazione. Adiconsum gioca un ruolo cruciale nella formazione dei consumatori attraverso workshop, webinar e risorse informative. Questi strumenti consentono alle persone di acquisire conoscenze e competenze per prendere decisioni informate.

 

Il Ruolo Chiave di Adiconsum

Adiconsum svolge un ruolo centrale nel collegamento tra i consumatori informati e le aziende. La sua missione è garantire che le preoccupazioni dei consumatori vengano ascoltate e prese sul serio, spingendo le aziende a diventare più trasparenti e sostenibili.

 

Promuovere l’Etica Commerciale

Una delle principali missioni di Adiconsum è promuovere l’etica commerciale. Questo implica incoraggiare le aziende a ridurre l’impatto ambientale delle loro operazioni, a trattare i dipendenti in modo equo e a fornire informazioni chiare ai consumatori. Un’azienda etica è più attraente per i consumatori informati.

 

La Collaborazione tra Consumatori e Aziende

La collaborazione tra consumatori e aziende è un passo chiave verso un’economia più sostenibile. Adiconsum aiuta a facilitare questa collaborazione, creando un dialogo costruttivo tra le parti interessate. L’obiettivo è incoraggiare le aziende a prendere misure concrete per migliorare la loro responsabilità sociale d’impresa.

 

Il Futuro Sostenibile: Un Impegno Collettivo

I consumatori informati stanno cambiando il modo in cui le aziende operano. Il loro impegno per la sostenibilità è una forza che spinge l’innovazione e l’evoluzione. Adiconsum è un partner fidato in questa missione e continua a svolgere un ruolo chiave nel promuovere l’etica commerciale e la sostenibilità.

 

Come Puoi Contribuire? 

Se sei un consumatore informato, puoi fare la differenza con le tue scelte d’acquisto. Scegli aziende che dimostrano un impegno per la sostenibilità e la responsabilità sociale. Supporta le iniziative di Adiconsum e condividi la tua conoscenza con gli altri.

 

Se Sei un’Azienda, Come Puoi Contribuire? 

Le aziende giocano un ruolo cruciale nell’evoluzione verso la sostenibilità e la responsabilità sociale d’impresa. Ecco alcune azioni concrete che le imprese possono intraprendere per contribuire a un mondo migliore:

 

  • Trasparenza e Rendicontazione: Inizia con la trasparenza. Rendi pubbliche le tue politiche e le pratiche aziendali in materia di sostenibilità e responsabilità sociale. Fornisci report periodici che documentino i tuoi progressi e gli obiettivi futuri. La trasparenza costruisce fiducia tra i consumatori informati.
  • Riduzione dell’Impronta Ambientale: Valuta e riduci l’impatto ambientale delle tue operazioni. Questo può includere misure per l’efficienza energetica, l’adozione di fonti di energia rinnovabile e la gestione sostenibile delle risorse.
  • Responsabilità Sociale: Investi nella responsabilità sociale d’impresa. Questo potrebbe comportare l’adozione di politiche che promuovono la diversità e l’inclusione in azienda, il supporto a iniziative locali e comunitarie o l’assicurazione di condizioni di lavoro eque e sicure per i dipendenti.
  • Prodotti Sostenibili: Sviluppa prodotti sostenibili che riducano al minimo l’uso di risorse e l’impatto ambientale. Comunicare chiaramente le caratteristiche sostenibili dei tuoi prodotti ai consumatori informati.
  • Coinvolgi i Dipendenti: Coinvolgi i tuoi dipendenti nel processo di sostenibilità. Ascolta le loro idee e incoraggia il loro coinvolgimento attivo nella realizzazione di obiettivi aziendali sostenibili.
  • Collabora con Organizzazioni Come Adiconsum: Stabilisci partenariati con organizzazioni come Adiconsum che promuovono la sostenibilità e la responsabilità sociale. La collaborazione con queste organizzazioni può offrire opportunità di apprendimento, assistenza nella comunicazione e supporto nella realizzazione di iniziative sostenibili.
  • Formazione Continua: Investi nella formazione continua dei tuoi dipendenti e dei tuoi dirigenti in materia di sostenibilità e responsabilità sociale. La consapevolezza e la competenza sono fondamentali per guidare il cambiamento.
  • Comunicazione Efficace: Comunica chiaramente il tuo impegno per la sostenibilità e la responsabilità sociale ai tuoi clienti. La comunicazione onesta e trasparente crea una connessione più forte con i consumatori informati.

 

In conclusione, le aziende hanno la possibilità di guidare il cambiamento verso un futuro più sostenibile. Collaborando con organizzazioni come Adiconsum e adottando pratiche aziendali responsabili, è possibile contribuire a un mondo migliore, soddisfacendo al contempo le esigenze dei consumatori informati.

 

Il Messaggio Chiave 

In conclusione, i consumatori informati e le aziende sostenibili sono partner chiave nella costruzione di un futuro migliore. Grazie all’importante lavoro svolto da Adiconsum, stiamo assistendo a cambiamenti positivi e significativi. Ricorda che ogni tua scelta d’acquisto conta!

Luce e gas: cosa cambia nel 2024. Vademecum Adiconsum per i consumatori

1 Dicembre 2023

La fine del mercato tutelato e la completa liberalizzazione del mercato dell’energia è ormai prossima. Le date operative previste dalla legge sono le seguenti: 10 gennaio 2024 per il gas e 1° luglio 2024 per la luce. Abbiamo stilato un Vademecum per spiegare ai circa 10 milioni di consumatori (di cui 4,5 milioni vulnerabili) che cosa succederà al mercato di luce e gas nel 2024.

Per il gas

Ecco che cosa puoi fare:

  • passare alla tariffa offerta dal tuo attuale fornitore nel mercato libero oppure cambiare operatore e stipulare un nuovo contratto
  • se non scegli, automaticamente ti sarà applicata l’Offerta PLACET (Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela) che obbliga tutti i venditori ad avere proposte a prezzi (fissi o variabili) determinati liberamente con condizioni contrattuali decise dall’Arera.

Se invece appartieni ad una delle categorie considerate “vulnerabili” (per condizioni economicamente svantaggiate – Legge n.124/2017, art. 1, comma 75, per disabilità – Legge n. 104/1992, art. 3, per utenze ubicate nelle isole minori non interconnesse, per utenze ubicate in strutture abitative di emergenza per eventi calamitosi, per età superiore ai 75 anni), e non scegli il mercato libero, avrai accesso al Servizio di Tutela della Vulnerabilità dal 1° gennaio 2024.

Per l’energia elettrica

Ecco che cosa puoi fare:

  • passare alla tariffa offerta dal tuo attuale fornitore nel mercato libero oppure cambiare operatore e stipulare un nuovo contratto
  • se non scegli, automaticamente ti sarà applicata l’Offerta STG (Servizio Tutele Graduali) dell’ operatore selezionato tramite aste dall’Arera. In questo caso  i prezzi (fissi o variabili) saranno determinati liberamente dal fornitore con condizioni contrattuali decise dall’Autorità. Tale servizio avrà durata di 3 anni.

Se invece appartieni ad una delle categorie considerate “vulnerabili” (per condizioni economicamente svantaggiate – Legge n.124/2017, art. 1, comma 75, per disabilità – Legge n. 104/1992, art. 3, per utenze ubicate nelle isole minori non interconnesse, per utenze ubicate in strutture abitative di emergenza per eventi calamitosi, per età superiore ai 75 anni), e non scegli il mercato libero, continuerai ad avere la tariffa del Servizio di Maggior Tutela fino a nuove decisioni dell’Arera.

DA SAPERE

  • Sia che scegli liberamente il tuo fornitore del mercato libero sia che ti venga assegnato a seguito di aste, hai sempre la facoltà di cambiare operatore in ogni momento.
  • Hai ricevuto una telefonata commerciale nella quale ti si diceva che in caso di mancata scelta del fornitore del mercato libero, ti avrebbero staccato la luce o il gas? È una FAKE NEWS!

Dal 12 al 14 dicembre torna il Villaggio della Sostenibilità

1 Dicembre 2023

Dal 12 al 14 dicembre torna Il Villaggio della Sostenibilità, il più grande appuntamento dedicato al consumerismo italiano sostenibile.

La seconda edizione de Il Villaggio della Sostenibilità, promosso da Adiconsum, si terrà presso il  Museo delle Ferrovie di Pietrarsa a Portici (Napoli), insieme a Expo Consumatori, promosso da Assoutenti, e al progetto “Ricomincio da tRe”, per la diffusione di modelli di economia circolare, finanziato dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy e condotto da 12 Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge, tra cui Adiconsum. 

 

SEGUI LA DIRETTA STREAMING

 

Durante i 3 giorni si svolgeranno, organizzati dal Villaggio della Sostenibilità e da Expo Consumatori, laboratori e percorsi espositivi sul tema della sostenibilità come ad esempio: l’antro della pirateria e contraffazione, il salvadenaro, il salone del riuso e della moda sostenibile, il circolo dell’energia, oltre a spettacoli ed esibizioni.

SCOPRI IL PROGRAMMA

L’evento quest’anno assume un’importanza ancora più forte, considerata la rilevanza attuale dei temi legati al consumo che stanno dettando l’intera agenda politico-istituzionale nazionale: basti pensare al caro bollette, all’inflazione e alle ripercussioni sull’economia nazionale ed europea. E’ necessario trovare soluzioni efficaci ed indirizzare il cambiamento verso una crescita originale, circolare e felice.

Parleremo quindi di mobilità sostenibile con la presentazione dell’Eco Tour “Ricomincio da tRe”, un tour ecosostenibile con 50 tappe che utilizzerà un Bus della flotta Busitalia alimentato a carburante HVO di Eni e che in ogni tappa scambierà alberi con la plastica recuperata dalle scuole e promuoverà i principi dell’economia circolare alla presenza dei big della politica, del Governo e dell’imprenditoria.

Parleremo di innovazione e digitalizzazione per produrre un’economia capace di riciclare, ridurre lo spreco e indurre al riuso, di sostenibilità energetica e comunità rinnovabili.

Non mancheranno spunti sul Made in Italy e sulle buoni prassi per difendere il mercato e sensibilizzare sui rischi legati alla contraffazione.

 

 

Verrà dato ampio spazio nella terza giornata anche alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica nelle strategie dell’Industria di Marca alimentare e nelle scelte di acquisto dei consumatori. E parleremo infine anche di prevenzione al sovraindebitamento.

 

Per partecipare al Villaggio della Sostenibilità che si terrà il 12,13 e 14 dicembre 2023 presso il Museo Nazionale delle Ferrovie di Pietrarsa a Portici (Napoli) è necessario registrarsi e prenotare gratuitamente i propri biglietti, cliccando qui

Sito www.villaggiodellasostenibilita.it

 

 

Truffe bancarie: un incontro per conoscere come difendersi

28 Novembre 2023

Giovedì 30 novembre 2023, dalle ore 15.00, presso la Sala Vera Nocentini, a Torino in Via Madama Cristina 50, è possibile partecipare all’incontro con la cittadinanza dal titolo “Le truffe con e-banking e carte di credito” promosso da Adiconsum e da FEduF, la Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio.

Il tema dell’incontro è più che mai d’attualità perché purtroppo interessa moltissimi consumatori. L’e-banking e la possibilità di poter pagare con le carte di pagamento rappresentano alcune delle tante opportunità offerte dalla digitalizzazione che ci semplificano la vita, ma che interessano anche i malintenzionati. Nell’ultimo anno sono stati 3,2 milioni gli italiani che hanno subito una truffa vera e propria o un tentativo connessa con la propria carta di credito/debito. Ecco perché è importante parlarne, perché ci permette di poterci difendere e di tutelare i nostri interessi.

Di seguito il Programma

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Fondo Nazionale Reddito Energetico: pubblicato in Gazzetta il decreto di istituzione

Fondo Nazionale Reddito Energetico: pubblicato in Gazzetta il decreto di istituzione

23 Novembre 2023

Un passo avanti nell’istituzione del Fondo Nazionale Reddito Energetico. Il decreto 8 agosto 2023 varato dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica è infatti stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 261 dell’8 novembre scorso. Ricordiamo cos’è e a cosa serve il Fondo.

Che cos’è il Fondo Nazionale Reddito Energetico

È un Fondo da 200 milioni rivolto alle famiglie in disagio economico per la realizzazione di impianti fotovoltaici in assetto di autoconsumo. L’obiettivo del Fondo è duplice:

  • sociale, per sostenere le fasce più indigenti della popolazione
  • ambientale, per promuovere l’utilizzo di energia rinnovabile.

Il criterio ISEE

Il Fondo è rivolto a quelle famiglie con ISEE inferiore a:

  • 15.000 euro
  • 30.000 euro se con almeno 4 figli a carico.

Quali impianti

Gli impianti devono avere una potenza nominale non inferiore a 2 kW e non superiore a 6, o comunque non superiore alla potenza nominale in prelievo sul punto di connessione. Gli impianti vanno realizzati su terreni su cui il consumatore sia titolare di un valido diritto reale.

Adiconsum sulla sicurezza, il risparmio e l’efficienza energetica

Sui temi della sicurezza, dell’innovazione, del risparmio e dell’efficienza energetica, ricordiamo il Tour di Adiconsum e Prosiel “La Casa SI Cura” in giro per l’Italia.

La prossima e ultima tappa dell’edizione 2023 del Tour si terrà a Genova il prossimo lunedì 18 dicembre 2023 con il seguente calendario:

  • ore 9-11 – Convegno aperto al pubblico con ingresso gratuito dal titolo “La Casa si cura: tutto ciò che occorre sapere per una casa sicura che fa risparmiare e rispetta il pianeta” – Palazzo Tursi – Sala Consiliare – Via Garibaldi 9
  • ore 12-18 – Gazebo – Piazza De Ferrari.

Al Gazebo si può richiedere la visita GRATUITA di un tecnico specializzato al proprio impianto elettrico di casa e ricevere informazioni pratiche su come risparmiare energia con le nuove tecnologie (pannelli solari, ricarica auto elettrica, contatori online, ecc.), come adeguare il proprio impianto elettrico se si vogliono introdurre in casa apparati ed elettrodomestici di ultima generazione senza avere brutte sorprese, chiarimenti sulla Direttiva “Case green”. L’intervento GRATUITO del tecnico può essere richiesto anche cliccando qui

L’impegno su questi temi ha portato anche Adiconsum ad aderire come Opinion Leader della campagna nazionale “Italia in Classe A” promossa dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica realizzata da ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile).

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Parità di genere: online i risultati del Sondaggio Adiconsum “Give me 5 for Gender Equality” in collaborazione con UniCredit

Parità di genere: online i risultati del Sondaggio Adiconsum “Give me 5 for Gender Equality” in collaborazione con UniCredit

20 Novembre 2023

Negli ultimi anni, il tema della parità di genere, che include il contrasto alle violenze di genere come femminicidi e spose-bambine, la difesa di diritti riguardanti il lavoro e la parità salariale, è diventato di grande attualità non solo perché rappresenta un diritto fondamentale, ma anche perché è stato inserito come quinto tra i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU per costruire un mondo pacifico, prosperoso e sostenibile. Inoltre, il Nobel per l’Economia 2023 è stato assegnato alla prof.ssa Claudia Goldin per il suo studio sul gender gap nell’ambito lavorativo con la motivazione di aver “migliorato la nostra comprensione sugli esiti del mercato del lavoro femminile”. Vediamo a che punto siamo anche grazie al Sondaggio realizzato da Adiconsum per il progetto “Give me 5 for Gender Equality” in collaborazione con UniCredit.

Il Global Gender Gap  e il Gender Equality Index

Nonostante le numerose iniziative e studi per promuovere la gender equality siamo ben lontani dal suo raggiungimento. La Commissione europea, ad esempio, ha rivelato che, ad oggi, nessuno Stato membro ha realizzato la parità tra uomini e donne: i progressi sono lenti e i divari di genere persistono nel mondo del lavoro e a livello di retribuzioni, assistenza e pensioni, nelle posizioni dirigenziali e nella partecipazione alla vita politica e istituzionale. Il divario si riscontra principalmente nell’ambito del lavoro: in Europa, le donne occupate sono il 69,3%, 10,7 punti percentuali in meno rispetto a quello degli uomini.

Per monitorare la situazione sono stati creati degli indici quali il Global Gender Gap Index e il Gender Equality Index.

Secondo il Global Gender Gap Index 2023, il ranking dell’Italia occupa il 79° posto del ranking e nessun Paese raggiunge la piena parità di genere.

Lo scorso 24 ottobre, l’European Institute for Gender Equality (EIGE) ha reso noto il Gender Equality Index 2023, un indice introdotto dieci anni fa considerato tutt’oggi uno degli indicatori più attendibili in tema di uguaglianza di genere nell’UE.

Quest’anno il punteggio complessivo a livello europeo è pari a 70,2 su 100, registrando il maggiore incremento annuale mai raggiunto.

Tuttavia i progressi sono lenti ed eterogenei. Solo la Svezia, che comprende solo il 2% della popolazione dell’UE, si avvicina significativamente all’obiettivo di parità di genere. Paesi come Italia, Portogallo e Malta, pur avendo registrato miglioramenti significativi negli ultimi 10 anni, rimangono distanti dalla media UE. Ricordiamo, inoltre, che occorre analizzare i dati con attenzione, ad esempio, la riduzione del divario di genere nelle attività di cura non retribuita appare dovuta non tanto ad un aumento del numero di uomini che svolgono questa attività, ma alla diminuzione del lavoro svolto dalle donne. Nel settore politico e aziendale, il numero di donne nei parlamenti e nei consigli di amministrazione, grazie anche ad atti legislativi come le quote rosa, per la prima volta in 10 anni ha raggiunto il 33%. Tuttavia, c’è bisogno di ulteriori interventi mirati per accelerare il progresso.

Il progetto “Give me 5 for Gender Equality”

Da tempo Adiconsum sta conducendo Campagne di sensibilizzazione rivolte ai cittadini-consumatori per accrescere la loro consapevolezza in merito agli obiettivi dell’Agenda 2030 e far comprendere loro come ciascuno di noi possa contribuire, con i propri comportamenti quotidiani, al loro raggiungimento.

Con il progetto “Give me 5 for Gender Equality”, realizzato in collaborazione con UniCredit, nell’ambito del programma “Noi&UniCredit”*, Adiconsum ha inteso porre l’attenzione sulla parità di genere lanciando un Sondaggio volto ad indagare la percezione di consumatori e consumatrici sul tema.

Dopo ben 29.292 visualizzazioni e 51 condivisioni, sono stati oltre 540 gli italiani che hanno partecipato al Sondaggio.

Ecco che cosa è emerso:

  • per il 77% dei partecipanti il termine “parità di genere” è associato alla parità salariale e alla rappresentatività femminile nei ruoli chiave di enti e aziende
  • la maggior parte degli intervistati è a conoscenza del fatto che esistono discriminazioni di prezzo in base al genere e le valutano negativamente
  • quasi il 40% ritiene che l’IVA su tamponi e altri prodotti di igiene intima non dovrebbe esistere e solo il 21% sa che, ad oggi, a quanto ammonta al 5%
  • il 64% dei partecipanti ritiene che nel nostro Paese il tema sia poco sentito da chi se ne dovrebbe occupare e una quota non esigua (8%) ammette di non preoccuparsene, a dimostrazione di quanto ci sia ancora molto da fare sul fronte della consapevolezza dei cittadini-consumatori in tema di parità di genere
  • il 64% degli intervistati afferma di non essere in grado di individuare quali siano le imprese più attive nell’attuare politiche di parità di genere, ma che sarebbero interessati a saperlo indicando l’utilizzo di un marchio di sostenibilità riconosciuto a livello mondiale come il metodo migliore per informare i cittadini-consumatori
  • secondo la maggior parte dei partecipanti (56%) le donne sono quasi sempre sottorappresentate nel mondo del lavoro ed in particolare nei settori edilizio, finanziario-bancario e politico.

Al termine del Sondaggio ai partecipanti è stato indicato un profilo rappresentativo del loro rapporto/interesse per il tema della gender equality.

Il 42% dei partecipanti si è identificato con il profilo dello scienziatǝ, per il quale la parità di genere è una scelta razionale che parte da dati e informazioni certe e complete.
Seguono artistǝ e samuraǝ. Esiguo il numero degli ignavǝ.

 

Per saperne di più scarica il Report integrale

 

* Programma di partnership tra UniCredit e le Associazioni consumatori di rilevanza nazionale, tra cui Adiconsum, attivo dal 2005.

 

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Isybank: al via nuova procedura di adesione grazie ad Adiconsum e altre Associazioni. Più tutele per i correntisti

Isybank: al via nuova procedura di adesione grazie ad Adiconsum e altre Associazioni. Più tutele per i correntisti

15 Novembre 2023

Buone notizie per i correntisti di Intesa Sanpaolo che si erano visti trasferire a Isybank, la nuova banca digitale destinata ai 4 milioni di clienti, fruitori prevalentemente digitali dei servizi bancari. Grazie, infatti, al continuo e serrato confronto di ADICONSUM e delle altre Associazioni Consumatori riconosciute dalla legge con Intesa Sanpaolo, nei giorni scorsi è stata completamente rimodulata la procedura di adesione al nuovo istituto bancario. Vediamo nel dettaglio.

I criteri di scelta per il trasferimento da Intesa Sanpaolo a Isibank

Per il trasferimento ad Isibank, Intesa Sanpaolo aveva scelto correntisti con le seguenti caratteristiche:

  • nessun accesso in filiale da almeno 1 anno
  • under 65
  • nessun deposito titoli
  • nessun presti in essere (né credito al consumo né mutui).

Le richieste di Adiconsum e la nuova procedura di adesione

Dal confronto è emerso il diritto del correntista di non aderire a Isybank. Adiconsum ha chiesto:

  • superamento del silenzio/assenso
  • ampliamento dei termini della rinuncia dal 30 settembre 2023 al 29 febbraio 2024
  • avvio di una capillare informazione a tutta la clientela attraverso più canali (comunicati stampa, comunicazioni a pagamento sui quotidiani, alert sull’home banking, informazioni sui canali tv e radio, ecc.)
  • piena funzionalità di tutti i servizi di Intesa Sanpaolo anche con Isybank.

IMPORTANTE: per dubbi e chiarimenti e per ricevere adeguata assistenza, contattare le sedi territoriali Adiconsum.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Sostenibilità Integrale: al via i Focus group. Partecipa anche tu. Sii protagonista del cambiamento!

Sostenibilità Integrale: al via i Focus group. Partecipa anche tu. Sii protagonista del cambiamento!

14 Novembre 2023

Stiamo vivendo un periodo di grandi trasformazioni che richiedono nuovi stili di vita e nuovi comportamenti nella vita di tutti i giorni, a cominciare da ciò che consumiamo o meglio da ciò che acquistiamo. Adiconsum è impegnata da anni a promuovere uno sviluppo sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale. Un traguardo che ha bisogno del contributo di tutti. Adiconsum, insieme a Next Nuova Economia per Tutti, sta organizzando, nell’ambito della ricerca scientifica “Gli indicatori che servono al cambio dell’economia” per la Fondazione Unipolis, dei Focus Group con la partecipazione  di cittadini-consumatori per conoscere, attraverso la loro esperienza di acquisto presso i negozi della grande distribuzione organizzata (supermercati, ipermercati, grandi magazzino, ecc.) e/o online, quali potrebbero essere i cambiamenti da apportare per una nuova economia basata non sul profitto com’è sempre stato fino ad ora, ma sul raggiungimento del benessere della persona, della collettività e dell’ambiente.

Se sei stanco di questa economia basata sempre e solo sul profitto
e poco sul benessere della persona, della collettività e dell’ambiente,
partecipa ai Focus Group!
Offri il tuo contributo al cambiamento per una nuova economia!

Compila il Form

 


 

 

Inserisci un tuo recapito telefonico
Inserisci la tua email

 


I Focus group: modalità di svolgimento 

Tutti i Focus group si svolgeranno online. Una volta compilato il form di registrazione e raggiunta la quota di 6 consumatori per ogni singola data dei focus group, verrà inviato un link per poi partecipare nel giorno prescelto.

Tutti i Focus group saranno registrati solo per riascoltarli e cogliere tutti gli spunti emersi.

I Focus group: il calendario

  • 2 Focus group riguarderanno gli acquisti fatti presso la Grande Distribuzione Organizzata (supermercati, ipermercati, discount, grandi magazzini)
  • 3 Focus group si focalizzeranno sugli acquisti online.

Di seguito il calendario:

Effettuate

  • 20 novembre 17.00-18.00 (GDO-SUPERMERCATO
  • 22 novembre 17.00-18.00 (e-commerce)
  • 24 novembre 17.00-18.00 (e-commerce)
  • 27 novembre 17.00-18.00 (e-commerce)
  • 28 novembre 17.00-18.00 (GDO-SUPERMERCATO)

Da effettuare (iscrizione tramite il form in alto)

  • 5 dicembre 17.00-18.00 (e-commerce)

I Focus Group: domande tipo

Ecco alcuni esempi delle domande che potranno essere saranno oggetto dei Focus group:

  • Quali sono, secondo te, le caratteristiche del consumo responsabile?
  • Quali sono, secondo te – al di là del prezzo -, le difficoltà/gli ostacoli per compiere scelte di consumo responsabile?
  • Quali sono, secondo te, gli incentivi dei quali avresti bisogno per cambiare/rafforzare le tue scelte di consumo responsabile?

XXI Sessione Programmatica CNCU a Genova: Adiconsum presente!

10 Novembre 2023

Si è tenuta a Genova dall’8 al 9 novembre scorso, la XXI Sessione Programmatica del CNCU, il Consiglio Nazionale dei Consumatori e Utenti con sede presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy che raggruppa tutte le Associazioni Consumatori di carattere nazionale riconosciute dalla legge, di cui fa Parte anche Adiconsum. Il titolo scelto per questa XXI Sessione è stato “L’Italia che cambia: tutelare di più e meglio consumatori e utenti”. Ecco il nostro intervento.

Intervento di Adiconsum alla XXI Sessione Programmatica del CNCU

La situazione di emergenza sociale, aggravata dalla Pandemia, dal conflitto Russia/Ucraina e, da ultimo, il conflitto politico israelo-palestinese, impone a noi Associazioni un impegno ancora maggiore nell’interesse dei Cittadini-Consumatori, valorizzando l’azione comune, come abbiamo dimostrato sui temi della crisi energetica, del rincaro dei carburanti e dei riflessi inflattivi sul caro vita.  

Questa celebrazione della XXI Sessione Programmatica del CNCU a Genova, deve rappresentare per noi tutti non solo un momento formale, ma una svolta, perché nel contesto che viviamo ancora di più c’è bisogno di unitarietà di intenti e di azione incisiva.

Entrando nel vivo del tema della giornata, il cambiamento climatico e la conseguente transizione energetica in atto – non adeguatamente governata – stanno mettendo in ginocchio l’economia del nostro Paese, il più debole sul versante energetico, per le mancate scelte politiche e per le speculazioni sui prezzi delle fonti primarie a livello internazionale, che si ripercuotono sulle spalle dei cittadini-consumatori e sulle imprese.

Nonostante siano passati quasi 25 anni dalla liberalizzazione del settore elettrico e quasi 15 dalla liberalizzazione del mercato, ci troviamo, infatti, nel bel mezzo di una transizione energetica, in stallo per mancanza di una precisa strategia energetico-ambientale.

Una transizione che porterà dei cambiamenti epocali, in quanto la crescita delle energie rinnovabili, la diffusione dell’autoproduzione e della generazione distribuita e condivisa, accompagnata dall’utilizzo di sistemi di storage in larga scala, comporterà il cambiamento dei modelli produttivi, distributivi e di consumo, e per questo va accompagnata con interventi concreti, affinché si concluda con successo, con il miglioramento delle condizioni per i Cittadini-Consumatori, le Imprese e il Paese.

Tra gli interventi da mettere in atto, occorre, prima di tutto, rimodulare i costi dell’energia.

Il modo più efficace per contenere il costo dell’energia e il risparmio sulle bollette è andare in autoproduzione (individuale o collettiva).

In questo quadro, il consumatore è chiamato ad un nuovo modello di produzione e di consumo dell’energia. Grazie all’impiego di sistemi di generazione, accumulo e autoconsumo di energia elettrica da fonti rinnovabili, da consumatore si trasformerà in prosumer, cioè in un produttore-distributore-venditore.

Il prosumer è il modello teorico ideale sul quale orientare la promozione delle nuove forme di produzione di energia, non solo per le proprie necessità domestiche, ma anche per la mobilità (con la ricarica delle autovetture elettriche) e per l’offerta di servizi alla rete di distribuzione.

L’ulteriore passo verso un altro modello di consumo di energia è dato dall’associazione dei prosumer per la costituzione delle Comunità energetiche che possono diventare il vero veicolo della socializzazione di energia, finalizzata alla sostenibilità e a contenere i costi in bolletta, sia su larga che su piccola scala, ad esempio negli edifici condominiali o nei piccoli Comuni, in grado di cedere e vendere l’energia in eccesso.

Le Comunità energetiche producendo l’energia da fonti rinnovabili aiutano il processo di transizione energetica ed ecologica, risparmiano sulla bolletta, perché non sono più soggette alla volatilità dei mercati energetici e rappresentano anche un valido strumento di aiuto per i vulnerabili e le famiglie in povertà energetica.

L’importanza e la necessità dello sviluppo e della diffusione delle comunità energetiche è stata oggetto della Direttiva europea 2018/2001, recepita dal nostro Paese con il Decreto legislativo 199/2021. Tra l’altro, alla realizzazione di dette Comunità sono stati dedicati 2,2 miliardi del PNRR, che però sono fermi in mancanza dei decreti attuativi, in corso di emanazione.

Con questa Assemblea Programmatica quali obiettivi ci dobbiamo proporre:

  • dimostrare l’inderogabile necessità delle Comunità energetiche; sbloccare l’emissione dei decreti attuativi per gli incentivi, utilizzando i 2,2 Mld delle risorse del PNRR;
  • candidarci come Associazioni Consumatori del CNCU, ad una vasta campagna di informazione/formazione;
  • strutturare a sostegno degli Enti locali, ma anche alla gestione delle controversie, un nuovo modello di rappresentanza dei prosumers;
  • fare la proposta di un protocollo/convenzione tra il MASE e il CNCU per assegnare un ruolo agito alle Associazioni Consumatori per lo sviluppo delle Comunità energetiche;
  • prevedere, per coloro che vivono in povertà energetica, in alternativa al bonus, interventi di efficienza energetica e, ove possibile, impianti di energia rinnovabile.

Al via le accensioni dei riscaldamenti: ecco il calendario 2023/2024

10 Novembre 2023

Sebbene le prime accensioni dei riscaldamenti siano già partite ad ottobre, è vero che è nel mese di novembre, e ancor più in quello di dicembre, che si comincia a far sentire il cambio di temperature. Vediamo quindi per quali periodi e per quanto si possono accendere i riscaldamenti, senza non aver fatto però prima una premessa: ricordiamo, infatti, che il rispetto del calendario riguarda i riscaldamenti centralizzati dei condomini e che non sono tenuti alla sua osservanza i consumatori che invece riscaldano la propria casa con le caldaiette autonome o le pompe di calore. In questi casi è il consumatore che decide liberamente quando accenderli o meno.

 

IMPORTANTE: Anche per i riscaldamenti centralizzati dei condomini esistono comunque deroghe alle indicazioni contenute nella tabella. Sebbene, infatti, la durata e la data di accensione dipendano dalla zona climatica assegnata ai Comuni, i sindaci hanno la facoltà di estenderla o ridurla con apposita ordinanza. Inoltre, gli amministratori di condominio possono decidere di accenderli o spegnerli nei mesi non regolari, ma per un massimo di 7 ore al giorno.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Fondo Indennizzo Risparmiatori: al via i rimborsi integrativi del 10% per 140mila risparmiatori. L’ulteriore richiesta di Adiconsum

Fondo Indennizzo Risparmiatori: al via i rimborsi integrativi del 10% per 140mila risparmiatori. L’ulteriore richiesta di Adiconsum

10 Novembre 2023

Al via i rimborsi integrativi del 10% per 140mila risparmiatori coinvolti nel default delle 4 banche ed ex popolari venete, oltre a quanto già ottenuto con il rimborso del 30%. Vediamo nel dettaglio.

Al via i rimborsi integrativi

Da lunedì 13 novembre 2023, gli oltre 140.000 risparmiatori coinvolti nel default delle 4 banche e delle banche venete, inizieranno a ricevere l’indennizzo integrativo del 10%, oltre a quanto già ottenuto con il rimborso del 30%, calcolato sul valore di acquisto dei titoli, per un totale di circa 300 milioni di euro. L’accredito avverrà per automatismo da parte della Consap SpA, la Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici, la quale ha iniziato a disporre il pagamento degli indennizzi a seguito delle verifiche preliminari disposte dalla Commissione Tecnica nominata dal MEF, protrattesi sino al 31 ottobre scorso.

L’ulteriore richiesta di Adiconsum

Dopo questa assegnazione, poiché il Fondo Indennizzo Risparmiatori dovrebbe avere ancora una disponibilità pari a 500 milioni di euro, Adiconsum chiede che possano beneficiare di questa somma quei risparmiatori le cui richieste sono state rigettate dalla Consap a causa di errori nella documentazione.

Il massimale di rimborso previsto per ciascun risparmiatore è di 100mila euro, ma i soggetti che superano la somma non sono numerosi.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • DL Concorrenza: Adiconsum preoccupata per emendamento sul divieto di offerte telefoniche differenziate

DL Concorrenza: Adiconsum preoccupata per emendamento sul divieto di offerte telefoniche differenziate

9 Novembre 2023

Nell’apprendere di un emendamento apparso nel DL Concorrenza in via di approvazione in questi giorni, Adiconsum ha espresso in un comunicato stampa la sua preoccupazione sui risvolti di tale norma. Mentre infatti, solo pochi mesi fa avevamo accolto favorevolmente il decreto legge varato dal Governo contenente misure urgenti di finanziamento di investimenti di carattere strategico sul settore delle telecomunicazioni e sull’ingresso del Ministero delle Finanze e dell’Economia nell’operazione NetCo, perché finalmente si prendeva in esame il ripristino di un asset così strategico come quello delle telecomunicazioni, volano per l’occupazione, l’innovazione, la digitalizzazione, e quindi per lo sviluppo e la crescita del Paese per portarlo a livello degli altri Paesi, l’emendamento sul divieto di formulare offerte differenziate per consumatori provenienti da operatori telefonici low-cost fa fare un passo indietro.

Premesso che le offerte differenziate per alcune categorie di consumatori sono una prassi consolidata già da tempo in altri settori strategici del Paese (v. abbonamenti piattaforme televisive, energia, ecc.), tale emendamento, a nostro parere, nello specifico, porterebbe ad una diminuzione della concorrenza e ad un abbassamento dei costi, con una riduzione dei margini di guadagno che impedirebbe alle compagnie di procedere a quegli investimenti necessari per il miglioramento della rete, ancora purtroppo deficitaria in molte aree, rallenterebbe lo sviluppo del 5G e il processo di digitalizzazione di cui ha tanto bisogno il sistema Italia. Tutto ciò con evidenti ripercussioni negative sull’occupazione e sui cittadini-consumatori.

Novembre: tutte le date da ricordare

7 Novembre 2023

Le scadenze di questo mese di novembre hanno un sapore invernale, perché le date da ricordare sono per la massima parte relative all’accensione dei riscaldamenti e all’adeguamento dei veicoli per viaggi su strade a rischio neve. Ma vediamo quali altri scadenze ci riserva questo penultimo mese dell’anno 2023.

1° novembre 2023

2 novembre 2023

  • Giorno di pagamento delle pensioni per i correntisti con accredito postale o bancario. Il ritiro della pensione in contanti è consentita presso gli uffici di Poste italiane in base ad un preciso calendario

6 novembre 2023

  • Pagamento della prima o unica rata della rottamazione-quater

13 novembre 2023

15 novembre 2023

30 novembre 2023

  • Ultimo giorno per il pagamento della seconda rata della rottamazione-quater.

Adiconsum aderisce come Opinion Leader alla Campagna “Italia in Classe A”

7 Novembre 2023

Adiconsum ha siglato con ENEA, l’Agenzia Nazionale per l’Efficienza Energetica, l’Accordo di Opinion Leader della Campagna nazionale “Italia in Classe A”. Vediamo di che si tratta.

Che cos’è la Campagna “Italia in Classe A”

“Italia in Classe A” è una Campagna nazionale di Formazione e Informazione sull’efficienza energetica promossa dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica realizzata da ENEA.

Chi sono gli Opinion Leader

Sono istituzioni, associazioni, imprese e soggetti riconosciuti per la loro autorevolezza sulla base di parametri certi e verificabili, come ad esempio il numero di clienti/utenti/associati e l’impegno profuso sui temi della sicurezza, dell’ambiente e della sostenibilità sociale. Gli Opinion Leader rappresentano una delle principali linee di attività della Campagna “Italia in Classe A”.

Adiconsum è Opinion Leader di “Italia in Classe A”

La richiesta presentata da Adiconsum per diventare Opinion Leader della Campagna è stata accolta e annunciamo con piacere che lo scorso 3 novembre, alla presenza della Direttrice del Dipartimento Unità per l’Efficienza Energetica di Enea, dott.ssa Ilaria Bertini, della Segretaria generale della FIR Cisl, Raffaella Galasso, il Presidente di Adiconsum nazionale, Carlo De Masi, ha sottoscritto l’Accordo di adesione e collaborazione alla Campagna nazionale “Italia in Classe A”.

Nello specifico, Adiconsum promuoverà l’efficienza energetica all’interno delle attività previste nei suoi progetti, tra i quali “La Casa SI Cura” e “Together2Green”.

 

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Trasferimento clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank: Antitrust apre un’istruttoria

Trasferimento clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank: Antitrust apre un’istruttoria

7 Novembre 2023

Le problematiche relative al trasferimento di centinaia di migliaia di correntisti di Intesa Sanpaolo alla nuova banca digitale del gruppo, denominata Isybank, da noi subito denunciate, non sono passate inosservate all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che ha aperto nei giorni scorsi un’istruttoria in merito. Vediamo che cosa sta succedendo.

Le motivazioni dell’Antitrust

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in un comunicato fa sapere che sono state circa 2.000 le segnalazioni pervenute alla sua attenzione relativamente al trasferimento di numerosi correntisti da Intesa Sanpaolo a Isybank, la nuova banca digitale del Gruppo.

L’Antitrust ha avviato un’istruttoria in merito alle modalità con cui le due società hanno comunicato e realizzato il trasferimento.

Ad avviso dell’Autorità infatti la comunicazione inviata ai risparmiatori “appare ambigua e diffusa con modalità che non sembrano coerenti con l’importanza della questione trattata”. Inoltre, il trasferimento comporta anche importanti modifiche.

La posizione di Adiconsum

Per Adiconsum è necessario:

  • riaprire i termini di rinuncia all’adesione alla nuova banca da parte del cliente invertendo il criterio del “silenzio/assenso”
  • assicurare, a chi trasmigra a Isybank, la piena funzionalità di tutti i servizi già garantiti da Intesa Sanpaolo, non ultima la possibilità di rivolgersi a sportelli fisici e non solo ad un operatore completamente digitale con cui si potrà interagire soltanto attraverso smartphone e non anche tramite browser del proprio personal computer come invece avveniva con Intesa Sanpaolo.

Mancano poi alcune funzionalità e servizi (ad esempio, le cosiddette carte virtuali) presenti in Intesa Sanpaolo e assenti in Isybank e ciò potrebbe comportare, almeno per alcuni correntisti, un aumento dei costi di tenuta del conto.

La richiesta di Adiconsum

Pertanto, Adiconsum chiede a Intesa Sanpaolo e a Isybank la convocazione immediata di un tavolo con le Associazioni Consumatori per valutare e confrontarsi sugli impatti per la clientela della banca digitale e trovare insieme la strada per fornire ai risparmiatori informazioni chiare e fluide per renderli consapevoli di tale cambiamento.

Polizze vita ex Eurovita: Adiconsum consiglia cautela nei riscatti

6 Novembre 2023

Dal 2 novembre 2023 è terminato il blocco dei riscatti di chi ha sottoscritto le polizze Eurovita, oggi CRONOS VITA, ed è quindi possibile richiederne la liquidazione. A questo proposito sono state tantissime le richieste di informazioni pervenute agli sportelli territoriali Adiconsum da parte dei risparmiatori. Ecco che cosa c’è da sapere.

Da Eurovita a Cronos Vita

A seguito delle difficoltà incontrate dalla Compagnia assicurativa Eurovita, grazie ad un’azione di salvataggio coordinata dall’Ivass, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, è stata costituita una nuova società, denominata Cronos Vita, partecipata dalle cinque compagnie primarie del settore assicurativo: Generali Italia, Intesa Sanpaolo Vita, Poste Vita, Unipol SAI e da Allianz, in cui sono stati fatti confluire tutti i clienti di Eurovita, mantenendo le prospettive e le garanzie precedentemente sottoscritte per i propri investimenti senza alcuna modifica contrattuale. In un secondo tempo, il portafoglio clienti sarà suddiviso tra le Compagnie che partecipano al capitale della società.

I riscatti

Con la costituzione di Cronos Vita, dal 2 novembre scorso, i possessori possono richiedere il riscatto della propria polizza scaricando la modulistica dal sito di Cronos Vita.

Il consiglio di Adiconsum

Sul tema dei riscatti Adiconsum consiglia ai risparmiatori di procedere con molta cautela per evitare perdite di capitale dovute all’aumento dei tassi ed all’andamento degli investimenti sottostanti e ritiene che le situazioni vadano valutate caso per caso.

A tal proposito, Adiconsum invita i consumatori interessati a rivolgersi ai propri sportelli territoriali per ricevere l’adeguata assistenza.

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Stakeholder Engagement: Come Adiconsum Contribuisce alla Responsabilità Aziendale

Stakeholder Engagement: Come Adiconsum Contribuisce alla Responsabilità Aziendale

6 Novembre 2023

L’engagement degli stakeholder è diventato un elemento chiave nella gestione aziendale moderna. Le aziende si rendono sempre di più conto dell’importanza di coinvolgere le diverse parti interessate, compresi clienti, dipendenti, fornitori, azionisti e comunità locali, nella formulazione delle strategie e delle politiche aziendali. In questo articolo, esamineremo il concetto di stakeholder engagement e come Adiconsum contribuisce alla strategia aziendale, promuovendo una collaborazione efficace tra le imprese e le comunità con cui interagiscono.

 

La Crescente Importanza dello Stakeholder Engagement

Nel contesto aziendale attuale, il coinvolgimento degli stakeholder rappresenta una tappa cruciale verso la costruzione di una reputazione positiva, il mantenimento della fiducia del cliente e la gestione dei rischi. Le aspettative nei confronti delle imprese stanno cambiando, e la società richiede maggiore trasparenza, responsabilità e impegno nei confronti delle preoccupazioni sociali e ambientali.

Il coinvolgimento degli stakeholder non riguarda solo la comunicazione unidirezionale con le parti interessate, ma implica anche l’ascolto delle loro opinioni, la presa in considerazione delle loro preoccupazioni e l’integrazione di queste informazioni nelle decisioni aziendali. Questa pratica è essenziale per la sostenibilità a lungo termine delle imprese e per il raggiungimento degli obiettivi di responsabilità aziendale. Lo stakeholder engagement se ben attuato conferisce autorevolezza al percorso e alla strategia  di sostenibilità aziendale

 

Adiconsum e il Coinvolgimento degli Stakeholder

Adiconsum è un’organizzazione che mette al centro il coinvolgimento degli stakeholder come elemento fondamentale della sua missione e delle attività che svolge. Ecco come Adiconsum contribuisce alla responsabilità aziendale attraverso l’engagement degli stakeholder:

 

  1. Dialogo Aperto con i Consumatori

Adiconsum promuove il dialogo aperto con i consumatori, incoraggiandoli a condividere le loro opinioni e preoccupazioni sulle pratiche aziendali. Questo feedback è fondamentale per le imprese che vogliono migliorare i propri prodotti e servizi in linea con le esigenze dei consumatori. L’associazione agisce come mediatore tra le aziende e i consumatori, facilitando la comunicazione e promuovendo la trasparenza.

 

  1. Coinvolgimento Attivo delle PMI

Adiconsum coinvolge attivamente le piccole e medie imprese nel processo di adozione di pratiche sostenibili. Offre programmi di formazione e consulenza per aiutare le PMI a comprendere le sfide legate alla sostenibilità e a sviluppare strategie mirate. In questo modo, l’associazione favorisce la collaborazione tra le aziende e le comunità in cui operano.

 

  1. Advocacy per la Responsabilità Aziendale

Adiconsum svolge un ruolo di advocacy, promuovendo normative e standard sostenibili. L’associazione lavora a stretto contatto con le istituzioni, cercando di influenzare le politiche pubbliche nell’interesse generale e per sostenere il coinvolgimento degli stakeholder nel promuovere la sostenibilità aziendale.

 

Come l’Engagement degli Stakeholder porta beneficio alle Aziende. 

L’engagement degli stakeholder comporta una serie di benefici significativi per le aziende:

  1. Miglioramento della Reputazione

Coinvolgere gli stakeholder e rispondere alle loro preoccupazioni può migliorare la reputazione dell’azienda, aumentando la fiducia dei clienti e la lealtà verso il brand. I portatori di interesse avranno modo di esprimere le loro osservazioni sulle priorità delle tematiche di sostenibilità

  1. Identificazione di Opportunità

L’ascolto attivo degli stakeholder può portare all’identificazione di nuove opportunità di mercato e di miglioramento dei prodotti o servizi. 

  1. Riduzione dei Rischi

Il coinvolgimento degli stakeholder consente alle aziende di identificare i rischi in modo tempestivo, evitando potenziali crisi o controversie.

  1. Conformità Normativa

Coinvolgere gli stakeholder aiuta le aziende a conformarsi alle normative ambientali, sociali ed etiche in modo proattivo.

 

Conclusioni

L’engagement degli stakeholder è un elemento chiave nella gestione aziendale moderna, e le aziende che collaborano attivamente con le parti interessate sono meglio posizionate per affrontare le sfide e cogliere le opportunità legate alla responsabilità aziendale. Adiconsum svolge un ruolo cruciale nel promuovere il coinvolgimento degli stakeholder, supportando le imprese nella costruzione di relazioni positive con i consumatori, le comunità e altre parti interessate. L’associazione contribuisce in modo significativo alla promozione della sostenibilità aziendale e all’adozione di pratiche responsabili. Investire nell’engagement degli stakeholder attraverso il supporto di organizzazioni come Adiconsum è un passo fondamentale verso un futuro aziendale sostenibile e di successo.

 

Adiconsum: Il Partner Chiave per la Sostenibilità delle PMI

6 Novembre 2023

Adiconsum svolge un ruolo cruciale nel garantire che i diritti dei consumatori siano compatibili con l’obiettivo di preservare l’ambiente e promuovere modelli di consumo più responsabile e sostenibile.
Adiconsum si presenta come un partner chiave per le PMI che desiderano intraprendere un percorso di sostenibilità. Questa associazione è dedicata a promuovere una visione responsabile e sostenibile del consumo e dell’impresa, e offre un ampio ventaglio di servizi per supportare le aziende in questo processo.
Adiconsum è in grado di fornire dati e tendenze basandosi sull’osservatorio permanente delle loro attività quotidiane e sulla capacità di interpretare le attese dei consumatori in questo ambito.

 

Consulenza Specializzata: Adiconsum dispone di esperti nella gestione della sostenibilità e può offrire consulenza specifica alle PMI. Questo supporto può aiutare le aziende a valutare il proprio impatto ambientale, sociale ed economico e a sviluppare piani d’azione mirati.

Formazione e Sensibilizzazione: l’associazione offre programmi di formazione e sensibilizzazione per educare il personale delle PMI sulla sostenibilità e su come integrarla nelle operazioni quotidiane.

Certificazioni e Marchi di Qualità: Adiconsum può aiutare le aziende a ottenere certificazioni e marchi di qualità legati alla sostenibilità. Questi riconoscimenti possono aumentare la fiducia dei consumatori e l’attrattiva dei prodotti o servizi.

Accesso a Rete e Best Practice: Adiconsum mette le PMI in contatto con altre aziende che hanno già intrapreso percorsi di sostenibilità con successo. Questa condivisione di esperienze e best practice è preziosa per l’apprendimento e l’ispirazione.

 

Conclusioni

La sostenibilità è diventata una priorità strategica per le PMI in tutto il mondo. Affrontare le sfide e cogliere le opportunità legate alla sostenibilità richiede l’impegno delle aziende e il supporto di partner esperti come Adiconsum.

Le aspettative dei consumatori in crescita riguardo alla sostenibilità non possono essere ignorate. Le aziende che abbracciano la sostenibilità possono migliorare la propria posizione sul mercato, ridurre i rischi e contribuire a un futuro migliore per l’ambiente e la società.

Adiconsum è il partner ideale per le PMI che vogliono iniziare o rafforzare il proprio percorso di sostenibilità. La collaborazione con questa associazione offre l’opportunità di avere sempre ben presente le attese dei consumatori attuali e futuri. La collaborazione garantirà l’accesso a risorse preziose e l’opportunità di crescere in un mondo sempre più orientato alla sostenibilità vera e autentica. Investire nella sostenibilità è investire nel successo a lungo termine delle PMI e nella costruzione di un futuro sostenibile per tutti: aziende e consumatori.

IX tappa: il Tour “La Casa SI Cura” arriva a Macerata

19 Ottobre 2023

Vivere in una casa sicura e al tempo stesso confortevole ed efficiente, e, perché no, con un occhio anche al risparmio in bolletta, è l’obiettivo del Tour “La Casa SI Cura” dell’omonimo progetto di Adiconsum e Prosiel alla sua seconda edizione e alla sua IX tappa del 2023. Scopriamo dove.

IX tappa del Tour “La Casa SI Cura”: Macerata

Sarà Macerata la nona tappa del Tour “La Casa SI Cura”, che è anche la quarta tappa del mese di ottobre dopo quelle di Udine, Pisa e Cesena.

Il Convegno a Macerata*

Il Convegno dal titolo La Casa si cura: tutto ciò che occorre sapere per una casa sicura che fa risparmiare e rispetta il pianeta” è aperto al pubblico e si terrà venerdì 27 ottobre 2023, dalle ore 15.30, presso la Biblioteca Mozzi Borgetti – Sala Castiglioni, in Piazza Vittorio Veneto.

Il Gazebo a Macerata*

L’appuntamento con il Gazebo informativo del Tour “La Casa SI Cura” è invece per il giorno seguente, sabato 28 ottobre 2023, dalle 10 alle 16, in Piazza dell’Università.

Cosa troverai al Gazebo

Al Gazebo, potrai ricevere informazioni pratiche su come risparmiare energia con le nuove tecnologie (pannelli solari, ricarica auto elettrica, contatori online, ecc.), come adeguare il tuo impianto elettrico se vuoi introdurre in casa apparati ed elettrodomestici di ultima generazione senza avere brutte sorprese, chiarimenti sulla Direttiva “Case green, ecc..

Inoltre, puoi richiedere la VISITA GRATUITA di un tecnico abilitato per controllare l’impianto elettrico. Esso deve essere sempre adeguato alle ultime normative per garantire sicurezza e prevenire guasti. Il risparmio energetico è ora una vera necessità e per ottenerlo occorre aggiungere nelle case nuovi apparati ed elettrodomestici appropriati che non possono però essere collegati alla rete elettrica con il fai da te.

IMPORTANTE: Tutti coloro che non potranno recarsi al Gazebo nelle varie città toccate dal Tour,  avranno comunque la possibilità di richiedere il controllo GRATUITO attraverso il sito: www.lacasicura.org

Vi aspettiamo!

Venerdì 27 ottobre 2023, dalle ore 15,30

Convegno aperto al pubblico

“La Casa SI Cura”: tutto ciò che occorre sapere per una casa sicura
che fa risparmiare e rispetta il pianeta

Biblioteca Mozzi Borgetti – Sala Castiglioni
Macerata – Piazza Vittorio Veneto

Sabato 28 ottobre 2023, ore 10.00 – 16.00

Gazebo informativo
Macerata – Piazza dell’Università

* Entrambi gli eventi sono patrocinati dal Comune di Macerata.

Il nuovo Registro delle opposizioni spiegato con le immagini

19 Ottobre 2023

La Campagna informativa istituzionale lanciata dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy in collaborazione con le Associazioni Consumatori del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU), tra cui Adiconsum, ha avuto come obiettivo quello di far conoscere ai consumatori a cosa serve il nuovo Registro delle opposizioni (RPO) e in cosa può essere d’aiuto. 

Che cos’è e a cosa serve il Registro delle opposizioni

Istituito dal D.P.R. 178/2010, il Registro delle opposizioni è nato come strumento per i consumatori per difendersi dal c.d. “telemarketing selvaggio”, ossia da quelle telefonate commerciali ricevute a qualunque ora del giorno, comprese ora di pranzo e cena e anche nelle canoniche ore riservate al riposo. Al suddetto Registro, i cittadini-consumatori potevano iscrivere solo i numeri dei propri telefoni fissi presenti negli elenchi telefonici pubblici.

Il nuovo Registro delle opposizioni

Con la legge n.5/2018 e il DPR n. 26/2022, le funzioni del Registro, entrato definitivamente in vigore il 27 luglio 2022, sono state ampliate e potenziate.

Con il nuovo Registro per i consumatori è possibile:

  • registrare i numeri telefonici nazionali fissi e mobili
  • annullare tutti i consensi precedentemente rilasciati, ad eccezione di quelli aventi come oggetto la fornitura di beni e servizi e di quelli autorizzati dopo l’iscrizione al nuovo RPO.

Con il nuovo Registro, gli operatori hanno:

  • il divieto di cedere a terzi i dati personali
  • il divieto di utilizzare i compositori automatici
  • l’obbligo di verificare periodicamente i numeri iscritti nel Registro
  • l’obbligo per i call center di effettuare chiamate con numeri identificabili e richiamabili.

Il nuovo Registro prevede anche sanzioni amministrative pecuniarie più pesanti per chi non rispetta le regole: fino a 20 milioni di euro o per le imprese, fino al 4% del fatturato mondiale totale annuo dell’esercizio precedente, se superiore.

I benefici per i cittadini-consumatori

Con l’iscrizione dei propri numeri telefonici nazionali, fissi e cellulari, i consumatori non saranno più oggetto di telefonate commerciali indesiderate, effettuate sia da operatore umano che automatizzate, ad eccezione dei consensi rilasciati per la fornitura di beni e servizi (es. i gestori delle utenze).

Come iscrivere il proprio numero al Registro

Innanzitutto bisogna iscriversi al Registro e poi compilare l’apposito modulo. Si possono iscrivere fino a 5 numeri telefonici di cui si è intestatari con regolare contratto. Si possono iscrivere anche gli indirizzi postali associati ai numeri presenti negli elenchi telefonici pubblici, non ricevendo più la pubblicità cartacea degli operatori che li utilizzano.

Per saperne di più sull’iscrizione, clicca qui

L’iscrizione è a pagamento?

No, l’iscrizione è GRATUITA e a tempo indeterminato, ma può essere rinnovata, se, ad esempio, si vogliono annullare dei consensi rilasciati dopo l’iscrizione al Registro.

La Campagna informativa istituzionale

Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy con la Campagna istituzionale informativa in collaborazione con le Associazioni Consumatori del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU), tra cui Adiconsum, ha voluto far conoscere le nuove funzionalità del Registro e i nuovi diritti acquisiti dai cittadini.

Per saperne di più, clicca qui

Di seguito le Card della Campagna istituzionale
del Ministero delle Imprese e del Made in Italy

             

           

             

             

             

           

Il Video della Campagna del Ministero delle Imprese e del Made in Italy

  • INFO CONSUMATORI
  • NEWS
  • Bonus colonnine di ricarica auto elettriche: dal 19 ottobre domanda sulla piattaforma di Invitalia

Bonus colonnine di ricarica auto elettriche: dal 19 ottobre domanda sulla piattaforma di Invitalia

19 Ottobre 2023

Dalle ore 12.00 del 19 ottobre 2023, è in funzione la piattaforma gestita da Invitalia per richiedere il bonus per l’avvenuta installazione delle colonnine di ricarica delle auto elettriche sia come cittadino singolo sia come condominio. A quanto ammonta e cosa fare per richiederlo.

Che cos’è il bonus colonnine elettriche

  • È un incentivo erogato nei confronti di quei cittadini-consumatori privati e condomini che hanno acquistato e installato degli impianti di ricarica per le auto elettriche.

A quanto ammonta il bonus

  • Il bonus è pari all’80% della spesa sostenuta per l’acquisto e la posa dell’infrastruttura di ricarica. Il tetto massimo è di 1.500 euro per i privati e fino a 8.000 euro per i condomini.

A quanto ammontano le risorse stanziate

  • In tutto si tratta di 80 milioni di euro: 40 milioni per il 2022 e 40 per il 2023.

Chi può richiedere il bonus

  • I cittadini residenti in Italia.

Quando si può presentare la domanda per ottenere il bonus

  • Dalle ore 12.00 del 19 ottobre 2023 è in funzione la piattaforma online gestita da Invitalia, peer presentare la DOMANDA per richiedere il bonus. L’ultimo giorno utile per presentare la domanda è alle ore 12.00 del 2 novembre 2023.

IMPORTANTE: queste date valgono solo per coloro che hanno acquistato e installato le colonnine nel periodo 4 ottobre-31 dicembre 2022. Il Ministero non ha ancora reso note le date per gli impianti acquistati e posti in opera nel 2023.

Che cosa serve

L’accesso alla piattaforma per ottenere il bonus avviene sempre attraverso una delle solite modalità:

  • SPID
  • CIE
  • CNS.

Una volta entrati, bisogna compilare la domanda online in ogni sua parte. Il perfezionamento della domanda richiede il possesso di una pec (indirizzo di posta elettronica certificata).

Bonus veicoli sicuri: ancora un po’ di tempo per richiederlo

18 Ottobre 2023

Chiuderà definitivamente il prossimo 31 dicembre la misura di sostegno denominata “bonus veicoli sicuri” che permette di far recuperare agli automobilisti una parte dei costi sostenuti per la revisione della propria auto/moto sostenuti nel 2023. Ricordiamo cosa fare per richiedere e ottenere il bonus.

Come richiedere il bonus veicoli sicuri

Per ottenerlo basta accedere al sito:

https://www.bonusveicolisicuri.it/veicoliSicuri/#/beneficiario/homePage

con le credenziali di SPID, CIE o CNS.

L’importo del bonus

L’importo che può essere recuperato è di 9,95 euro.

Quante volte si può richiedere il bonus

  • Una sola volta per ogni veicolo.

Fine della validità del bonus

  • Sulla piattaforma del bonus veicoli sicuri è indicata la chiusura definitiva della misura per il 31 dicembre 2023.

Adiconsum è membro di:

  • CNCU
  • Consumer's Forum

Adiconsum è affiliato di:

  • BEUC

Adiconsum è socio di:

  • Forum Terzo Settore
  • ASVIS
  • Motus-E
  • E-Mob
  • Coordinamento Free
  • PCN Italia
  • Osservatorio Imprese e Consumatori (OIC)
  • Forum Unirec
  • PEFC Italia
  • Forum per la Finanza Sostenibile Ente del Terzo Settore

Adiconsum è aderente e/o collabora con:

  • NEXT
  • Alleanza contro la povertà
  • SAFE
  • Equalitas
  • Valoritalia
  • AIDR
  • Fondazione per la sostenibilità digitale
  • Anta Italia
  • Ambiente e Società
  • Forum Ania Consumatori
  • CIG
  • SACERT
  • Italy 4 clime

Sede nazionale
Via Giovanni Maria Lancisi, 25
00161 Roma

Top