GAS: più di 1 anno di nostre richieste a tutela delle famiglie sul caro energia inascoltate dalla politica

1 Settembre 2022

CARO ENERGIA

Adiconsum:

Il Governo ha ignorato i nostri allarmi.
Dopo notevoli aggravi per consumatori e imprese, con oltre 1 anno di ritardo,
partiti e Governo aprono gli occhi sull’emergenza gas

 

1 settembre 2022 – Al primo annuncio del MITE di un possibile aumento del 40% del gas, immediatamente, come Adiconsum, il 2 luglio 2021 abbiamo emesso un comunicato stampa esprimendo forte preoccupazione e inviato, in data 6 agosto 2021, una richiesta al MITE e al MISE per l’apertura di un Tavolo permanente di settore con tutti gli stakeholder con l’obiettivo, da un lato di monitorare l’andamento del prezzo del gas e dall’altro di concordare unitamente le strategie da adottare.

Nonostante le nostre ripetute richieste nel corso del tempo contenenti anche alcune concrete istanze, avanzate molto prima del conflitto russo-ucraino, il Governo ha finora ignorato non solo le nostre proposte, ma anche quelle unitarie di tutte le Associazioni Consumatori, riconosciute dalla legge aderenti al CNCU, culminate con la Manifestazione in tutte le piazze italiane, denominata “Protesta delle pentole vuote”.

Il Governo ha deciso di tamponare la grave situazione del caro energia, con interventi di sostegno finanziario, seppur apprezzabili, ma limitati e temporanei, senza intervenire strutturalmente come da noi richiesto.

Per dovere di cronaca, riportiamo sinteticamente di seguito alcune nostre proposte che avrebbero dato respiro a famiglie e imprese e i comunicati e le iniziative di Adiconsum sul caro energia.

Proposte

A livello europeo:

  • porre un tetto al prezzo del gas limitando le speculazioni alla borsa di Amsterdam e svincolare il prezzo dell’energia elettrica da quello del gas.

A livello italiano:

  • calcolare il prezzo dell’energia sulla base di una media ponderata riferita a tutte le fonti di produzione e non solo al gas
  • sterilizzare oneri, accise e Iva sugli aumenti indiscriminati di gas, energia elettrica e carburanti
  • accelerare gli iter autorizzativi per l’installazione di impianti di energia rinnovabile ed emettere i decreti attuativi per la costituzione delle Comunità energetiche
  • predisporre un piano emergenziale per la costruzione di infrastrutture energetiche
  • promuovere una campagna istituzionale di informazione/comunicazione sull’uso razionale dell’energia, tesa all’efficienza e al risparmio energetico
  • utilizzare parte degli extra-profitti delle imprese per l’installazione di impianti di energia rinnovabile, a partire dai cittadini-consumatori in povertà energetica, con ciò creando sviluppo e opportunità occupazionali anche delle stesse aziende energetiche.

Comunicati ed iniziative sul caro energia

Comunicato 2 luglio 2021

Comunicato 6 agosto 2021

Comunicato 16 settembre 2021

Comunicato 24 settembre 2021

Comunicato 23 novembre 2021

Comunicato 3 dicembre 2021

Comunicato 5 gennaio 2022

Comunicato 28 gennaio 2022

Comunicato 14 febbraio 2022 (“Ricetta” di Adiconsum)

Comunicato 18 febbraio 2022

Comunicato 30 marzo 2022 (1^ Assemblea nazionale Associazioni Consumatori del CNCU)

Comunicato 6 aprile 2022

Iniziativa 10 giugno 2022 – Protesta delle “pentole vuote”

Comunicato 14 luglio 2022 (Appello della società civile)

Comunicato 4 agosto 2022

Adiconsum è membro di:

  • CNCU
  • Consumer's Forum

Adiconsum è affiliato di:

  • BEUC

Adiconsum è socio di:

  • Forum Terzo Settore
  • ASVIS
  • Motus-E
  • E-Mob
  • Coordinamento Free
  • PCN Italia
  • Osservatorio Imprese e Consumatori (OIC)
  • Forum Unirec
  • PEFC Italia

Adiconsum è aderente e/o collabora con:

  • NEXT
  • Alleanza contro la povertà
  • SAFE
  • Equalitas
  • Valoritalia
  • AIDR
  • Fondazione per la sostenibilità digitale
  • Anta Italia
  • Ambiente e Società
  • Forum Ania Consumatori
  • CIG
  • SACERT
  • Italy 4 clime
ItalianoEnglish

Sede nazionale
Via Giovanni Maria Lancisi, 25
00161 Roma

Top